Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Depressione stagionale: le donne sono più colpite degli uomini

Per le persone che vivono con disturbi affettivi stagionali, l’inverno può portare molto più di venti forti e neve; può innescare sentimenti di disperazione e depressione. Secondo una nuova ricerca, le donne rischiano di peggiorare rispetto agli uomini.

una donna triste che guarda fuori dalla finestra

Ricercatori dell’Università di Glasgow, nel Regno Unito, hanno scoperto che le donne hanno maggiori probabilità rispetto agli uomini di sperimentare variazioni stagionali dei sintomi depressivi, con questi sintomi che hanno raggiunto il picco nei mesi invernali.

Il coautore dello studio Daniel Smith, dell’Istituto di salute e benessere di Glasgow, e il team hanno recentemente riportato i loro risultati nel.

Disturbo affettivo stagionale (SAD) è una forma di depressione che va e viene con le stagioni. Si stima che il SAD colpisca circa il 5% delle persone negli Stati Uniti in un dato anno.

I sintomi di SAD includono sentimenti di depressione, inutilità, bassa energia, affaticamento e mancanza di interesse in attività solitamente piacevoli, o anedonia. Il SAD inizia più spesso in autunno, con sintomi che di solito diminuiscono nei mesi estivi.

Ricerche precedenti hanno suggerito che le donne hanno molte più probabilità di essere affette da SAD rispetto agli uomini.

Per saperne di più su come il SAD varia in base al sesso, Smith e il suo team hanno condotto un’analisi trasversale di oltre 150.000 adulti che facevano parte della Biobanca britannica, che è un database sanitario di mezzo milione di persone nel Regno Unito.

Un “meccanismo biologico specifico del sesso”?

I ricercatori hanno esaminato i sintomi depressivi dei partecipanti durante ogni stagione, così come i sintomi di umore basso, anedonia, stanchezza e tensione.

Il team ha anche esaminato il collegamento tra i sintomi della depressione, la durata dei giorni e le temperature medie esterne.

L’analisi ha rivelato che le donne hanno sperimentato variazioni stagionali dei sintomi della depressione, nonché sintomi di stanchezza e anedonia, ma queste variazioni stagionali non sono state riscontrate negli uomini.

I sintomi di depressione, stanchezza e anedonia nelle donne sono stati i più forti nei mesi invernali, riferisce la squadra.

Questi risultati persistono dopo aver tenuto conto di fattori sociali e di stile di vita, tra cui il fumo, il consumo di alcol e l’esercizio fisico.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che i giorni più lunghi erano associati a una riduzione del basso umore e anedonia tra le donne, ma erano anche legati ad un aumento della stanchezza.

Tuttavia, il team osserva che “le associazioni con la durata del giorno non erano indipendenti dalla temperatura media esterna precedente alla valutazione”.

Secondo Smith, il loro studio fornisce un’ulteriore prova che le donne potrebbero essere più inclini alle variazioni stagionali della depressione rispetto agli uomini.

“Non capiamo ancora del tutto perché questo dovrebbe essere il caso, ma era interessante che i cambiamenti fossero indipendenti dai fattori sociali e di stile di vita, suggerendo forse un meccanismo biologico specifico per il sesso”.

Daniel Smith

“Chiaramente”, spiega Smith, “questa è un’area complessa ma importante che richiede ulteriori studi”. Prosegue dicendo: “I medici dovrebbero essere consapevoli di queste differenze sessuali a livello di popolazione nella variazione stagionale dell’umore, per aiutare il riconoscimento e il trattamento dei sintomi depressivi durante l’anno solare”.

I ricercatori notano alcune limitazioni al loro studio. Essi sottolineano, ad esempio, che sono stati in grado di valutare solo un sottoinsieme di sintomi depressivi e che i sintomi sono stati auto-riportati.

Like this post? Please share to your friends: