Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Diabete: lo studio propone cinque tipi, non due

Gli adulti con diabete potrebbero beneficiare di un trattamento migliore se la condizione fosse classificata in cinque tipi, piuttosto che in due. Questa è la conclusione di un nuovo studio pubblicato in.

un dottore che scrive la parola diabete

La ricerca è stata condotta dal Prof. Leif Groop, del Centro per il Diabete della Lund University in Svezia e dall’Istituto per la Medicina Molecolare Finland di Helsinki.

Solo negli Stati Uniti, circa 30,3 milioni di persone vivono con il diabete.

Escludendo il diabete gestazionale – il diabete che si sviluppa durante la gravidanza – ci sono due tipi principali: tipo 1 e tipo 2.

Nel diabete di tipo 1, le cellule beta del pancreas – che producono insulina, l’ormone che regola i livelli di zucchero nel sangue – vengono erroneamente attaccate e distrutte dal sistema immunitario.

Il diabete di tipo 2 è la forma più comune e rappresenta circa il 90-95% di tutti i casi. Ciò si verifica quando le cellule del corpo smettono di rispondere all’insulina, o le cellule beta non sono in grado di produrre una quantità sufficiente di ormone.

In entrambe le forme della condizione, i livelli di zucchero nel sangue possono diventare troppo alti – una condizione nota come iperglicemia. A meno che controllato, questo può portare a una serie di complicazioni, tra cui malattie renali, malattie cardiovascolari e danni ai nervi.

L’eterogeneità del diabete

Una diagnosi di diabete viene normalmente effettuata utilizzando il test del glucosio plasmatico a digiuno (FPG) o il test A1C. Il test FPG valuta il livello di glucosio nel sangue di una persona in un singolo punto temporale, mentre il test A1C misura i livelli medi di glucosio nel sangue nei precedenti 3 mesi.

Quando si tratta di determinare il tipo di diabete che una persona ha, gli operatori sanitari potrebbero cercare autoanticorpi correlati al diabete nel sangue. Queste sono proteine ​​prodotte dal sistema immunitario che può attaccare le cellule del corpo.

La presenza di tali autoanticorpi è un indicatore del diabete di tipo 1. Se una persona non ha questi autoanticorpi, si ritiene che abbiano il diabete di tipo 2.

Ma, come sottolineano il professor Groop e colleghi, le linee guida per la classificazione del diabete non sono state aggiornate per 20 anni – nonostante l’evidenza crescente che il diabete abbia un’elevata eterogeneità.

“Il diabete è un gruppo di disturbi metabolici cronici”, afferma il dott. Rob Sladek, della McGill University e del Génome Québec Innovation Centre in Canada, in un editoriale legato allo studio, “che condividono la caratteristica comune dell’iperglicemia, nel senso che, in principio, il diabete può essere diagnosticato attraverso la misurazione di un singolo componente del sangue. “

“Tuttavia, l’innalzamento della glicemia può essere causato da un numero di fattori genetici e acquisiti che riducono le concentrazioni circolanti di insulina o ne diminuiscono l’efficacia, portando a eterogeneità nella presentazione clinica e nella progressione della malattia.”

Il Prof. Groop e il suo team affermano che una “raffinata classificazione” del diabete basata sulla sua eterogeneità potrebbe aiutare gli operatori sanitari a prevedere meglio quali individui sono più propensi a sviluppare complicanze e consentire un approccio più personalizzato al trattamento.

Nel loro studio, i ricercatori suggeriscono che il diabete non dovrebbe più essere classificato come due tipi. Invece, dicono che la condizione dovrebbe essere classificata in cinque tipi distinti.

I cinque “grappoli” di diabete

I ricercatori hanno raggiunto la loro proposta analizzando i dati di quattro coorti di studio. Questi includevano un totale di 14.775 adulti provenienti da Svezia e Finlandia, i quali erano stati appena diagnosticati con il diabete.

Come parte dell’analisi, gli scienziati hanno esaminato sei misure in ciascun soggetto che rappresentano ciascuna le diverse caratteristiche del diabete.

Queste misure erano: indice di massa corporea (BMI); età alla diagnosi del diabete; emoglobina A1C (HbA1C), una misura del controllo a lungo termine della glicemia; funzionamento delle cellule beta; insulino-resistenza; e la presenza di autoanticorpi correlati al diabete.

Oltre a condurre analisi genetiche dei partecipanti, i ricercatori hanno anche confrontato la progressione della malattia, le complicanze e il trattamento.

Lo studio ha rivelato cinque diverse forme di diabete, tre delle quali erano gravi e due che erano miti. Il team ha classificato questi come segue:

  • Cluster 1: diabete autoimmune grave (attualmente noto come diabete di tipo 1), caratterizzato da carenza di insulina e presenza di autoanticorpi. Questo è stato identificato nel 6-15 per cento dei soggetti.
  • Cluster 2: grave diabete insulino-carente, caratterizzato da età più giovane, carenza di insulina e scarso controllo metabolico, ma senza autoanticorpi. Questo è stato identificato nel 9-20% dei soggetti.
  • Cluster 3: grave diabete insulino-resistente, caratterizzato da una grave insulino-resistenza e un rischio significativamente più elevato di malattia renale. Questo è stato identificato nell’11-17% dei soggetti.
  • Cluster 4: lieve diabete legato all’obesità, più comune negli individui obesi. Ciò ha interessato il 18-23% dei soggetti.
  • Cluster 5: lieve diabete correlato all’età, più comune negli anziani. Questa era la forma più comune, interessando il 39-47% dei soggetti.

I ricercatori osservano che ognuno di questi cinque tipi “erano anche geneticamente distinti”, il che significa che non c’erano mutazioni genetiche condivise tra tutti e cinque i cluster.

Un “passo verso la medicina di precisione”

Quando i ricercatori hanno valutato il trattamento ricevuto dagli adulti in ciascuno dei cinque cluster, hanno notato che alcuni venivano trattati in modo inappropriato.

Ad esempio, il team sottolinea che solo il 42% dei pazienti nel gruppo 1 e il 29% dei pazienti nel gruppo 2 ha ricevuto terapia insulinica dal punto di inizio della malattia.

Dicono che questo indica che le attuali classificazioni del diabete non riescono a colpire le caratteristiche sottostanti della malattia.

Come tale, il Prof. Groop e colleghi propongono di classificare il diabete in cinque tipi distinti.

Mentre sono necessarie ulteriori ricerche per perfezionare questi cinque cluster – utilizzando biomarcatori e punteggi di rischio genetici, ad esempio – il team ritiene che questo studio sia un grande passo avanti verso trattamenti su misura per il diabete.

“Le linee guida di trattamento esistenti”, conclude il Prof. Groop, “sono limitate dal fatto che rispondono a uno scarso controllo metabolico quando si è sviluppato, ma non hanno i mezzi per prevedere quali pazienti avranno bisogno di un trattamento intensificato.

“Questo studio ci porta verso una diagnosi clinicamente più utile e rappresenta un passo importante verso la medicina di precisione nel diabete”.

Prof. Leif Groop

Like this post? Please share to your friends: