Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cura dell’emofilia? La prova di terapia genica mostra risultati drammatici

La ricerca di una cura per la forma più comune di emofilia sembra aver fatto un balzo in avanti dopo i risultati sorprendenti di un trial di terapia genica nel Regno Unito.

campioni di sangue e DNA

Un rapporto sullo studio, pubblicato nel, descrive come, più di un anno dopo aver ricevuto una singola dose di terapia genica per inserire un gene mancante, i partecipanti con emofilia A presentavano normali livelli di fattore di coagulazione e significative riduzioni del sanguinamento.

“Abbiamo visto risultati strabilianti che hanno di gran lunga superato le nostre aspettative”, osserva il coautore della carta Prof. K. John Pasi, direttore del Centro per l’emofilia presso il NHS Trust di Barts Health.

L’emofilia è una malattia ereditaria in cui il sangue non si coagula correttamente a causa di un difetto in un gene che controlla la produzione di un fattore di coagulazione.

Più basso è il livello del fattore di coagulazione, maggiore è la possibilità che anche il minimo danno possa causare un sanguinamento eccessivo o anche sanguinamento interno spontaneo, in particolare nelle articolazioni.

Il sanguinamento delle articolazioni può causare danni progressivi, artrite e dolore. Quando il sanguinamento si verifica nella testa, può portare a convulsioni e paralisi. L’emorragia può essere fatale se non può essere fermata o se avviene nel cervello o in un altro organo vitale.

La riparazione di un difetto genetico potrebbe “curare” l’emofilia

L’emofilia colpisce principalmente i maschi e ci sono due tipi principali. L’emofilia A, il tipo più comune, deriva dal deficit del fattore VIII, mentre l’emofilia B risulta dal deficit del fattore IX.

L’emofilia A è quattro volte più comune dell’emofilia B e si verifica in circa 1 su 5.000 maschi. Le stime suggeriscono che ci sono più di 400.000 persone con emofilia in tutto il mondo, tra cui 20.000 negli Stati Uniti e più di 2.000 nel Regno Unito, dove il processo ha avuto luogo.

Non esiste attualmente una cura per l’emofilia. Esistono trattamenti efficaci, ma sono costosi e comportano iniezioni per tutta la vita più volte alla settimana per prevenire il sanguinamento.

Durante lo studio di terapia genica, 13 persone con emofilia A di tutto il Regno Unito hanno ricevuto iniezioni di una copia del gene che codifica per il fattore VIII, la proteina di coagulazione del sangue che manca nelle persone con emofilia A.

I partecipanti, seguiti fino a 19 mesi, sono stati trattati in cinque ospedali: The Royal London, Guys and St Thomas ‘, Birmingham, Hampshire e Cambridge.

“Risultati sorprendenti”

I risultati dei test mostrano che oltre 1 anno dopo aver ricevuto il loro trattamento, tutti e 13 i pazienti sono stati in grado di interrompere il loro precedente trattamento, e 11 stanno mostrando livelli normali o quasi normali di fattore di coagulazione.

“Quando abbiamo iniziato,” dice il Prof. Pasi, “abbiamo pensato che sarebbe stato un risultato enorme mostrare un miglioramento del 5 percento, quindi vedere dei livelli normali o quasi normali con una drastica riduzione del sanguinamento è semplicemente sorprendente. “

In un editoriale collegato, il Dr. H. Marijke van den Berg, del Julius Center for Health Sciences e Primary Care presso l’University Hospital di Utrecht, nei Paesi Bassi, discute dell’importanza di questo studio di terapia genica e anche di un altro con pazienti affetti da emofilia B.

Il dott. Van den Berg ha recentemente osservato che l’emofilia si sta avvicinando a “un’epoca in cui i concentrati dei fattori di coagulazione sono abbondanti e la terapia genica è una realtà”.

Del nuovo processo, osserva che mentre “i livelli ottenuti sono impressionanti, la grande variazione tra i pazienti ha bisogno di chiarimenti”.

Prospettiva di “una vita senza sanguinamento”

Una delle cose che è necessario chiarire, spiega il dott. Van den Berg, è se sia possibile o meno prevedere quali persone potrebbero ricevere dosi più basse e se un “regime precondizionato” potrebbe ridurre la dose.

Inoltre, poiché lo studio ha escluso le persone il cui sistema immunitario può rifiutare il virus utilizzato per trasportare il gene correttivo (il vettore AAV), che non aveva una storia di sviluppo dell’inibizione del fattore VIII e che erano privi di epatite, non è chiaro se il trattamento funzionerebbe per la maggior parte delle persone con emofilia A.

“Poiché i pazienti che sono stati reclutati per gli studi attuali dovevano essere AAV-negativi, senza epatite attiva e inibitori-negativi, la maggior parte dei pazienti con emofilia non può ancora beneficiare della terapia genica”, osserva il dott. Van den Berg.

Tuttavia, lei suggerisce che se il trattamento “potrebbe essere perfezionato”, allora le persone che nascono con questa malattia potrebbero guardare avanti per una “vita senza sanguinamento” e altri effetti collaterali devastanti.

Un’altra importante conseguenza del dott. Van den Berg è che, poiché la terapia genica può “curare” la malattia con un trattamento, potrebbe fare una grande differenza in quei paesi in via di sviluppo in cui le persone con emofilia non hanno accesso ai prodotti di coagulazione.

“Ora abbiamo davvero il potenziale per trasformare la cura per le persone con emofilia usando un trattamento unico per le persone che al momento devono iniettarsi se stesse ogni giorno, è così eccitante.”

Prof. K. John Pasi

Like this post? Please share to your friends: