Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Denunce di memoria nei giovani adulti legate a cattive condizioni di salute e stile di vita

È stato dimostrato che i fattori di salute che aumentano il rischio di malattie cerebrali come il morbo di Alzheimer e la demenza aumentano la probabilità di disturbi della memoria in tutti i gruppi di età adulta, compresi i giovani di età compresa tra 18 e 39 anni.

Ci sono stati molti studi effettuati in precedenza che hanno trovato una connessione tra problemi di salute e funzionamento cognitivo, la nostra capacità di elaborare pensieri. Negli ultimi mesi, ha riferito di ricerche che collegano il restringimento dell’arteria con problemi di memoria, così come uno studio che ha suggerito che le capacità di pensiero sono le migliori per coloro che hanno avuto una migliore forma cardiovascolare in gioventù.

Un nuovo studio, condotto dall’Università della California, a Los Angeles (UCLA) e pubblicato sulla rivista, afferma di essere il primo a determinare che questi fattori di rischio possano essere indicativi di disturbi della memoria precoce.

I ricercatori hanno intervistato 18.552 persone di età compresa tra i 18 ei 99 anni riguardo alla loro memoria e una varietà di fattori di stile di vita e di salute. Hanno usato interviste telefoniche e cellulari, catturando un rappresentante del 90% della popolazione statunitense, concentrandosi su fattori noti per aumentare il rischio di malattia di Alzheimer e demenza, come depressione, diabete, livelli di istruzione più bassi, obesità e fumo.

Lo studio ha scoperto che molti di questi fattori di rischio aumentavano le probabilità di disturbi di memoria auto-percepiti, ma soprattutto che questo era il caso in tutti i gruppi di età adulta. Tra gli intervistati, il 20% ha riscontrato problemi di memoria; questo includeva il 14% dei giovani adulti, il 22% degli adulti di mezza età (età 40-59) e il 26% degli anziani (età 60-99).

Un solo fattore di rischio aumenta significativamente la frequenza dei disturbi della memoria

I fattori di rischio riscontrati per aumentare la probabilità di disturbi della memoria sono stati la depressione, i bassi livelli di istruzione, l’inattività fisica e l’ipertensione. In tutti i gruppi di età, il fattore di rischio singolo più forte per i disturbi della memoria era la depressione.

Il Dr. Gary Small, Professore di invecchiamento dell’UCLA di Parlow-Solomon e direttore dell’UCLA Longevity Center, è stato autore senior dello studio ed è stato sorpreso da quanto i problemi di memoria fossero diffusi tra i giovani adulti.

Ha anche notato che studi precedenti, come quello pubblicato all’inizio di quest’anno per indagare sulla guarigione da trauma cranico, hanno dimostrato che l’educazione è un elemento chiave della “riserva cognitiva” – come il cervello è in grado di funzionare in relazione al danno che ha subito.

Donna dimentica

La nuova ricerca del suo team suggerisce che la ricerca di attività educative può avere un effetto benefico a qualsiasi età.

Un potenziale limite con i risultati dello studio è stato che i ricercatori hanno notato che i giovani adulti potrebbero soffrire di problemi di memoria diversi per coloro che affliggono le persone anziane.

Hanno identificato che lo stress e il multi-tasking causati dalla presenza continua di tecnologia (Internet e dispositivi wireless) potrebbero avere un maggiore impatto sull’attenzione dei giovani adulti, rendendo più difficile per loro concentrarsi e ricordare le cose.

I ricercatori speravano che le loro scoperte avrebbero aumentato la consapevolezza sull’importanza di ridurre questi fattori di rischio a qualsiasi età. Il Dr. Stephen Chen, primo autore dello studio e professore associato di psichiatria e scienze bio-comportamentali presso l’Istituto Semel, suggerisce screening e trattamento per la depressione e l’ipertensione, un maggiore esercizio fisico e la promozione della propria educazione come modi in cui i fattori di rischio potrebbe essere abbassato.

In seguito a queste scoperte, l’autore Fernando Torres-Gil, professore alla Luskin School of Public Affairs della UCLA e direttore associato del Longevity Center della UCLA, spiega quale sarà il prossimo passo:

“Stiamo pianificando di utilizzare questi risultati come base per studi futuri per comprendere meglio come la riduzione di questi fattori di rischio possa ridurre la frequenza dei disturbi della memoria”.

Per ora, questa ricerca dell’UCLA ha sottolineato l’importanza di uno stile di vita sano e suggerisce che il pubblico generale possa cominciare a prendersi cura delle loro menti fin dalla tenera età prendendosi cura dei loro corpi.

Like this post? Please share to your friends: