Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Demenza: sintomi, stadi e tipi

La demenza è un termine collettivo usato per descrivere vari sintomi del declino cognitivo, come la dimenticanza. È un sintomo di diverse malattie di base e disturbi cerebrali.

La demenza non è una singola malattia in sé, ma un termine generico per descrivere i sintomi di compromissione della memoria, della comunicazione e del pensiero.

Mentre la probabilità di avere la demenza aumenta con l’età, non è una parte normale dell’invecchiamento.

Un’analisi del censimento più recente stima che 4,7 milioni di persone di 65 anni o più negli Stati Uniti vivessero con il morbo di Alzheimer nel 2010. L’Associazione Alzheimer stima che:

  • poco più di un decimo delle persone di 65 anni o più hanno il morbo di Alzheimer
  • questa percentuale sale a circa un terzo delle persone di età pari o superiore a 85 anni
  • Il morbo di Alzheimer rappresenta il 60-80% di tutti i casi di demenza

Questo articolo discute le potenziali cause della demenza, i vari tipi e tutti i trattamenti disponibili.

Fatti veloci sulla demenza

  • ci sono circa 47,5 milioni di malati di demenza in tutto il mondo
  • un nuovo caso di demenza viene diagnosticato ogni 4 secondi
  • la demenza colpisce soprattutto le persone anziane, ma non è una parte normale dell’invecchiamento

Sintomi di demenza

[L'uomo conforta la donna]

Una persona con demenza può mostrare uno dei sintomi elencati di seguito, principalmente a causa della perdita di memoria.

Alcuni sintomi possono notare se stessi, altri possono essere notati solo da operatori sanitari o operatori sanitari.

I segni usati per compilare questo elenco sono pubblicati dall’American Academy of Family Physicians (AAFP) sulla rivista

Possibili sintomi di demenza:

  • Recente perdita di memoria – un segno di questo potrebbe essere la stessa domanda più volte.
  • Difficoltà nel completare compiti familiari – ad esempio, fare un drink o cucinare un pasto.
  • Problemi di comunicazione – difficoltà con il linguaggio; dimenticando parole semplici o usando quelle sbagliate.
  • Disorientamento: perdersi in una strada precedentemente familiare, ad esempio.
  • Problemi con il pensiero astratto – per esempio, trattare con il denaro.
  • Scomporre le cose – dimenticando la posizione di oggetti quotidiani come chiavi o portafogli, ad esempio.
  • Cambiamenti dell’umore: cambiamenti improvvisi e inspiegabili nella prospettiva o nella disposizione.
  • Cambiamenti di personalità – forse diventando irritabili, sospettosi o paurosi.
  • Perdita di iniziativa – mostrare meno interesse nell’iniziare qualcosa o andare da qualche parte.

Mentre il paziente invecchia, i sintomi della demenza in stadio avanzato tendono a peggiorare.

Fasi della demenza

A volte, la demenza è divisa approssimativamente in quattro fasi:

Deficit cognitivo lieve: caratterizzato da dimenticanza generale. Ciò colpisce molte persone che invecchiano, ma progredisce solo verso la demenza per alcuni.

Demenza lieve: le persone con una lieve demenza sperimenteranno disturbi cognitivi che occasionalmente hanno un impatto sulla loro vita quotidiana. I sintomi includono perdita di memoria, confusione, cambiamenti di personalità, perdita e difficoltà nella pianificazione e nello svolgimento delle attività.

Demenza moderata: la vita quotidiana diventa più difficile e l’individuo può aver bisogno di più aiuto. I sintomi sono simili alla demenza lieve ma aumentati. Gli individui possono aver bisogno di aiuto per vestirsi e pettinarsi. Possono anche mostrare cambiamenti significativi nella personalità; per esempio, diventando sospettoso o agitato senza motivo. È probabile che ci siano anche disturbi del sonno.

Grave demenza: in questa fase, i sintomi sono peggiorati considerevolmente. Potrebbe esserci una perdita di capacità di comunicare e l’individuo potrebbe aver bisogno di assistenza a tempo pieno. Compiti semplici come sedersi e alzare la testa diventano impossibili. Il controllo della vescica può essere perso.

Tipi di demenza

Esistono diversi tipi di demenza, tra cui:

  • La malattia di Alzheimer è caratterizzata da “placche” tra le cellule morenti nel cervello e “grovigli” all’interno delle cellule (entrambe sono dovute a anomalie delle proteine). Il tessuto cerebrale in una persona con l’Alzheimer ha progressivamente meno cellule nervose e connessioni, e la dimensione totale del cervello si riduce.
  • La demenza con corpi di Lewy è una condizione neurodegenerativa legata a strutture anormali nel cervello. I cambiamenti del cervello coinvolgono una proteina chiamata alfa-sinucleina.
  • Demenza mista si riferisce a una diagnosi di due o tre tipi che si verificano insieme. Ad esempio, una persona può mostrare allo stesso tempo sia la malattia di Alzheimer che la demenza vascolare.
  • La malattia di Parkinson è anche caratterizzata dalla presenza di corpi di Lewy. Sebbene il Parkinson sia spesso considerato un disturbo del movimento, può anche portare a sintomi di demenza.
  • La malattia di Huntington è caratterizzata da tipi specifici di movimenti incontrollati ma include anche la demenza.

Altri disturbi che portano a sintomi di demenza includono:

  • Demenza frontotemporale nota anche come malattia di Pick.
  • Idrocefalo a pressione normale quando l’eccesso di liquido cerebrospinale si accumula nel cervello.
  • L’atrofia corticale posteriore assomiglia ai cambiamenti osservati nella malattia di Alzheimer ma in una parte diversa del cervello.
  • La sindrome di Down aumenta la probabilità di Alzheimer ad esordio giovanile.

Primi segni

I primi segni di demenza possono includere:

  • Cambiamenti nella memoria a breve termine.
  • Cambiamenti di umore.
  • Difficoltà nel trovare le parole giuste
  • Apatia.
  • Confusione.
  • Essere ripetitivo.
  • Trova difficile seguire una trama.
  • Problemi nel completare le attività quotidiane.
  • Povero senso dell’orientamento.
  • Difficoltà ad adattarsi ai cambiamenti.

Cause di demenza

Le demenze possono essere causate dalla morte delle cellule cerebrali e la malattia neurodegenerativa – la progressiva morte delle cellule cerebrali che si verifica nel tempo – è associata alla maggior parte delle demenze.

Tuttavia non è noto se la demenza causi la morte delle cellule cerebrali, o la morte delle cellule cerebrali causi la demenza.

Ma, oltre alla progressiva morte delle cellule cerebrali, come quella vista nella malattia di Alzheimer, la demenza può essere causata da una lesione alla testa, un ictus o un tumore al cervello, tra le altre cause.

  • Demenza vascolare (detta anche demenza multi-infartuale) – derivante dalla morte delle cellule cerebrali causata da condizioni come la malattia cerebrovascolare, ad esempio l’ictus. Ciò impedisce il normale flusso sanguigno, privando le cellule cerebrali di ossigeno.
  • Lesione: la demenza post-traumatica è direttamente correlata alla morte delle cellule cerebrali causata da lesioni.

Alcuni tipi di lesioni traumatiche al cervello – in particolare se ripetitive, come quelle ricevute da giocatori sportivi – sono state collegate a determinate demenze che appaiono più tardi nella vita. L’evidenza è debole, tuttavia, che una singola lesione cerebrale aumenta la probabilità di avere una demenza degenerativa come il morbo di Alzheimer.

La demenza può anche essere causata da:

  • Malattie da prioni – per esempio, CJD (malattia di Creutzfeldt-Jakob).
  • Infezione da HIV – il modo in cui il virus danneggia le cellule cerebrali non è certo, ma è noto che si verifichi.
  • Fattori reversibili: alcune demenze possono essere trattate invertendo gli effetti delle cause sottostanti, comprese le interazioni farmacologiche, la depressione, le carenze vitaminiche e le anomalie della tiroide.

Diagnosi di demenza

Il primo passo per testare le prestazioni della memoria e la salute cognitiva riguarda domande e compiti standard.

La ricerca ha dimostrato che la demenza non può essere diagnosticata in modo affidabile senza utilizzare i seguenti test standard, completandoli completamente e registrando tutte le risposte; tuttavia, la diagnosi tiene conto anche di altri fattori.

Test di demenza cognitiva

I test di demenza cognitiva di oggi sono ampiamente utilizzati e sono stati verificati come un modo affidabile per indicare la demenza. Sono cambiati poco da quando sono stati istituiti nei primi anni 1970. Il punteggio del test mentale abbreviato ha dieci domande, tra cui:

  • Quanti anni hai?
  • Qual è l’ora, all’ora più vicina?
  • Qual è l’anno?
  • Qual è la tua data di nascita?

Ogni risposta corretta ottiene un punto; punteggio di sei punti o meno suggerisce deterioramento cognitivo.

Il test GPCOG (General Practitioner Assessment of Cognition) include un ulteriore elemento per la registrazione delle osservazioni di parenti e caregivers.

Progettato per i medici, questo tipo di test può essere la prima valutazione formale delle capacità mentali di una persona.

La seconda parte del test sonda qualcuno vicino al paziente e comprende sei domande per scoprire se il paziente ha:

  • diventare meno in grado di ricordare eventi o conversazioni recenti
  • iniziato a lottare per trovare le parole giuste o usare quelle inappropriate
  • trovato difficoltà a gestire denaro o farmaci
  • bisogno di più aiuto con il trasporto (senza il motivo, ad esempio, lesioni)

Se il test suggerisce una perdita di memoria, si consigliano indagini standard, inclusi esami del sangue di routine e una scintigrafia cerebrale CT.

I test clinici identificheranno, o escluderanno, le cause curabili della perdita di memoria e aiuteranno a limitare le cause potenziali, come il morbo di Alzheimer.

L’esame di stato mini-mentale (MMSE) è un test cognitivo che misura:

  • orientamento al tempo e al luogo
  • richiamo di parole
  • abilità linguistiche
  • attenzione e calcolo
  • abilità visuospaziali

L’MMSE è usato per aiutare a diagnosticare la demenza causata dal morbo di Alzheimer e anche per valutare la sua gravità e se è necessario un trattamento farmacologico.

Trattamenti di demenza

Uomo anziano guardando nell'armadio

La morte delle cellule cerebrali non può essere invertita, quindi non esiste una cura nota per la demenza degenerativa.

La gestione di disturbi come il morbo di Alzheimer è invece focalizzata sulla cura e sul trattamento dei sintomi piuttosto che sulla loro causa sottostante.

Se i sintomi della demenza sono dovuti a una causa reversibile e non degenerativa, tuttavia, il trattamento può essere possibile per prevenire o arrestare ulteriori danni al tessuto cerebrale.

Gli esempi includono lesioni, effetti farmacologici e carenza di vitamine.

I sintomi della malattia di Alzheimer possono essere ridotti da alcuni farmaci. Ci sono quattro farmaci, chiamati inibitori della colinesterasi, approvati per l’uso negli Stati Uniti.

  • donepezil (nome commerciale Aricept)
  • galantamina (Reminyl)
  • rivastigmina (Exelon)
  • tacrine (Cognex)

Un altro tipo di farmaco, memantina (Namenda), un antagonista del recettore NMDA, può anche essere usato, da solo o in combinazione con un inibitore della colinesterasi.

Gli inibitori delle colinesterasi possono anche aiutare con gli elementi comportamentali della malattia di Parkinson.

Altre cure per la qualità della vita

“L’allenamento del cervello” può aiutare a migliorare il funzionamento cognitivo e aiutare a gestire l’oblio nelle fasi iniziali dell’Alzheimer. Ciò potrebbe comportare l’utilizzo di mnemonici e altri ausili di memoria come i dispositivi di richiamo computerizzati.

Prevenzione della demenza

Alcuni fattori di rischio sono noti per essere associati alla demenza. Tuttavia, l’età è il più grande predittore. Altri fattori di rischio includono:

  • Uso di fumo e alcol.
  • Aterosclerosi (malattia cardiovascolare che causa il restringimento delle arterie).
  • Alti livelli di colesterolo “cattivo” (lipoproteine ​​a bassa densità).
  • Livelli ematici superiori alla media di omocisteina (un tipo di amminoacido).
  • Diabete.
  • Una lieve compromissione cognitiva può talvolta, ma non sempre, portare alla demenza.
Like this post? Please share to your friends: