Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Diabete di tipo 1: quasi la metà dei pazienti produce insulina

Il diabete di tipo 1 viene spesso descritto come una condizione in cui il corpo non riesce a produrre l’insulina ormonale. Una nuova ricerca, tuttavia, fornisce ulteriori prove del fatto che non tutta la produzione di insulina viene persa con la condizione, e questo potrebbe essere dovuto a una proteina anti-infiammatoria.

insulina enunciata con blocchi

Ricercatori dell’Università di Uppsala in Svezia hanno scoperto che quasi la metà dei pazienti che vivevano con il diabete da più di 10 anni producevano un po ‘di insulina.

Inoltre, questi pazienti che producono insulina hanno anche livelli più elevati di cellule immunitarie nel sangue che producono una proteina chiamata interleuchina-35 (IL-35), che si ritiene sopprima il sistema immunitario e riduce l’infiammazione.

Il co-autore dello studio, il dott. Daniel Espes, del Dipartimento di biologia cellulare delle cellule dell’Università di Uppsala, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sulla rivista.

Si stima che il diabete di tipo 1 colpisca circa 1,25 milioni di bambini e adulti negli Stati Uniti. La condizione si verifica quando il sistema immunitario attacca in modo errato le cellule produttrici di insulina o le cellule beta del pancreas.

Un tempo si pensava che i pazienti con diabete di tipo 1 sperimentassero una perdita completa della produzione di insulina, ma sempre più spesso gli studi hanno indicato che alcuni pazienti possiedono ancora cellule beta funzionanti.

Per questo ultimo studio, il dott. Espes e colleghi hanno deciso di determinare se esistano meccanismi immunologici che potrebbero spiegare perché alcuni pazienti con diabete di tipo 1 producano ancora una certa quantità di insulina.

Molti pazienti hanno prodotto insulina

La ricerca ha incluso 113 pazienti con diabete di tipo 1 che avevano 18 anni e più. Tutti i pazienti vivevano con la condizione da almeno 10 anni.

Usando il test ELISA ultrasensibile, i ricercatori hanno misurato i livelli di C-peptide nel sangue dei pazienti, che è un indicatore della produzione di insulina.

Inoltre, i ricercatori hanno misurato i livelli di citochine circolanti tra i pazienti, tra cui IL-35. Le citochine sono proteine ​​secrete dalle cellule immunitarie che svolgono un ruolo chiave nella segnalazione cellulare.

Il team ha scoperto che quasi la metà dei pazienti con diabete di tipo 1 erano positivi al peptide C, il che significa che avevano un certo livello di produzione di insulina.

I risultati hanno anche rivelato che i pazienti che erano positivi al peptide C avevano livelli significativamente più elevati di IL-35 nel sangue, rispetto ai pazienti che erano negativi al peptide C, cioè quelli che avevano perso tutta la produzione di insulina.

Ricerche precedenti hanno suggerito che l’IL-35 può sopprimere la malattia autoimmune, quindi è possibile che in alcuni pazienti con diabete di tipo 1, la proteina impedisca al sistema immunitario di attaccare e distruggere le cellule beta produttrici di insulina.

Tuttavia, il dott. Espes e i colleghi non sono stati in grado di determinare se i pazienti positivi al peptide-C presentassero livelli più alti di IL-35 alla diagnosi di diabete di tipo 1, o se i livelli della proteina aumentassero nel tempo a causa di un ridotto attacco del sistema immunitario alle cellule beta.

Mentre sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio come l’IL-35 possa riguardare la produzione di insulina, i ricercatori ritengono che i loro risultati attuali dimostrino il potenziale dell’IL-35 come trattamento farmacologico per il diabete di tipo 1.

Inoltre, poiché i risultati mostrano che quasi la metà dei pazienti con diabete di tipo 1 produce alcuni tipi di insulina, il team afferma che potrebbe essere possibile incoraggiare la rigenerazione delle cellule beta rimanenti e aumentare la produzione di insulina.

I ricercatori dell’ospedale universitario di Uppsala stanno già testando la fattibilità di queste strategie.

Scopri come una mancanza di vitamina A potrebbe portare al diabete.

Like this post? Please share to your friends: