Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Diabete: sorprendenti scoperte genetiche potrebbero alimentare nuovi trattamenti

Studiando una famiglia con rari disordini glicemici, gli scienziati hanno identificato una mutazione del gene che può dare origine sia ad alti che a bassi livelli di zucchero nel sangue. Questa scoperta potrebbe portare a nuovi trattamenti per il diabete.

un'illustrazione del DNA

Il diabete è una condizione in cui il corpo non è in grado di produrre una quantità sufficiente di insulina ormonale o non può utilizzarla in modo efficace.

Di conseguenza, i livelli di zucchero nel sangue diventano troppo alti.

Si stima che circa 30,3 milioni di persone negli Stati Uniti vivano con il diabete. Il diabete di tipo 2 è la forma più comune, seguita dal diabete di tipo 1.

Ma ci sono alcune forme più rare che rappresentano solo l’1-4 percento dei casi negli Stati Uniti. Questi sono conosciuti come il diabete monogenico e derivano da una mutazione in un singolo gene che viene trasmessa da uno o entrambi i genitori.

Tali mutazioni compromettono la funzione delle cellule beta, che sono cellule del pancreas che secernono insulina.

Una delle forme più comuni di diabete monogenico è il diabete di giovane età, che rappresenta circa il 2% di tutti i casi di diabete negli Stati Uniti tra le persone di età inferiore ai 20 anni.

Per questo ultimo studio, l’autore principale Prof. Márta Korbonits – del William Harvey Research Institute presso la Queen Mary University di Londra (QMUL) nel Regno Unito – ei suoi colleghi hanno studiato una famiglia unica, alcuni dei quali avevano il diabete, mentre altri avevano insulinomi o tumori che producono insulina nel pancreas.

In particolare, il diabete è caratterizzato da alti livelli di zucchero nel sangue, mentre gli insulinomi fanno sì che i livelli di zucchero nel sangue diventino troppo bassi. In che modo entrambe queste condizioni conflittuali possono essere eseguite nella stessa famiglia?

Secondo il prof. Korbonits e la squadra, la colpa è di una singola mutazione genetica.

Mutazione MAFA scoperta

Analizzando i genomi della famiglia, i ricercatori sono stati sorpresi di trovare una singola mutazione nel gene MAFA che era presente sia nei membri della famiglia con diabete che in quelli con insulinoma.

Il gene MAFA regola normalmente la produzione di insulina nelle cellule beta. Una mutazione in questo gene porta alla produzione di una proteina MAFA anormale, che sembra essere più abbondante nelle cellule beta rispetto alle normali proteine ​​MAFA.

I ricercatori sono stati in grado di confermare la presenza della mutazione del gene MAFA in un’altra famiglia, che aveva anche membri con diabete e insulinoma.

Complessivamente, i risultati indicano che una mutazione nel gene MAFA può essere una causa di alti e bassi livelli di zucchero nel sangue, ma il modo preciso in cui la mutazione provoca tali condizioni rimane poco chiaro.

“Noi crediamo”, spiega il primo autore dello studio, il dott. Donato Iacovazzo, anche del William Harvey Research Institute di QMUL, “questo difetto genetico è fondamentale per lo sviluppo della malattia e ora stiamo compiendo ulteriori studi per determinare come questo difetto può, da un lato, danneggia la produzione di insulina per causare il diabete e, dall’altro, causa insulinoma “.

Questi risultati – ora pubblicati nella – rappresentano la prima volta che una mutazione nel gene MAFA è stata associata alla malattia e i ricercatori ritengono che potrebbero aprire la strada a nuovi trattamenti per forme comuni e rare di diabete.

“Mentre la malattia che abbiamo caratterizzato è molto rara, studiare condizioni rare ci aiuta a capire di più sulla fisiologia e sui meccanismi alla base di malattie più comuni. Speriamo che nel lungo termine questa ricerca ci condurrà ad esplorare nuovi modi per innescare la rigenerazione di cellule beta per trattare forme più comuni di diabete. “

Co-autore dello studio, la prof.ssa Sian Ellard, University of Exeter, U.K.

Like this post? Please share to your friends: