Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Dermatite del sedile del water e come evitarlo

Una squadra di pediatri che scrive in una rivista leader questa settimana suggerisce che una condizione che non si vede da molto tempo negli Stati Uniti, la dermatite da sede, dove le irritazioni della pelle si sviluppano sui glutei e sulle cosce posteriori dal contatto con i sedili del water, potrebbe essere un ritorno .

Scrivendo sul numero online di Pediatria del 25 gennaio, il dott. Bernard Cohen del Johns Hopkins Children’s Center di Baltimora, Maryland, e colleghi hanno analizzato 5 casi di dermatite da toilette negli Stati Uniti e in India.

Cohen, che è direttore della dermatologia pediatrica presso Hopkins Children’s, ha dichiarato alla stampa che:

“La dermatite dei sedili del WC è una di quelle condizioni leggendarie descritte nei libri di testo medici e osservate nei paesi sottosviluppati, ma che i più giovani pediatri non hanno mai incontrato nella loro pratica quotidiana”.

“Se la nostra piccola analisi è un’indicazione di ciò che sta accadendo, dobbiamo accertarci che la condizione sia sul radar di ogni pediatra”, ha detto Cohen.

Cohen e colleghi hanno scritto che, in passato, la dermatite dei sedili del water proveniva dall’esposizione ai sedili in legno e alle vernici, alle lacche e ai colori associati. Ciò ha causato una dermatite allergica da contatto a sviluppare sui glutei e sulle cosce posteriori.

Essi suggeriscono che il riemergere della condizione potrebbe essere dovuto agli stessi colpevoli, perché i sedili in legno, specialmente quelli coperti di vernici e colori, sembrano guadagnare popolarità come arredamento da bagno “esotico”; un’altra causa tuttavia potrebbe essere la pulizia di prodotti chimici aggressivi.

La condizione è facilmente riconosciuta e trattata con steroidi topici, ha scritto Cohen e colleghi, ma pochi medici considerano questa diagnosi, causando un trattamento ritardato e spesso un peggioramento dell’eruzione cutanea che si diffonde e provoca prurito doloroso e sofferenza inutile per i bambini affetti e coloro che si prendono cura di loro loro.

La pelle persistentemente irritata è vulnerabile ai batteri e può provocare infezioni più gravi che richiedono antibiotici per via orale. In effetti, le diagnosi ritardate erano un segno distintivo di tutti i 5 casi descritti da Cohen e colleghi.

Il ricercatore capo Dr Ivan Litvinov, della McGill University di Montreal e uno studente di Cohen’s, ha dichiarato:

“Alcuni dei bambini nel nostro studio hanno sofferto per anni prima che fosse fatta la diagnosi corretta”.

I ricercatori hanno affermato che è possibile prevenire la dermatite del sedile del WC da:

  • Usare i copri-sedili di carta igienica nelle strutture pubbliche, compresi i servizi igienici ospedalieri e scolastici.
  • Sostituire i sedili in legno con quelli in plastica.
  • Pulire i sedili e le ciotole del water ogni giorno.
  • Non usare detergenti aggressivi per la marca, che spesso contengono sostanze irritanti per la pelle come il fenolo o la formaldeide.
  • Usando invece alcool per frizione e perossido di idrogeno, perché questi sono ancora efficaci ma più delicati sulla pelle.

Cohen ha detto che i bambini possono iniziare a mostrare segni di irritazione dopo diversi usi di un sedile di legno o uno che è stato pulito con sostanze chimiche aggressive.

Lui e il suo gruppo esortano i praticanti a chiedere informazioni sull’uso dei servizi igienici e degli addetti alle pulizie a casa ea scuola, quando vedono un bambino piccolo o una bambina con la pelle in giro intorno ai glutei o alle cosce.

“Riconoscere e curare la dermatite da contatto sui sedili WC nei bambini”.
Ivan V. Litvinov, Paramoo Sugathan e Bernard A. Cohen.
Pediatria, pubblicato online il 25 gennaio 2010.
DOI: 10,1542 / peds.2009-2430

Fonte: Centro per bambini Johns Hopkins.

Scritto da: Catharine Paddock, PhD

Like this post? Please share to your friends: