Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Crescita dei capelli stimolata usando le cellule staminali

Un team di ricercatori dell’Università della California del Sud di Los Angeles è riuscito a far crescere i capelli a partire dalle cellule staminali, scoprendo i principali eventi molecolari coinvolti nella crescita dei capelli e stimolandolo nei topi adulti.

ravvicinata dei capelli dell'uomo calvo

La nuova ricerca – che è stata pubblicata sulla rivista – offre una spiegazione dettagliata del processo attraverso il quale i capelli crescono. I risultati aprono la strada alla stimolazione della crescita dei capelli in pazienti con alopecia o calvizie maschile.

Un team di ricercatori si è proposto di esaminare come i follicoli escono dalla pelle e come producono i capelli usando i cosiddetti organoidi, che sono gruppi di cellule staminali cresciute in vitro che possono auto-organizzarsi in una struttura organo-simile.

Hanno usato la struttura 3-D degli organoidi per ottenere una migliore comprensione di un certo organo, in quanto hanno proprietà simili all’organo che imita – che, in questo caso, è la pelle umana.

Il primo autore dello studio è Mingxing Lei, un ricercatore post-dottorato nel laboratorio di cellule staminali della University of Southern California (USC).

Il processo in sei fasi della crescita dei capelli

Lei e la squadra hanno usato organoidi della pelle derivati ​​da cellule della pelle sia neonate che adulte. Nello specifico, hanno usato cellule progenitrici, che sono un tipo di cellula più differenziato rispetto alle cellule staminali. Li hanno dissociati dalla pelle dei neonati e degli adulti e poi li hanno trapiantati in topi nudi.

I ricercatori hanno poi acquisito immagini dettagliate time-lapse delle colture 3D per vedere come si comportano le cellule e come si verifica lo sviluppo dei capelli.

Lei e colleghi sono stati in grado di vedere che le cellule appena nate hanno formato organoidi simili alla pelle in un processo in sei fasi iniziato con le cellule progenitrici dissociate (fase uno), che presto si sono aggregate (fase due).

Queste cellule aggregate si trasformarono poi in cisti polarizzate (fase tre), che poi si trasformarono in cosiddette cisti coalescenti (fase quattro), che andarono a formare una pelle planare (fase cinque).

Nella fase finale del processo, la pelle formava dei follicoli (passaggio 6), che venivano trapiantati in un topo. Qui, hanno prodotto i capelli.

Al contrario, i ricercatori hanno scoperto che le cellule cutanee progenitrici dissociate da un topo adulto non si muovevano oltre lo stadio di aggregazione né producevano alcun capello.

Lei e colleghi hanno continuato a studiare gli eventi molecolari e biofisici che hanno sostenuto questo processo di crescita dei capelli in sei fasi, spiegando che i ricercatori “hanno usato una combinazione di bioinformatica e screening molecolari” per svelare questi meccanismi.

Hanno trovato una maggiore attività in vari geni, compresi quelli coinvolti nella produzione di collagene – la proteina fibrosa che si trova nella pelle e in altri tessuti connettivi – e l’insulina, che è l’ormone che regola i livelli di zucchero nel nostro sangue.

Stimolare la crescita dei capelli

Inibendo l’attività di determinati geni a diversi stadi dello sviluppo dell’organoide, gli scienziati sono stati in grado di chiarire il loro ruolo nella transizione da una fase all’altra.

“La nostra indagine chiarisce un relè di eventi molecolari e processi biofisici al centro del processo di auto-organizzazione durante la morfogenesi del tessuto” scrivono gli autori. “Le molecole chiave per la transizione morfologica multistadio sono identificate e possono essere aggiunte o inibite per ripristinare il processo in stallo nelle cellule adulte”.

In effetti, Lei e colleghi hanno applicato queste nuove conoscenze genetiche e molecolari acquisite agli organoidi creati dalle cellule della pelle adulta, nel tentativo di far ripartire il processo di crescita dei capelli.

Significativamente, Lei e il team potrebbero stimolare con successo la crescita dei capelli in questi organoidi. Gli organoidi adulti sono riusciti a produrre il 40% di capelli in più rispetto agli organoidi derivati ​​dai neonati.

“Normalmente, molte persone anziane non sviluppano bene i capelli, perché le cellule adulte perdono gradualmente la loro capacità rigenerativa”, spiega l’autore senior Prof. Cheng-Ming Chuong, della Keck School of Medicine della USC. Tuttavia, spiega che le scoperte della sua squadra hanno implicazioni che potrebbero cambiare questo.

“Con le nostre nuove scoperte, siamo in grado di produrre nuovamente cellule di topo adulte e in futuro questo lavoro può ispirare una strategia per stimolare la crescita dei capelli in pazienti con condizioni che vanno dall’alopecia alla calvizie”.

Prof. Cheng-Ming Chuong

Like this post? Please share to your friends: