Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Diabete: percentuale di grasso corporeo, non indice di massa corporea, predice il rischio

I risultati di un nuovo studio spingono i fornitori di servizi sanitari a considerare la distribuzione del grasso corporeo, oltre all’indice di massa corporea, nella loro decisione di sottoporre a screening le persone per il diabete e il prediabete.

donna su scala con metro a nastro intorno alle gambe

Indice di massa corporea (BMI) è una misurazione tradizionale che divide il peso di una persona in base alla loro altezza per scoprire se hanno un peso sano.

Tuttavia, sempre più studi hanno messo in discussione la sua utilità e accuratezza come indicatore della salute cardiometabolica.

La distribuzione del grasso, piuttosto che la quantità totale, suggeriscono questi studi, potrebbe darci più indizi sul rischio di condizioni come l’insulino-resistenza, l’ipertensione, le malattie cardiache e persino il cancro.

Ad esempio, uno studio recente ha attirato l’attenzione sulla “pandemia eccessiva” che si sta diffondendo negli Stati Uniti. I ricercatori hanno usato il termine “overfat” per descrivere l’accumulo di grasso intorno a certe parti del corpo, che, sottolineano gli scienziati, non è giustificato dal BMI.

In effetti, un IMC basso può essere fuorviante. Il grasso della pancia è particolarmente dannoso, la ricerca mostra che alcuni studi dimostrano che può aumentare il rischio di diabete e malattie cardiache mentre altri rivelano i meccanismi alla base di questa associazione.

Ora, un nuovo studio – che è stato pubblicato sulla rivista – aggiunge a questa crescente corpo di ricerca, come i ricercatori della University of Florida (UF) a Gainesville scoprire che le persone con un BMI normale ma il grasso corporeo elevato sono più inclini a prediabete o diabete, se confrontato con le persone ritenute sovrappeso in base al loro indice di massa corporea ma hanno una percentuale di grasso corporeo inferiore.

La percentuale di grasso corporeo calcola la proporzione della massa grassa di una persona rispetto alla massa muscolare magra.

Grasso corporeo alto, non BMI, predice il diabete

Per questo studio, gli scienziati – guidati da Ara Jo, Ph.D., professore assistente clinico presso il Dipartimento di ricerca, gestione e politica dei servizi sanitari dell’UF – hanno esaminato i dati disponibili dal National Health and Nutrition Examination Survey.

Questo sondaggio è stato condotto dal Centro nazionale per le statistiche sanitarie dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), e ha utilizzato interviste, oltre a test fisici e di laboratorio, per esaminare la salute degli adulti di 40 anni e oltre tra il 1999 e 2006.

Jo e il suo team si sono concentrati su adulti a cui non era mai stato diagnosticato il diabete di tipo 2 e hanno usato una tecnica di scansione chiamata assorbimetria a raggi X a doppia energia – che è la tecnica più accurata disponibile – per misurare la percentuale di grasso corporeo.

Hanno usato le linee guida emesse dall’American Association of Clinical Endocrinologists e dall’American College of Endocrinology per stimare ciò che conta come grasso corporeo alto per gli uomini e per le donne.

Secondo queste linee guida, avere una percentuale di grasso corporeo di 25 anni o più è considerato alto per gli uomini, e il 35% è considerato grasso corporeo elevato per le donne.

Sulla base di queste misurazioni, l’analisi ha rivelato che il 13,5 per cento delle persone con un BMI normale e una percentuale di grasso corporeo elevato avevano prediabete o diabete, rispetto a solo il 10,5 per cento di quelli ritenuti “overweight” con il loro indice di massa corporea, ma che ha avuto basso contenuto di grassi del corpo.

“Questa percentuale elevata di grasso corporeo si collega a glicemia anormale”, spiega l’autore senior dello studio Arch G. Mainous III, presidente del Dipartimento UF per la ricerca, la gestione e la politica dei servizi sanitari, “regge anche quando controlliamo cose come l’età, sesso, razza / etnia, storia familiare di diabete, esercizio ad intensità vigorosa e attività di potenziamento muscolare. “

BMI normale non una misura della salute

“In genere, il BMI normale è stato percepito come sano”, spiega Jo, “quindi le persone con BMI normale sono state trascurate in diverse linee guida di assistenza preventiva”.

“Eppure, il BMI normale non significa necessariamente una composizione corporea sana”, avverte. Maino echeggia gli stessi pensieri, dicendo: “Le prove stanno aumentando il fatto che il BMI potrebbe non essere la migliore misura del grasso corporeo per una varietà di gruppi come individui che sono sedentari o donne anziane”.

“Questo studio fornisce maggiore supporto per questa idea di grasso magro e mostra come la percentuale di grasso corporeo è più importante nell’identificare gli individui con prediabete rispetto al BMI.”

Arch G. Mainous III

“Ci avvisa anche”, aggiunge, “di prendere in considerazione modi per identificare meglio gli individui con elevato contenuto di grasso corporeo e incorporarli nella pratica clinica”.

“Speriamo che questi risultati possano ispirare i medici e altri professionisti della salute a guardare più da vicino alla normale popolazione di BMI e fornire assistenza preventiva in tempo per coloro che sono a rischio di sviluppare il diabete”, conclude Jo.

Like this post? Please share to your friends: