Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Demenza di Parkinson: cause, sintomi e prospettive

La malattia di Parkinson è una malattia progressiva del sistema nervoso che può influenzare la mobilità di una persona e la sua capacità di svolgere attività quotidiane.

La malattia causa danni alle cellule nervose responsabili della produzione di dopamina, una sostanza chimica nel cervello che aiuta a trasmettere impulsi elettrici ai muscoli. Senza questi impulsi, una persona ha difficoltà a muoversi in modo coordinato.

La malattia di Parkinson può influenzare i movimenti di una persona, ma può anche influenzare i loro processi mentali, le funzioni mentali e la memoria. Il risultato può essere una condizione chiamata demenza di malattia di Parkinson.

Qual è la demenza della malattia di Parkinson?

La demenza del morbo di Parkinson è causata quando depositi di un composto, noto come alfa-sinucleina, si accumulano nel cervello. Questi depositi proteici sono chiamati corpi di Lewy.

[uomo in sedia a rotelle]

I sintomi associati alla demenza di malattia di Parkinson includono:

  • Ansia e irritabilità
  • deliri
  • Depressione
  • Difficoltà a dormire bene
  • Difficoltà a parlare chiaramente
  • Difficoltà nel prendere ciò che è visto e interpretarlo
  • Eccessiva sonnolenza diurna e movimenti oculari rapidi
  • La memoria cambia
  • Paranoia
  • Allucinazioni visive

In che modo la demenza della malattia di Parkinson si confronta con altri tipi di demenza?

La demenza è il risultato di cambiamenti fisici nel cervello che possono portare alla perdita di memoria e all’incapacità di pensare chiaramente. Esistono diversi tipi di demenza.

  • Malattia di Alzheimer: secondo l’Alzheimer’s Association, il morbo di Alzheimer è il tipo più comune di demenza, che colpisce tra il 60 e l’80% di tutte le persone con demenza. I sintomi includono depressione, comunicazione affetta, confusione, difficoltà a camminare e difficoltà a deglutire.
  • Malattia di Creutzfeldt-Jakob: la malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD) rappresenta un numero di malattie che possono includere “malattia della mucca pazza”. Una persona con CJD può sperimentare rapidi cambiamenti di memoria, comportamento e movimento.
  • Demenza con corpi di Lewy: questa condizione causa depositi di alfa-sinucleina nel cervello di una persona. I sintomi possono essere simili a quelli della malattia di Alzheimer. Le persone con demenza con corpi di Lewy possono anche sperimentare disturbi del sonno e allucinazioni visive, e possono avere un modello di camminata instabile.
  • Demenza frontotemporale: la demenza frontotemporale colpisce spesso le persone in età più giovane, ma non ha alcun cambiamento cerebrale definito. Tuttavia, provoca cambiamenti nella personalità, nel comportamento e nei movimenti.
  • Malattia di Huntington: questa malattia genetica è dovuta a un difetto genetico sul cromosoma 4 che porta a cambiamenti di umore, movimenti anormali e depressione.
  • Demenza mista: la demenza mista si verifica quando una persona ha la demenza dovuta a più di una causa, come la demenza del corpo di Lewy con demenza vascolare o il morbo di Alzheimer.
  • Idrocefalo a pressione normale: l’accumulo di pressione nel cervello può causare questa condizione. Colpisce la memoria, il movimento e la capacità di controllare la minzione di una persona.
  • Demenza vascolare: nota anche come demenza post-ictus, questa condizione si verifica dopo che una persona sperimenta un ictus, che sta sanguinando o blocco dei vasi nel cervello. Questo tipo di demenza influenza il pensiero di una persona e i suoi movimenti fisici.
  • Sindrome di Wernicke-Korsakoff: questa condizione si verifica a causa di una deficienza a lungo termine di vitamina B1 o tiamina. È più comune in coloro che abusano di alcol. Il sintomo principale è la memoria gravemente compromessa.

La demenza con corpi di Lewy e la demenza di Parkinson sono simili in quanto entrambi causano la formazione di corpi di Lewy. Tuttavia, il modo in cui i corpi di Lewy si formano nella demenza del morbo di Parkinson appare diverso da quelli che si formano nella demenza del corpo di Lewy.

Cause e fattori di rischio

La maggior parte delle cause del morbo di Parkinson sono idiopatiche. Ciò significa che un medico non sa perché una persona ha la condizione. Tuttavia, secondo la Johns Hopkins Medicine, la malattia di Parkinson ad esordio precoce è più comunemente attribuita a difetti genetici, possibilmente quelli ereditati da un genitore.

Pezzi del puzzle di Parkinson e della genetica.

I ricercatori hanno identificato diversi fattori di rischio che possono rendere una persona con malattia di Parkinson più probabile che si verifichi la demenza.

Questi fattori di rischio includono:

  • Età avanzata al momento della diagnosi
  • Sperimentare eccessiva sonnolenza diurna
  • Sperimentare allucinazioni prima che si verifichino altri sintomi di demenza
  • Avere un sintomo specifico del morbo di Parkinson, che fa sì che una persona abbia difficoltà a iniziare a fare un passo o chi possa fermarsi a metà passo quando cammina
  • Storia di lieve compromissione del pensiero
  • Più gravi sintomi di danno al movimento rispetto alla maggior parte delle persone con malattia di Parkinson

Tuttavia, i ricercatori non sanno perché alcune persone affette dal morbo di Parkinson sviluppano il danno nervoso che influisce sul pensiero e sui problemi di movimento.

In che modo la malattia di Parkinson progredisce nel tempo?

Secondo l’Alzheimer’s Association, circa il 50-80% delle persone con malattia di Parkinson soffrirà di demenza da morbo di Parkinson. La progressione media dei tempi dalla diagnosi del morbo di Parkinson alla demenza del morbo di Parkinson è di 10 anni.

La demenza del morbo di Parkinson può influenzare la capacità di una persona di vivere da soli. Questo perché gli stadi avanzati possono influenzare la comunicazione, la capacità di comprendere la lingua parlata, la memoria e la difficoltà a prestare attenzione.

Diagnosi della demenza di malattia di Parkinson

A una persona verrà diagnosticata la malattia di Parkinson più spesso prima che inizino i sintomi della demenza. Questo perché una persona ha maggiori probabilità di sviluppare problemi di mobilità prima che si verifichino cambiamenti nei modelli di pensiero.

Se una persona si presenta con questi sintomi, un medico dovrebbe controllarli sia per i cambiamenti di movimento che di pensiero.

Un individuo dovrebbe informare il proprio medico se si verifica uno dei seguenti sintomi:

  • Depressione
  • Difficoltà a pensare chiaramente
  • allucinazioni
  • Perdita di memoria
  • Disturbi del sonno

Alcuni di questi sintomi possono essere effetti collaterali dei farmaci presi per la malattia di Parkinson, ma se una persona ne manifesta qualcuno, deve informare il proprio medico in modo che possa escludere possibili cause di demenza.

I medici possono avere difficoltà a diagnosticare la demenza perché non esiste un test che possa dire definitivamente che una persona abbia la demenza o un tipo specifico di demenza.

Il primo passo che un medico può fare è considerare la salute generale della persona. Possono anche notare eventuali modifiche alla salute, ai movimenti e al comportamento nel tempo. A volte i familiari o gli operatori sanitari devono fornire queste informazioni, in quanto la persona non può ricordare o essere consapevole di tutte le modifiche.

Se una persona con morbo di Parkinson inizia a manifestare sintomi di demenza 1 anno o più dopo la diagnosi, un medico può diagnosticare la condizione di demenza da morbo di Parkinson.

A questo punto, un medico raccomanderà anche studi di imaging, come una risonanza magnetica (MRI), che può identificare eventuali cambiamenti cerebrali che potrebbero causare i sintomi.

Esempi potrebbero essere un tumore al cervello o un flusso limitato di sangue al cervello. La scansione non confermerebbe necessariamente che una persona soffra di demenza da morbo di Parkinson, ma escluderebbe altre possibili cause.

Trattamento e prevenzione

Nessuna cura esiste per la demenza di Parkinson. Invece, i trattamenti sono focalizzati sulla riduzione dei sintomi associati alla demenza. Questo può includere farmaci.

[vecchia signora con infermiera]

Esempi di farmaci per il trattamento includono:

  • Antidepressivi: i medici prescrivono più spesso inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) come Prozac, Celexa, Lexapro o Zoloft per ridurre la depressione.
  • Inibitori delle colinesterasi: questi farmaci hanno lo scopo di ridurre gli effetti del declino del pensiero in quelli con demenza.
  • Clonazepam: questo farmaco può aiutare a migliorare la qualità del sonno.
  • L-dopa: questo medicinale può ridurre il movimento influenzato dalla malattia di Parkinson ma può peggiorare i sintomi di confusione e demenza.

I medici possono anche prescrivere farmaci antipsicotici, ma devono farlo con cautela. Questo perché gli effetti collaterali possono ridurre gli episodi psicotici ma aumentare i sintomi del morbo di Parkinson. Questi farmaci possono anche causare maggiore confusione e cambiamenti nella coscienza.

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha recentemente approvato un nuovo farmaco antipsicotico, noto come pimavanserina, o Nuplazid. Questo farmaco ha dimostrato di trattare efficacemente le allucinazioni, senza causare gli effetti collaterali di alcuni altri farmaci antipsicotici.

I medici possono prescrivere una combinazione di questi farmaci come mezzo per ridurre i sintomi. È importante discutere entrambi i benefici e gli effetti collaterali quando si considerano i trattamenti.

Le persone con Parkinson possono anche beneficiare della terapia fisica, occupazionale e della parola per migliorare le capacità di movimento e comunicazione.

Prevenire la demenza di Parkinson

Attualmente, i medici non sanno come prevenire la malattia di Parkinson. Mentre alcune persone possono avere una predisposizione genetica verso la malattia, i ricercatori non hanno identificato un gene specifico.

È difficile raccomandare modifiche alla riproduzione o test genetici, poiché la maggior parte delle persone non è affetta dal morbo di Parkinson fino a tarda età. Ciò potrebbe significare che una persona non saprà di essere colpita fino a quando i suoi figli o le loro figlie non avranno già avuto figli.

prospettiva

L’aspettativa di vita delle persone con demenza di Parkinson è diversa da quella con la malattia di Parkinson. Secondo il Parkinson’s Disease Foundation, il 79,1 per cento delle persone affette da demenza da morbo di Parkinson è deceduto in un periodo di 6 anni, mentre il 64 per cento è morto con il solo Parkinson.

Mentre la demenza colpisce il tasso di sopravvivenza di una persona, ci sono molti farmaci, trattamenti e supporto disponibili per una persona che ha la malattia di Parkinson. I ricercatori stanno lavorando su nuovi farmaci e trattamenti. Questo potrebbe alla fine portare a una cura.

Like this post? Please share to your friends: