Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa sono l’eutanasia e il suicidio assistito?

L’eutanasia e il suicidio assistito dal medico si riferiscono ad azioni deliberate prese con l’intenzione di porre fine a una vita, al fine di alleviare la sofferenza persistente.

Nella maggior parte dei paesi, l’eutanasia è contro la legge e può portare a una pena detentiva. Negli Stati Uniti, la legge varia tra gli stati.

L’eutanasia è stata per lungo tempo un argomento controverso ed emotivo.

Eutanasia e suicidio assistito

paziente e medico si tengono per mano

Le definizioni di eutanasia e suicidio assistito variano.

Un’utile distinzione è:

Eutanasia: un medico è autorizzato dalla legge a porre fine alla vita di una persona con mezzi indolori, a patto che il paziente e la sua famiglia siano d’accordo.

Suicidio assistito: un medico assiste un paziente a suicidarsi se lo richiede.

Eutanasia volontaria e involontaria

L’eutanasia può anche essere classificata come volontaria o involontaria.

L’eutanasia volontaria è condotta con il consenso. L’eutanasia volontaria è attualmente legale in Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Svizzera e negli stati dell’Oregon e di Washington negli Stati Uniti.

L’eutanasia involontaria è l’eutanasia condotta senza consenso. La decisione è presa da un’altra persona, perché il paziente non è in grado di prendere una decisione.

Eutanasia passiva e attiva

Esistono due classificazioni procedurali dell’eutanasia:

L’eutanasia passiva è quando i trattamenti di sostegno alla vita sono trattenuti. Le definizioni non sono precise. Se un medico prescrive dosi crescenti di forti farmaci antidolorifici, come gli oppioidi, questo alla fine può essere tossico per il paziente. Alcuni potrebbero sostenere che si tratta di eutanasia passiva.

Altri, tuttavia, direbbero che questa non è eutanasia, perché non c’è intenzione di prendere la vita.

L’eutanasia attiva è quando qualcuno usa sostanze o forze letali per porre fine alla vita di un paziente, sia dal paziente che da qualcun altro.

L’eutanasia attiva è più controversa ed è più probabile che implichi argomenti religiosi, morali, etici e compassionevoli.

Cos’è il suicidio assistito?

Il suicidio assistito ha diverse interpretazioni e definizioni.

Uno è:

“Aiutare intenzionalmente una persona a suicidarsi fornendo farmaci per l’auto-somministrazione, a richiesta volontaria e competente di quella persona”.

Alcune definizioni includono le parole “per alleviare la sofferenza intrattabile (persistente, inarrestabile)”.

Il ruolo delle cure palliative

Poiché il dolore è il segno più visibile di sofferenza per la sofferenza persistente, le persone con cancro e altre condizioni croniche potenzialmente letali riceveranno spesso cure palliative. Gli oppioidi sono comunemente usati per gestire il dolore e altri sintomi.

Gli effetti avversi degli oppioidi comprendono sonnolenza, nausea, vomito e stitichezza. Possono anche creare dipendenza. Un sovradosaggio può essere pericoloso per la vita.

Rifiutando il trattamento

In molti paesi, compresi gli Stati Uniti, un paziente può rifiutare il trattamento che è raccomandato da un professionista della salute, a condizione che sia stato adeguatamente informato e che sia “di buona idea”.

Storia

Un argomento contro l’eutanasia o il suicidio assistito dal medico è il giuramento di Ippocrate, risalente a circa 2500 anni. Tutti i dottori fanno questo giuramento.

Il giuramento di Ippocrate

Il giuramento originale includeva, tra le altre cose, le seguenti parole:

“Non darò mai una droga mortale a nessuno che lo abbia chiesto, né darò un suggerimento a questo effetto.”

Ci sono variazioni del giuramento moderno.

Uno afferma:

“Se mi è stato dato di salvare una vita, grazie, ma potrebbe anche essere in mio potere prendere una vita, questa grande responsabilità deve essere affrontata con grande umiltà e consapevolezza della mia fragilità”.

Poiché il mondo è cambiato dai tempi di Ippocrate, alcuni ritengono che il giuramento originale sia superato. In alcuni paesi viene utilizzata una versione aggiornata, mentre in altri, ad esempio in Pakistan, i medici aderiscono ancora all’originale.

Man mano che vengono resi disponibili più trattamenti, ad esempio, la possibilità di estendere la vita, indipendentemente dalla sua qualità, è un problema sempre più complesso.

Eutanasia negli Stati Uniti

Negli Stati Uniti e in altri paesi, l’eutanasia è stata oggetto di dibattito fin dai primi anni del 1800.

Nel 1828, la prima legge anti-eutanasia negli Stati Uniti fu approvata nello stato di New York. Col tempo, altri Stati hanno seguito l’esempio.

Nel 20 ° secolo, Ezekiel Emmanual, un bioeticista degli American National Institutes of Health (NIH), ha affermato che l’era moderna dell’eutanasia è stata introdotta dalla disponibilità dell’anestesia.

Nel 1938, negli Stati Uniti fu istituita una società di eutanasia, per fare pressione per il suicidio assistito.

Il suicidio medico-assistito divenne legale in Svizzera nel 1937, a patto che il medico che poneva fine alla vita del paziente non avesse nulla da guadagnare.

Durante gli anni ’60, la promozione di un approccio “right to die” all’eutanasia crebbe.

I Paesi Bassi hanno depenalizzato il suicidio assistito dal medico e allentato alcune restrizioni nel 2002. Nel 2002 il suicidio medico-assistito è stato approvato in Belgio.

Negli Stati Uniti, i comitati etici formali ora esistono negli ospedali, nelle case di cura e negli ospedali e le direttive sulla salute, o testamento biologico, sono comuni in tutto il mondo. Questi diventarono legali in California nel 1977, con altri stati che presto seguirono l’esempio. Nel testamento biologico, la persona dichiara i propri desideri per le cure mediche, nel caso in cui non riescono a prendere la propria decisione.

Nel 1990 la Corte Suprema ha approvato l’uso dell’eutanasia non attiva.

Nel 1994, gli elettori dell’Oregon hanno approvato la legge sulla morte con la dignità, consentendo ai medici di assistere i pazienti terminali che non avrebbero dovuto sopravvivere per più di 6 mesi.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha adottato tali leggi nel 1997 e il Texas ha reso l’eutanasia non attiva legale nel 1999.

Il caso Terri Schiavo ha galvanizzato l’opinione pubblica in Florida e negli Stati Uniti.Schiavo ha avuto un arresto cardiaco nel 1990 e ha trascorso 15 anni in uno stato vegetativo prima che la richiesta di suo marito di permetterle di passare fosse concessa.

Il caso ha coinvolto varie decisioni, appelli, mozioni, petizioni e udienze in tribunale per un certo numero di anni prima che venisse presa la decisione di disconnettere il supporto vitale di Schiavo nel 2005.

La legislatura della Florida, il Congresso degli Stati Uniti e il presidente Bush hanno tutti avuto un ruolo.

Nel 2008, il 57,91% degli elettori nello Stato di Washington ha scelto la legge sulla morte con la dignità e l’atto è diventato legge nel 2009.

Controversia

Vari argomenti sono comunemente citati a favore e contro l’eutanasia e il suicidio assistito dal medico.

Argomenti per

Libertà di scelta: gli avvocati sostengono che il paziente dovrebbe essere in grado di fare la propria scelta.

Qualità della vita: solo il paziente sa davvero come si sente e come il dolore fisico ed emotivo della malattia e della morte prolungata influisce sulla qualità della vita.

Dignità: ogni individuo dovrebbe poter morire con dignità.

Testimoni: molti di coloro che assistono alla lenta morte di altri credono che dovrebbe essere consentita la morte assistita.

Risorse: ha più senso canalizzare le risorse di personale altamente qualificato, attrezzature, letti e farmaci per trattamenti salvavita per coloro che desiderano vivere, piuttosto che per quelli che non lo fanno.

Umano: È più umano permettere a una persona con sofferenza intrattabile di poter scegliere di porre fine a quella sofferenza.

Amati: può aiutare ad accorciare il dolore e la sofferenza dei propri cari.

Lo facciamo già: se un animale domestico amato ha sofferenze intrattabili, è visto come un atto di gentilezza farlo addormentare. Perché questa gentilezza dovrebbe essere negata agli umani?

Argomenti contro

Il ruolo del medico: gli operatori sanitari potrebbero non essere disposti a compromettere i loro ruoli professionali, specialmente alla luce del giuramento di Ippocrate.

Argomenti morali e religiosi: diverse fedi considerano l’eutanasia una forma di omicidio e moralmente inaccettabile. Anche il suicidio è “illegale” in alcune religioni. Moralmente, vi è una tesi secondo cui l’eutanasia indebolirà il rispetto della società per la santità della vita.

Competenza del paziente: l’eutanasia è volontaria solo se il paziente è mentalmente competente, con una lucida comprensione delle opzioni e delle conseguenze disponibili e la capacità di esprimere quella comprensione e il loro desiderio di interrompere la propria vita. Determinare o definire la competenza non è semplice.

Senso di colpa: i pazienti possono ritenere di essere un peso per le risorse e sono psicologicamente sotto pressione per acconsentire. Possono ritenere che il peso finanziario, emotivo e mentale della loro famiglia sia troppo grande. Anche se i costi del trattamento sono forniti dallo stato, c’è il rischio che il personale ospedaliero possa avere un incentivo economico per incoraggiare il consenso all’eutanasia.

Malattia mentale: una persona depressa ha più probabilità di chiedere il suicidio assistito, e questo può complicare la decisione.

Pendenza scivolosa: c’è il rischio che il suicidio assistito dal medico inizi con quelli che sono malati terminali e desiderano morire a causa di una sofferenza intrattabile, ma poi iniziano a includere altri individui.

Possibile recupero: molto occasionalmente, un paziente si riprende, contro tutte le probabilità. La diagnosi potrebbe essere sbagliata.

Cure palliative: le buone cure palliative rendono superflua l’eutanasia.

Regolamento: l’eutanasia non può essere regolata correttamente.

statistica

Le opinioni sembrano crescere a favore dell’eutanasia e del suicidio assistito.

Nel 2013, i ricercatori hanno pubblicato i risultati di un sondaggio in cui hanno chiesto alle persone di 74 paesi le loro opinioni sul suicidio assistito da un medico.

Complessivamente, il 65% degli intervistati ha votato contro il suicidio assistito dal medico. In 11 dei 74 paesi, il voto era principalmente per.

Negli Stati Uniti, in cui 1.712 intervistati hanno rappresentato 49 stati, il 67% ha votato contro. In 18 stati, la maggioranza era per il suicidio assistito da un medico. Questi 18 non includevano Washington o Oregon.

Nel 2017, un sondaggio Gallup ha indicato che il 73% degli intervistati era favorevole all’eutanasia negli Stati Uniti, e il 67% era a favore del suicidio assistito dal medico.

Tra i fedeli della chiesa, Gallup ha scoperto che il 55% era favorevole a un medico che poneva fine alla vita di un paziente malato terminale, rispetto all’87% di quelli che non frequentano regolarmente la chiesa.

È anche un problema politico. Il sondaggio di Gallup del 2017 ha rilevato che quasi 9 liberali su 10 sono favorevoli, rispetto al 79% dei moderati e al 60% dei conservatori.

Quante persone muoiono ogni anno?

Nei paesi in cui l’eutanasia o il suicidio assistito sono legali, sono responsabili per un totale compreso tra lo 0,3 e il 4,6% dei decessi, oltre il 70% dei quali si riferiscono al cancro. Negli stati dell’Oregon e di Washington, meno dell’1 per cento dei medici scrive prescrizioni che aiuteranno il suicidio ogni anno.

Like this post? Please share to your friends: