Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Criteri di McDonald: linee guida per la diagnosi della SM

I criteri di McDonald sono regole e suggerimenti per diagnosticare la sclerosi multipla.

I criteri forniscono linee guida ai medici per l’utilizzo delle prove cliniche dei segni e dei sintomi che una persona presenta, le loro scansioni MRI e alcuni altri test che possono essere utilizzati quando si tenta di diagnosticare la sclerosi multipla (SM).

Originariamente sviluppato nel 2001 dal professor Ian McDonald e da un team di ricercatori, i criteri hanno subito due revisioni per migliorare l’accuratezza dei test e accelerare il processo di diagnosi.

In questo articolo, vediamo quali sono i criteri e cosa è richiesto per una diagnosi di SM.

Quali sono i criteri diagnostici di McDonald?

Dottore, controllo, note

In sostanza, i criteri di McDonald aiutano i medici a diagnosticare la SM delineando i fattori clinici da cercare, così come eventuali dati aggiuntivi che possono aiutare a portare a una diagnosi. Indipendentemente dal fatto che un medico abbia bisogno di dati aggiuntivi per diagnosticare la SM utilizzando i criteri McDonald dipende dai sintomi che ha una persona.

Una diagnosi non richiede dati aggiuntivi se una persona presenta i seguenti sintomi:

  • due o più attacchi di sintomi della SM
  • evidenza di due o più lesioni sul cervello e sul midollo spinale o sul sistema nervoso centrale
  • prova ragionevole di un precedente bagliore MS

Questi sintomi mostrano collettivamente la diffusione nello spazio e la diffusione nel tempo, entrambi i termini sono descritti di seguito.

Cos’è la disseminazione nello spazio?

I criteri di McDonald per diagnosticare la SM osservano il numero di aree del cervello e del midollo spinale in cui si sono formate le lesioni. Questa diffusione è indicata come diffusione nello spazio.

Per essere considerato indicativo per la diagnosi di SM, una scansione MRI deve mostrare due o più lesioni luminose sul sistema nervoso centrale.

Le lesioni luminose sono classificate utilizzando la scansione T2, che è una delle più comuni scansioni MRI utilizzate per diagnosticare la SM. La scansione T2 rileva sia i vecchi che i nuovi danni causati al cervello e al midollo spinale.

Nello specifico, la scansione MRI deve rivelare lesioni luminose su due o più delle seguenti aree:

  • il midollo spinale
  • la regione periventricolare del cervello
  • la regione infratentoriale del cervello
  • la regione justacortical del cervello

Qual è la diffusione nel tempo?

Una signora in uno scanner MRI

La disseminazione nel tempo si riferisce al modo in cui il numero di lesioni aumenta nel tempo. Danni devono verificarsi in date separate per una diagnosi di SM.

I criteri per stabilire la disseminazione nel tempo includono la scoperta:

  • qualsiasi nuova lesione luminosa sul sistema nervoso centrale che non è stata visualizzata nell’ultima scansione MRI
  • una lesione asintomatica che migliora il contrasto e una lesione luminosa T2 che non migliora il contrasto su nessuna scansione

Una lesione migliorante è quella che appare più chiaramente quando una sostanza di contrasto viene aggiunta all’area prima della scansione. Questi tendono ad essere lesioni più recenti. Il gadolinio è un contrasto comune utilizzato nella scansione. Le lesioni non esaltanti non hanno confini così definiti.

In generale, ogni attacco o riacutizzazione della SM che una persona sperimenta si verifica in un periodo di tempo. Questo periodo varierà da persona a persona. In alcuni casi, anche i brillamenti vengono separati solo di alcuni giorni. In altri, potrebbero essere diverse settimane o addirittura mesi tra razzi.

I criteri rivisti di McDonald del 2010 possono aiutare ad accelerare la diagnosi in quanto includono i dati oltre le scansioni MRI. In alcuni casi, la SM può essere diagnosticata usando i criteri di McDonald con un solo bagliore noto.

Nella maggior parte dei casi, il numero di lesioni aumenterà dalla prima risonanza magnetica al secondo o terzo, a seconda della gravità della SM

Ulteriori dati per la diagnosi

Se una persona presenta due o più attacchi e evidenza di una lesione sul cervello o sul midollo spinale, non è possibile effettuare una diagnosi di SM basata sui criteri di McDonald.

Il medico deve prima confermare la disseminazione nello spazio, il che significa che una risonanza magnetica deve mostrare lesioni su più di un’area del cervello e del midollo spinale. Il medico può anche aspettare fino a quando la persona sperimenta un altro attacco che indica un’area ulteriormente interessata.

Allo stesso modo, nei casi in cui una persona si presenta con un attacco e la prova di due o più lesioni, non è possibile effettuare una diagnosi formale della SM basandosi sui criteri di McDonald. I criteri richiedono una disseminazione nel tempo per una diagnosi da effettuare, con attacchi separati da date diverse mostrate dalla risonanza magnetica o un secondo attacco con sintomi clinici.

Quando una persona si presenta clinicamente con un attacco e la prova di una lesione, sono necessarie ulteriori informazioni. Una persona deve anche mostrare sia la disseminazione nello spazio che la disseminazione in tempo utile affinché possa essere fatta una diagnosi.

Se una persona mostra clinicamente una progressione neurologica suggestiva della SM, un medico ha bisogno di più dati per formulare una diagnosi formale.

In questi casi, dovranno confermare 1 anno di progressione della malattia e diffusione nello spazio, come dimostrato da due o più dei seguenti elementi:

  • una o più lesioni T2 nel cervello, in regioni caratterizzate dalla SM
  • due o più lesioni focali T2 nel midollo spinale
  • segni positivi di sclerosi multipla nel liquido del cervello e della colonna vertebrale

Revisioni dei criteri di McDonald

controllando le scansioni MRI

Ci sono state due revisioni dei criteri McDonald dal momento che i criteri originali sono stati presentati nel 2001.

Entrambe le revisioni hanno cercato di affrontare potenziali difetti nel metodo, nella velocità e nelle prove necessarie per effettuare una diagnosi di SM.

Le linee guida originali per i criteri diagnostici di McDonald sono descritte qui. Come nelle revisioni del 2005 e del 2010, i criteri del 2001 richiedevano la diffusione nello spazio e nel tempo.

Per la diffusione nello spazio, tre di quattro dei seguenti devono essere in atto:

  • una o più lesioni infratoriali o del midollo spinale
  • una lesione che migliora il gadolinio o nove lesioni cerebrali iperintense e del midollo T2
  • una o più lesioni nella sezione juxtacorticale del cervello
  • tre o più lesioni nella sezione periventricolare del cervello

Per la diffusione nel tempo, deve essere soddisfatta una delle due seguenti condizioni:

  • una o più nuove lesioni che potenziano il gadolinio su una scansione eseguita in una nuova area del sistema nervoso centrale almeno 3 mesi dopo i sintomi iniziali
  • una o più nuove lesioni T2 luminose su una scansione 30 o più giorni dopo i sintomi iniziali e la scansione

Analogamente alla revisione più recente, sono stati necessari ulteriori criteri clinici per effettuare una diagnosi di SM. Una persona doveva anche avere:

  • sintomi clinici
  • segni visivi di MS
  • bande oligoclonali nel fluido del cervello e della colonna vertebrale

Le bande oligoclonali consistono in proteine ​​e segnali di infiammazione da una malattia del sistema nervoso centrale.

Diagnosi di diversi tipi di SM

La SM ha diversi tipi, inclusi recidivanti, progressivi primari e progressivi secondari.

I criteri di McDonald possono anche identificare una quarta condizione nota come sindrome clinicamente isolata.

La sindrome clinicamente isolata si verifica quando una sola malattia infiammatoria attacca il cervello o il midollo spinale. La sindrome può interessare solo un’area, come la visione, o formare molte lesioni su diverse parti del sistema nervoso.

L’ultima versione dei criteri McDonald ha riconosciuto una differenza nella diagnosi del tipo progressivo di SM.

Per la SM progressiva, una persona deve ora avere un anno intero di progressione più almeno due dei tre seguenti criteri:

  • almeno due lesioni T2 sul midollo spinale
  • evidenza di almeno una lesione T2 nelle aree periventricolare, juxtacorticale o infratentoriale del cervello
  • segni positivi di sclerosi multipla nel liquido del cervello e della colonna vertebrale

Critica dei criteri

I critici dei criteri McDonald hanno espresso diverse preoccupazioni. Ad esempio, McDonald e il suo team specificano che i criteri dovrebbero essere applicati dopo che sono state escluse altre malattie, per aiutare a prevenire i falsi positivi.

Addizionalmente, i criteri di McDonald non definiscono in modo specifico cosa sia una lesione di SM. Anche dopo la revisione del 2010, non esiste una guida definitiva nei criteri di McDonald per definire l’aspetto di una lesione.

Like this post? Please share to your friends: