Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Depressione: l’analisi del sangue con puntura di dito prevede la probabile efficacia del farmaco

Per la prima volta, i ricercatori dimostrano che un esame del sangue con una puntura di dito potrebbe aiutare i medici a scegliere quale farmaco ha più probabilità di successo nel trattamento della depressione. Nella rivista, descrivono come i livelli di proteina C-reattiva nel sangue predicono quali trattamenti antidepressivi hanno più probabilità di portare a esiti positivi in ​​pazienti con depressione.

giovane a letto alzando la depressione farmaci

La depressione è una malattia grave che presenta sintomi cognitivi, dell’umore e fisici. Globalmente, colpisce oltre 300 milioni di persone di tutte le età.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la depressione è “la principale causa di disabilità in tutto il mondo”.

La depressione non è la stessa delle reazioni di umore di breve durata che abbiamo nella vita di tutti i giorni. Può avere gravi ripercussioni sulla vita delle persone al lavoro, a casa e a scuola.

Nel peggiore dei casi, la depressione può portare al suicidio, che in tutto il mondo sostiene 800.000 vite all’anno ed è la principale causa di morte tra coloro di età compresa tra 15 e 29 anni.

Indagini nazionali negli Stati Uniti mostrano che tra il 2009 e il 2012, più di 1 persona su 20 di età pari o superiore a 12 anni ha riferito di depressione corrente – definita come con sintomi moderati o gravi nelle 2 settimane precedenti.

Biomarker potrebbe migliorare significativamente il successo del trattamento

Madhukar Trivedi, professore nel Dipartimento di Psichiatria presso l’Università del Texas (UT) Southwestern Medical Center di Dallas e autore senior del nuovo studio, afferma che i medici che scelgono i trattamenti per la depressione devono fare molto affidamento sui questionari dei pazienti.

Fatti veloci sulla depressione

  • Le persone che vivono sotto la soglia di povertà hanno maggiori probabilità di avere depressione.
  • Le donne hanno maggiori probabilità di essere colpite rispetto agli uomini.
  • Compresi i costi diretti, legati al suicidio e al posto di lavoro, la depressione è costata agli Stati Uniti $ 210,5 miliardi nel 2010.

Ulteriori informazioni sulla depressione

Dice che le loro scoperte potrebbero migliorare significativamente i tassi di successo del trattamento, e aggiunge:

“Attualmente, la nostra selezione di farmaci per la depressione non è più superiore a lanciare una moneta, eppure questo è ciò che facciamo. Ora abbiamo una spiegazione biologica per guidare il trattamento della depressione”.

Nel precedente lavoro, il Prof. Trivedi – che è anche direttore del Centro di Depressione presso il Peter O’Donnell Jr. Brain Institute dell’UT Southwestern – ha dimostrato che fino a un terzo dei pazienti con depressione non migliorano dopo il primo trattamento e circa il 40% cessare il trattamento entro 3 mesi.

Dice che questo è perché i pazienti si arrendono: “Rinunciare alla speranza è davvero un sintomo centrale della malattia”.

“Tuttavia, se la selezione del trattamento è legata a un esame del sangue e migliora i risultati, i pazienti hanno maggiori probabilità di continuare il trattamento e ottenere il beneficio”, aggiunge.

Nel nuovo studio, il team ha analizzato i tassi di remissione in 106 pazienti con depressione che sono stati assegnati in modo casuale tra due gruppi.

Ad un gruppo è stato prescritto da solo l’escitalopram inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina e l’altro gruppo è stato prescritto escitalopram più bupropione.

Dalle analisi del sangue effettuate prima del trattamento, i ricercatori hanno anche misurato il livello del sangue al basale di ciascun paziente della proteina C-reattiva (CRP).

La CRP basale ha predetto il successo del trattamento

Quando hanno analizzato i risultati, i ricercatori hanno scoperto che le differenze nei tassi di remissione erano correlate alle differenze nel trattamento della depressione, a seconda dei livelli basali di CRP.

I risultati hanno mostrato che i pazienti con livelli di CRP al basale inferiori a 1 milligrammo per litro rispondevano meglio al solo escitalopram, mentre quelli con livelli più alti rispondevano meglio alla terapia combinata.

Il motivo per cui i ricercatori hanno scelto il CRP è perché viene spesso utilizzato come marker di infiammazione nelle malattie cardiovascolari, nel diabete e in altri disturbi.

Precedenti studi hanno cercato di legare il CRP al successo antidepressivo, ma il Prof. Trivedi afferma che stavano osservando livelli molto più elevati di CRP.

Spiega che, a suo avviso, “non hai bisogno di un’infiammazione così alta per sperimentare la malattia della depressione, anche un po ‘di infiammazione può essere sufficiente per i pazienti per provare alcuni di questi sintomi di depressione”.

Il team ora progetta di condurre studi più ampi per esplorare il legame tra la CRP e il successo con altri antidepressivi e anche per cercare altri indicatori biologici dell’efficacia del trattamento della depressione.

“Sia i pazienti che i fornitori di cure primarie sono alla ricerca disperata di marcatori che indichino che c’è qualche biologia coinvolta in questa malattia, altrimenti stiamo parlando di decidere i trattamenti da domande e risposte dei pazienti, e questo non è sufficiente. “

Prof. Madhukar Trivedi

Scopri come un nuovo studio apre la strada a un antidepressivo più efficace.

Like this post? Please share to your friends: