Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Depressione: l’infiammazione cerebrale è legata a pensieri suicidi?

Un nuovo studio conferma il legame tra l’infiammazione del cervello e la prevalenza di pensieri suicidi in persone con diagnosi di depressione maggiore. Questo è il primo studio nel suo genere per misurare i biomarker rilevanti negli individui viventi.

donna depressa

La depressione maggiore è una condizione mentale molto comune, con il 6,7% di tutti gli adulti negli Stati Uniti che hanno avuto almeno un episodio depressivo grave nel 2014 o nel 2015.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la depressione è anche attualmente la principale causa di anni trascorsi con disabilità in tutto il mondo.

Alcune persone diagnosticate con depressione maggiore sperimentano pensieri suicidi, che possono portare a tentativi di suicidio. Negli Stati Uniti, “il suicidio è la decima causa di morte”. Ora, i ricercatori si chiedono se l’ideazione suicidaria nelle persone con depressione maggiore possa essere collegata a un’anormale infiammazione del cervello.

Il dott. Peter Talbot e altri ricercatori dell’Università di Manchester nel Regno Unito hanno condotto uno studio per testare i livelli di un biomarker associato all’infiammazione cerebrale nei sistemi di persone con diagnosi di depressione clinica.

I risultati degli scienziati sono stati riportati sulla rivista.

“Questo documento è un’aggiunta importante alla visione secondo cui l’infiammazione è una caratteristica della neurobiologia di un sottogruppo di pazienti depressi […] con ideazione suicidaria”, afferma il direttore del giornale, il dottor John Krystal.

“Questa osservazione”, continua, “è particolarmente importante alla luce delle recenti prove a sostegno di un approccio alla depressione basato sulla medicina personalizzata, vale a dire che i farmaci antinfiammatori possono avere effetti antidepressivi limitati ai pazienti con infiammazione dimostrabile”.

Attivazione microgliale ‘prominente’ nella suicidalità

Il dott. Talbot e colleghi hanno misurato i livelli di proteina translocator (TSPO) nel cervello di persone con diagnosi di disturbo depressivo maggiore. La TSPO svolge generalmente un ruolo nel sistema di risposta immunitaria e nella morte cellulare.

Nel cervello, livelli elevati di TSPO attivano la microglia, che sono cellule immunitarie specifiche di questo organo. L’attivazione microgliale indica l’infiammazione del cervello, quindi questo è ciò che gli scienziati hanno preso di mira.

Hanno lavorato con 14 persone con depressione moderata o grave che non utilizzavano antidepressivi. La tomografia ad emissione di positroni è stata utilizzata per analizzare il cervello dei partecipanti e identificare i segni di infiammazione.

Le persone con depressione che stavano vivendo pensieri suicidi hanno mostrato livelli significativamente più elevati di TSPO, associati all’attivazione della microglia e all’indicazione di un’infiammazione del cervello.

Questo, spiegano i ricercatori, suggerisce che l’infiammazione è legata specificamente all’ideazione suicidaria, e non alla depressione più in generale.

Questa è la prima volta che questo collegamento è stato confermato in individui viventi. Studi precedenti, dicono i ricercatori, hanno avuto risultati simili, ma hanno esaminato solo il tessuto cerebrale estratto dopo la morte.

“I nostri risultati sono i primi risultati in pazienti depressi viventi a suggerire che questa attivazione microgliale è più importante in coloro che hanno pensieri suicidi”, dice il dott. Talbot.

Dove si notava l’infiammazione del cervello, di solito si trovava in una regione chiamata corteccia cingolata anteriore, che è coinvolta nella cognizione e nei processi emotivi. Questo supporta precedenti scoperte che collegavano questa regione del cervello con la depressione e aspetti di altri disturbi dell’umore.

Segni di infiammazione sono stati anche notati, anche se in misura minore, nell’insula (o corteccia insulare), che svolge un ruolo nella regolazione della funzione emotiva, e nella corteccia prefrontale, implicata nei processi cognitivi legati al comportamento.

Il dott. Talbot spiega che un altro studio pubblicato nel 2015 – dalla dottoressa Elaine Setiawan, dell’Università di Toronto in Canada, e dai suoi colleghi – ha rivelato legami simili tra l’infiammazione cerebrale e gli eventi depressivi gravi.

“Il campo ora ha due rapporti indipendenti – il nostro studio e un rapporto 2015 di Setiawan e colleghi a Toronto – che mostra essenzialmente la stessa cosa: che ci sono prove di infiammazione, più specificamente dell’attivazione della microglia, nel cervello di pazienti viventi durante una depressione maggiore episodio.”

Dr. Peter Talbot

Aggiunge che i risultati del presente studio giustificano “ulteriori ricerche sulla questione se i nuovi trattamenti che riducono l’attivazione microgliale possano essere efficaci nella depressione maggiore e nella suicidalità”.

Like this post? Please share to your friends: