Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Depressione maggiore legata all’ippocampo più piccolo

Il più grande studio internazionale per confrontare i volumi cerebrali di persone con una maggiore depressione a quelli di persone sane trova che i primi tendano ad avere un ippocampo più piccolo in modo significativo.

diagramma del cervello che mostra ippocampo

La depressione maggiore è un disturbo dell’umore grave che colpisce circa 1 persona su 6 durante la loro vita.

Quando si verifica, i sentimenti persistenti di tristezza, frustrazione, perdita o rabbia interrompono la vita di tutti i giorni e possono resistere per settimane, mesi o persino anni.

L’ippocampo – il cui nome deriva dal termine greco antico “cavalluccio marino” per la sua forma – è un’area del cervello che, tra le altre cose, è associata alla formazione di nuovi ricordi.

I studyresearchers Enigma, tra cui un gruppo dal cervello e della mente Research Institute (BMRI) atthe Università di Sidney in Australia, suggeriscono i risultati evidenziano la necessità totreat depressione quando si verifica prima – soprattutto negli adolescenti e youngadults.

Per lo studio globale – che riunisce 15 serie di dati dall’Europa, dagli Stati Uniti e dall’Australia – il team ha analizzato scansioni cerebrali con risonanza magnetica (MRI) di quasi 9.000 partecipanti: 1.728 con depressione maggiore e 7.199 individui sani.

Avevano anche accesso alle cartelle cliniche dei partecipanti con depressione.

I ricercatori riportano i loro risultati sul diario.

Ippocampo più piccolo è in gran parte rappresentato da una depressione ricorrente

Lo studio ha due risultati principali. Il primo – che conferma il precedente lavoro clinico al BMRI – è che le persone con depressione maggiore hanno un aspetto più piccolo.

Il secondo risultato è che la prima scoperta è ampiamente spiegata da persone con depressione ricorrente – rappresentavano il 65% dei partecipanti alla depressione maggiore.

La depressione ricorrente è una forma di depressione maggiore in cui l’episodio depressivo si ripresenta regolarmente, intervallati da periodi di assenza di depressione.

Un’altra scoperta interessante è che le persone la cui depressione maggiore ha iniziato prima che raggiungessero l’età di 21 anni avevano anche un ippocampo più piccolo. I ricercatori suggeriscono che questo è coerente con l’idea che molti di questi giovani continuino a soffrire di una grave depressione.

Tuttavia, i partecipanti che non avevano sperimentato più di un episodio di majordepression – il 34% di quelli con depressione maggiore – non avevano un aspetto più piccolo di quello dei soggetti sani.

Jim Lagopoulos, professore associato presso il BMRI, dice che questi risultati rivelano nuove informazioni sulle nostre strutture cerebrali e sui meccanismi che potrebbero essere sottostimati. Aggiunge:

“Nonostante le intense ricerche volte a identificare le strutture cerebrali collegate alla depressione negli ultimi decenni, la nostra comprensione di ciò che causa la depressione è ancora rudimentale”.

Dice che una ragione per cui sappiamo così poco di questo è la mancanza di studi con un numero sufficiente di partecipanti. Un’altra ragione è che la malattia varia moltissimo, così come i trattamenti, e ci sono anche interazioni complesse tra alcune caratteristiche cliniche e la struttura cerebrale.

Supporto per “ipotesi neurotrofica della depressione”

Co-autore Ian Hickie, professore e co-direttore del BMRI, dice che i clinicalimplications dei risultati sono che, probabilmente, abbiamo bisogno di trattare primi episodi ofdepression efficace “in particolare in adolescenti e giovani adulti, per evitare modifiche thebrain che accompagnano depressione ricorrente.”

Dice che c’è anche una chiara necessità di studi in grado di tracciare cambiamenti nel tempo di dimensioni dell’hippocampo in persone con depressione. I risultati di tali studi aiuteranno a chiarire la questione di causa ed effetto, “se le anomalie dell’ippocampo derivano da una prolungata durata dello stress cronico, o rappresentano il fattore di avulnerabilità per la depressione, o entrambi”.

Prof. Lagopoulos suggerisce anche lo studio presta sostegno al “ipotesi neurotrofico della depressione”, l’idea che le persone con chronicdepression hanno alcune differenze nella biologia del cervello – come higherlevels sostenuti di glucocorticoidi – che si restringono il cervello.

Nel frattempo, recentemente ha appreso della nuova ricerca che provoca l’infiammazione cerebrale e il dolore cronico con la depressione. Lo studio è il primo a scoprire l’infiammazione del cervello causata dal dolore del nervo achrononico che può influenzare la segnalazione nelle regioni associate all’umore e alla motivazione.

Like this post? Please share to your friends: