Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Depressione respiratoria: cause, sintomi e trattamento

Depressione respiratoria significa che la velocità e la profondità della respirazione di una persona sono inferiori al normale. Ciò si traduce in bassi livelli di ossigeno e alti livelli di anidride carbonica nel sangue.

Senza trattamento, la condizione può causare complicazioni potenzialmente letali, tra cui il coma e la morte.

Qualsiasi cosa che deprima il sistema nervoso centrale (il cervello) può causare depressione respiratoria poiché il cervello controlla la respirazione respiratoria di una persona. In casi minori, i sintomi possono essere impercettibili.

Altri sintomi nella maggior parte dei casi includono la respirazione lenta e superficiale. Le terapie per ossigeno e terapia respiratoria possono essere utilizzate durante il trattamento, a seconda della gravità di ciascun caso.

Fatti veloci sulla depressione respiratoria:

  • È noto che i farmaci sedativi, i farmaci antidolorifici e le sostanze che deprimono la funzione cerebrale, come l’alcol e alcune droghe illegali, causano o aumentano il rischio.
  • I sintomi includono respiro lento e superficiale e nei casi gravi, insufficienza respiratoria o morte.
  • Le opzioni di trattamento per la depressione respiratoria dipendono in gran parte dalla gravità del caso.

Cos’è la depressione respiratoria?

Medico che ascolta i pazienti che respirano.

La depressione respiratoria si riferisce a un fallimento dei polmoni per lo scambio di anidride carbonica e ossigeno. Questo è il risultato di una respirazione lenta e superficiale.

La depressione respiratoria è anche nota come ipoventilazione centrale. Nella maggior parte dei casi, i tassi di respirazione sono ridotti a 8-12 respiri al minuto.

La condizione può causare l’accumulo di acido nel corpo e portare ad acidosi respiratoria, una condizione pericolosa per la vita associata a insufficienza d’organo.

Cause comuni

Alcuni farmaci, in particolare i sedativi e le complicazioni specifiche per la salute sono noti per causare o aumentare il rischio. Le cause comuni di depressione respiratoria includono:

  • sovradosaggio da oppioidi (morfina, tramadolo, eroina, fentanil)
  • depressione postoperatoria postoperatoria (dopo chirurgia) respiratoria associata agli oppioidi o anestetica
  • ictus che colpisce il tronco cerebrale inferiore
  • overdose di etanolo o avvelenamento
  • overdose da barbiturici o avvelenamento
  • sovradosaggio o avvelenamento sedativo
  • overdose di benzodiazepine o avvelenamento
  • sindrome da ipoventilazione centrale congenita (presente alla nascita) (CCHS)
  • apnea centrale del sonno
  • ammoniaca del sangue gravemente elevata come si vede nell’insufficienza epatica e nella cirrosi
  • tumore cerebrale che preme sul tronco cerebrale al centro respiratorio

Quali sono i sintomi?

I sintomi della depressione respiratoria dipendono dalla gravità del caso.

Nei casi più gravi, i sintomi della depressione respiratoria diventano più evidenti.

I sintomi della depressione respiratoria

Pillole bianche

I sintomi associati includono:

  • confusione
  • disorientamento
  • letargo
  • fatica
  • mal di testa
  • vertigini
  • nausea

I segni associati includono:

  • respiro superficiale e lento con poco movimento del petto evidente
  • vomito
  • mal di testa
  • alta o bassa pressione sanguigna
  • pupille ridotte o appuntite
  • diminuzione dei suoni respiratori e un distinto fischio o scoppiettio durante la respirazione
  • tremori
  • apnea, o pause anormalmente lunghe tra la respirazione seguita da un profondo sospiro dal respiro
  • pelle di colore bluastro o colorato, soprattutto nelle dita dei piedi e delle dita
  • convulsioni
  • battito cardiaco accelerato

Se non trattata, una grave depressione respiratoria può causare quanto segue:

  • arresto respiratorio
  • arresto cardiaco
  • danno cerebrale
  • coma o morte
  • battito cardiaco ridotto

Se si sospetta una depressione respiratoria o se si verificano diversi sintomi tipici, rivolgersi immediatamente al medico. Se qualcuno è in compagnia di qualcuno con questi sintomi, è fondamentale mantenere la persona in allarme e muoversi il più possibile.

Diagnosi

elettroencefalogramma (EEG).

Di solito i medici iniziano ponendo domande sui sintomi e riesaminando la storia clinica individuale di una persona e il profilo farmacologico. Eseguiranno quindi un esame fisico per cercare segni di respirazione anormale e ritmi cardiaci.

Dopo una visita iniziale, un medico ordinerà di solito test diagnostici per aiutare a confermare la depressione respiratoria e valutarne l’estensione.

I test usati per diagnosticare la condizione includono:

  • schermi di farmaci per l’urina e il siero
  • livello di alcol
  • schermo per altre tossine
  • livello di ammoniaca sierica
  • test dei gas del sangue, per calcolare il rapporto tra acido / base e la quantità di anidride carbonica e ossigeno nel sangue
  • scansione tomografica computerizzata (TC) o risonanza magnetica (MRI) del cervello per verificare ictus o tumore
  • elettroencefalogramma (EEG)

Trattamento

Terapie comuni e farmaci usati per trattare la condizione includono:

  • ossigenoterapia
  • se causato da sovradosaggio, disintossicazione, spesso usando farmaci che funzionano contro gli effetti degli oppioidi, come naloxone, metadone e Suboxone
  • fluidoterapia, somministrata per via endovenosa o orale
  • macchine a pressione positiva continua per vie aeree, CPAP o BiPAP
  • ventilazione meccanica

Prevenzione

Alcuni casi di depressione respiratoria sono imprevedibili, causati da incidenti o malattie improvvise. Alcuni casi, tuttavia, possono essere prevenuti.

I modi per ridurre le possibilità di sviluppare la condizione includono:

  • evitare, o prendere precauzioni extra quando si utilizzano farmaci sedativi
  • monitoraggio dei bambini durante l’assunzione di farmaci prescritti
  • evitando l’uso eccessivo di alcol
  • evitando o prendendo ulteriori precauzioni quando si usano farmaci narcotici
Like this post? Please share to your friends: