Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa succede nel cervello di uno psicopatico?

È noto che gli psicopatici possono commettere atti violenti e spesso criminali. Ma i meccanismi neurali precisi che sono alla base di questo comportamento sono rimasti inafferrabili. Tuttavia, una nuova ricerca rivela i circuiti neurali che possono guidare il comportamento psicopatico.

i neuroni sparano nel cervello

Cosa succede nella mente di uno psicopatico? Dagli studi neuroscientifici specializzati ai libri di psicologia popolare, questa domanda di graffiare la testa ha preoccupato per anni scienziati, etici e giornalisti.

Mentre è noto che gli psicopatici a volte mostrano comportamenti violenti o criminali, le basi neurologiche di questa condizione sono rimaste un po ‘misteriose.

Ma un team di ricercatori della Harvard University di Cambridge, MA – guidato da Joshua Buckholtz, professore associato di psicologia – ha recentemente deciso di svelare alcuni di questi misteri. Esaminando le scansioni cerebrali di quasi 50 detenuti in due prigioni di media sicurezza nel Wisconsin, il Prof. Buckholtz e il suo team hanno esaminato che cosa fa agire gli psicopatici nel modo in cui agiscono, così come ciò che guida il loro processo decisionale.

Forse non sappiamo ancora cosa succede in uno psicopatico, ma le nuove scoperte – che sono pubblicate sulla rivista – possono aiutarci a capire cosa succede loro.

Studiare psicopatici nelle carceri

Come spiegano gli autori, studi precedenti hanno indicato un’associazione tra il fattore impulsivo-antisociale e i circuiti anticipatori della ricompensa nel cervello, misurati dalla segnalazione dipendente dal livello di ossigeno nel sangue, che è una tecnica standard utilizzata nella risonanza magnetica funzionale.

Ad esempio, alcuni studi hanno riscontrato un volume maggiore di materia grigia striatale negli adolescenti con sintomi impulsivi-antisociali, così come nei reati psicopatici.

Inoltre, il prof. Buckholtz e il gruppo hanno dimostrato in uno studio precedente che il punteggio elevato sulla scala impulsivo-antisociale era fortemente correlato con i circuiti di rilascio di dopamina e l’aumento dell’attività cerebrale in aree associate all’anticipazione della ricompensa, vale a dire il nucleo accumbens.

Tutti questi studi hanno suggerito ai ricercatori che il comportamento psicopatico può essere associato ad un’eccessiva trasmissione di dopamina e ad una più forte “reattività funzionale alle ricompense” nello striato. Così si misero in marcia per verificare se la loro ipotesi fosse corretta o meno.

Come parte dello studio, a 49 detenuti è stato chiesto di completare un cosiddetto test di gratificazione ritardata mentre i loro cervelli sono stati scansionati utilizzando scanner mobili. Nel test, i partecipanti dovevano scegliere tra ricevere una piccola somma di denaro subito e ricevere una quantità maggiore in seguito.

I ricercatori hanno quindi stimato il valore soggettivo che ciascuna delle due opzioni ha presentato ai partecipanti. La somma di questi valori soggettivi è stata inserita in un modello basato parzialmente su studi condotti su primati.

Il modello ha permesso agli scienziati di misurare l’impulsività delle scelte dei partecipanti, nonché di individuare le aree cerebrali che sono fondamentali nel giudicare il valore di queste scelte.

I ricercatori hanno anche esaminato le caratteristiche psicopatiche dei detenuti utilizzando un test di psicopatia tradizionale chiamato Checklist di psicopatia della lepre rivisto.

Psicopatia come “disfunzione del cablaggio cerebrale”

“[La] più persona psicopatica è, maggiore è la portata di quella risposta striatale”, spiega il Prof. Buckholtz. “Questo suggerisce che il modo in cui stanno calcolando i premi di valore è disregolato – potrebbero sovra-rappresentare il valore della ricompensa immediata”.

L’esperimento ha confermato l’ipotesi degli scienziati. Il Prof. Buckholtz e il team hanno scoperto che i detenuti con il punteggio più alto nel test di psicopatia hanno anche mostrato una maggiore attività in un’area del cervello chiamata striato ventrale, una regione chiave per valutare i premi immediati.

Normalmente, l’attività nello striato ventrale del cervello è anche regolata da un’altra regione del cervello, chiamata corteccia prefrontale mediale ventrale (vmPFC).

Questa area è coinvolta nel processo decisionale sociale e morale, nell’apprendimento della paura e nelle risposte empatiche. Il vmPFC è anche responsabile della capacità di proiettare le conseguenze delle nostre azioni e decisioni nel futuro.

Pertanto, vmPFC può controllare in che modo lo striato rappresenta il valore di una ricompensa e, in assenza di tale regolamento, il valore di tale premio potrebbe essere sovrastimato.

Il Prof. Buckholtz e il team hanno mappato diverse aree del cervello che sono state collegate allo striato ventrale per vedere come influenzano il processo decisionale e hanno scoperto che la connettività tra il vmPFC e lo striato ventrale era indebolita.

“Abbiamo scoperto che le connessioni tra lo striato e la corteccia prefrontale mediale ventrale erano molto più deboli nelle persone con psicopatia”, spiega il Prof. Buckholtz. “Se rompi questa connessione in qualcuno, inizieranno a fare scelte sbagliate perché non avranno le informazioni che altrimenti guiderebbero il loro processo decisionale verso fini più adattivi.”

È importante sottolineare che l’effetto della debole connettività corticostriatale era così chiaro che i ricercatori erano in grado di prevedere il numero di condanne penali che i detenuti avevano ricevuto.

“Lo stesso tipo di decisione miope e impulsivo che vediamo negli individui psicopatici è stato notato anche nei sovra-mangiatori compulsivi e nei tossicodipendenti”.

“Se riusciamo a rimettere questo nel campo dell’analisi scientifica rigorosa, possiamo vedere che gli psicopatici non sono inumani, sono esattamente ciò che ci si aspetterebbe da esseri umani che hanno questo particolare tipo di disfunzione del cablaggio cerebrale.”

Prof. Joshua Buckholtz

Scopri come le scansioni cerebrali differenziano due tipi di empatia.

Like this post? Please share to your friends: