Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Declino cognitivo: il basso livello di sodio nel sangue è un fattore di rischio?

Bassi livelli di sodio nel sangue sono stati collegati al declino delle funzioni cognitive tra uomini anziani sani in un nuovo studio, che è stato ora pubblicato nel.

un uomo più anziano con un prelievo di sangue

Gli autori suggeriscono che affrontare questi bassi livelli di sodio – che sono noti sotto il profilo medico come l’iponatremia – potrebbe essere utile per arrestare il declino cognitivo mentre le persone invecchiano.

L’iponatriemia si verifica quando i livelli di sodio nel sangue scendono al di sotto di 135 millimoli per litro (mmol / l).

Gli studi hanno dimostrato che bassi livelli di sodio possono essere legati ad un aumentato rischio di deficit di attenzione, cadute, fratture, problemi cardiaci e morte prematura.

hanno precedentemente riportato i risultati di studi che avvertono dei pericoli di bere troppo liquido durante l’esercizio, poiché ciò può portare a iponatremia associata all’attività fisica (EAH).

Sintomi lievi di EAH includono vertigini, nausea e gonfiore, ma i casi più gravi possono essere fatali. Si stima che almeno 14 atleti siano morti da EAH.

Gravi casi di iponatriemia sono stati precedentemente associati a problemi neurologici e cognitivi, ma gli studi non hanno evidenziato come i diversi livelli di sodio nel sangue influenzano la cognizione negli anziani.

Gli autori del nuovo studio, dell’Aniversity of Colorado Anschutz Medical Campus di Aurora, hanno deciso di indagare.

Il rischio di declino cognitivo è aumentato

I ricercatori dietro il nuovo studio hanno esaminato i dati di 5.435 uomini sani di età pari o superiore a 65 anni, che sono stati seguiti ciascuno per una media di 4,6 anni.

I risultati mostrano che gli uomini i cui livelli di sodio erano 126-140 mmol / L avevano il 30% in più di probabilità di presentare sintomi di deterioramento cognitivo all’inizio dello studio e il 37% di probabilità in più di sperimentare sintomi di declino cognitivo nel tempo, rispetto agli uomini con livelli di sodio di 141-142 mmol / L.

È interessante notare che alti livelli di sodio di 143-153 mmol / L erano anche associati a declino cognitivo nel tempo.

L’autrice dello studio principale Kristen Nowak, Ph.D., afferma che sono necessari ulteriori studi per indagare ulteriormente quali azioni correttive possono essere adottate per prevenire il declino cognitivo nelle persone con iponatriemia.

Aggiunge, “I livelli di sodio leggermente più bassi nel sangue rischiano di non essere notati nella pratica clinica.”

“Poiché sia ​​livelli di sodio sierico leggermente più bassi e lievi cambiamenti nella funzione cognitiva sono eventi comuni con l’avanzare dell’età, la ricerca futura su questo argomento è importante – compresa la determinazione se correggere livelli di sodio inferiori influisce sulla funzione cognitiva.”

Kristen Nowak, Ph.D.

Like this post? Please share to your friends: