Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

CPAP è ‘più efficace’ per il controllo della pressione arteriosa nei pazienti con apnea del sonno

“Lo studio HeartBEAT” rileva che la pressione positiva continua delle vie aeree è una terapia superiore per ridurre la pressione sanguigna nei pazienti con apnea notturna, rispetto all’ossigeno supplementare.

All’inizio degli anni ’80, i medici iniziarono a notare che un’alta percentuale di pazienti con apnea ostruttiva del sonno presentava anche ipertensione clinica o ipertensione. Nei successivi 20 anni questa associazione ha causato un grande dibattito tra i medici, con la ricerca incapace di concludere se l’apnea notturna causa l’ipertensione.

La ricerca è stata inconcludente in quanto l’apnea notturna e l’ipertensione condividono un gran numero di fattori di rischio, tra cui obesità, età, consumo di alcool, fumo, livelli di esercizio e consumo di caffeina.

I ricercatori che scrivono nella rivista specializzata del 2000 hanno definito “un anno eccezionale per gli studi di alta qualità sull’apnea notturna e l’ipertensione”, concludendo nel 2001 che:

“Ora sembra quasi oltre ogni ragionevole dubbio che [l’apnea ostruttiva del sonno] sia un fattore di rischio indipendente per l’ipertensione diurna, e che questo abbia conseguenze più che banali a livello di salute pubblica”.

paziente apnea del sonno del paziente che riceve pressione positiva continua delle vie aeree

Nelle persone che hanno apnea ostruttiva del sonno, i muscoli della gola si chiudono e bloccano le vie respiratorie mentre stanno dormendo. Ciò provoca un forte russamento interrotto da lunghi periodi di silenzio quando il loro respiro si ferma, seguito da forti sbuffi e rantoli mentre cercano di respirare di nuovo.

Queste lacune nella respirazione fanno salire la pressione sanguigna, perché il livello di ossigeno nel corpo cade e il cervello invia segnali ai vasi sanguigni per “stringere” in modo che il flusso di ossigeno al cuore e al cervello sia aumentato.

La pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) è il trattamento più comunemente prescritto per l’apnea ostruttiva del sonno. Ciò comporta il paziente che indossa una maschera mentre dormono, collegato a una piccola macchina che pompa l’aria nelle vie aeree del paziente, il che aiuta a prevenire la chiusura delle vie aeree.

Lo ‘studio HeartBEAT’ indaga la prevenzione dei problemi cardiaci nei pazienti con apnea del sonno

Nel nuovo studio clinico a cuore singolo Biomarker di valutazione dell’apnea (HeartBEAT), i ricercatori del Brigham and Women’s Hospital di Boston, MA, hanno testato l’efficacia di CPAP all’abbassamento della pressione arteriosa nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno contro l’efficacia del notturno ossigeno supplementare e trattamenti di controllo educativo.

L’autore principale, il dott. Daniel Gottlieb, della divisione del sonno e dei disturbi circadiani dell’Ospedale di Brigham e delle donne, spiega la rilevanza di questo studio:

“L’effetto del CPAP sulla pressione arteriosa in questo studio è importante sia per i medici che per i loro pazienti. Precedenti studi hanno dimostrato che una diminuzione della pressione arteriosa di questa entità è associata a una riduzione fino al 20% della mortalità per ictus e al 15% riduzione della mortalità cardiovascolare “.

Nello studio, 318 pazienti di età compresa tra 45 e 75 anni con apnea ostruttiva del sonno almeno moderatamente grave sono stati randomizzati a ricevere uno stile di vita e un trattamento educativo da soli o in combinazione con CPAP o ossigeno supplementare notturno.

La pressione arteriosa dei partecipanti è stata misurata su un periodo di 24 ore prima e dopo 12 settimane di trattamento. I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati nel.

Sebbene non abbia accesso ai dati completi, i ricercatori di HeartBEAT riferiscono che il CPAP “ha ottenuto risultati significativamente migliori rispetto a quelli di controllo o di ossigeno supplementare sulla riduzione della pressione sanguigna”.

L’effetto del CPAP sull’abbassamento della pressione arteriosa è stato maggiore di notte, hanno osservato i ricercatori, e la riduzione è stata maggiore nella pressione diastolica rispetto alla pressione sistolica. Inoltre, la CPAP si è dimostrata efficace nel ridurre la pressione sanguigna anche nei partecipanti che avevano una pressione del sangue generalmente ben controllata.

“Studi come HeartBEAT offrono l’opportunità di testare rigorosamente le opzioni di trattamento dell’apnea, che dovrebbero aiutare i medici a determinare i migliori trattamenti per i singoli pazienti”, dice James Kiley, PhD, direttore della Divisione di Malattia Polmonare presso l’Istituto Nazionale Cuore, Polmone e Sangue, chi ha sostenuto lo studio.

Like this post? Please share to your friends: