Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Dieta per ittero: cosa mangiare per un fegato sano

L’ittero è un accumulo di bilirubina nel sangue. La bilirubina è un pigmento giallo rilasciato durante la scomposizione dei globuli rossi. Troppo di questo pigmento fa ingiallire la pelle, gli occhi e le gengive.

Il fegato in genere filtra la bilirubina dal sangue, quindi l’ittero è solitamente correlato a malattie o insufficienza epatica.

La maggior parte dei casi di ittero si verifica nei neonati, nei bambini piccoli e negli adolescenti e negli adulti immunocompromessi.

Nella maggior parte dei casi, i livelli ematici di bilirubina da 2 a 3 milligrammi per decilitro (mg / dl) o più alti causano sintomi visibili.

In che modo la dieta svolge un ruolo nel recupero dell’ittero?

selezione di frutta e verdura

La dieta di una persona svolge un ruolo significativo nel recupero e nella prevenzione dell’ittero.

Durante la digestione, il fegato produce la bile che aiuta l’intestino a scomporre i grassi.

Il fegato è anche responsabile dell’elaborazione o del metabolismo di sostanze nutritive, tossine e farmaci più digeriti.

Tutti gli alimenti e le bevande richiedono al fegato di svolgere una certa quantità di lavoro. Ma diversi nutrienti e sostanze chimiche sono digeriti e metabolizzati in modo diverso, rendendo alcuni più favorevoli al fegato rispetto ad altri.

La quantità di lavoro che il fegato deve fare aumenta quando gli alimenti sono difficili da digerire. Questo è particolarmente vero per grandi quantità di zuccheri raffinati, sale e grassi saturi.

Le tossine, come l’alcol e alcuni farmaci, possono anche danneggiare le cellule del fegato durante il metabolismo.

Le persone con ittero sono generalmente consigliate di mangiare cibi e bevande che aiutano a migliorare la digestione e il metabolismo, proteggono il fegato da ulteriori danni e disintossicano il fegato.

Cosa mangiare

Un medico fornirà un piano di trattamento individualizzato, compresi i suggerimenti dietetici, a una persona che si sta riprendendo dall’itterizia.

Questi suggerimenti variano a seconda della gravità del caso e di eventuali condizioni mediche sottostanti. Ma ci sono alcuni cibi e bevande che la maggior parte delle persone con ittero si consiglia di aggiungere alla loro dieta.

Gli alimenti e le bevande da consumare durante il recupero dell’ittero includono:

acqua

Rimanere idratato è uno dei modi migliori per aiutare il fegato a guarire dall’ittero. L’acqua non solo aiuta ad alleviare la digestione, ma aiuta anche il fegato ei reni a eliminare le tossine.

La maggior parte delle persone dovrebbe bere almeno 64 once o poco meno di 2 litri di acqua al giorno.

Se le persone trovano il gusto insipido, possono provare ad aggiungere un cucchiaino o più di limone fresco, lime o succo di pompelmo all’acqua per una dose extra di antiossidanti.

Frutta e verdura fresca

Frutta e verdura fresche contengono potenti antiossidanti e fibre che possono aiutare a limitare il danno epatico durante il metabolismo e facilitare la digestione.

Tutta la frutta e la verdura contengono un certo livello di nutrienti compatibili con il fegato, ma alcune varietà sono particolarmente utili per le condizioni del fegato. Questi includono:

  • mirtilli interi, mirtilli e uva
  • agrumi, in particolare limoni, lime e pompelmi
  • papaia e meloni
  • zucche, patate dolci e patate dolci
  • avocado e olive
  • pomodori
  • carote, barbabietole e rape
  • verdure crocifere, come broccoli, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles
  • zenzero e aglio
  • spinaci e cavoli verdi

Per ottenere benefici sanitari ottimali, le persone dovrebbero mangiare frutta e verdura intere ed evitare prodotti ipercalorici a basso contenuto di fibre, come succhi di frutta e miscele.

Si consiglia inoltre di limitare o evitare zuccheri altamente trasformati e raffinati, come lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFCS).

Caffè e tisane

Caffè e tisane contengono alte dosi di antiossidanti e caffeina, che può aiutare a stimolare la digestione.

Con moderazione, il caffè ha dimostrato di aiutare a ridurre il rischio di malattie del fegato, tra cui il cancro e la fibrosi (cicatrici), e rallentare la loro progressione.

Cereali integrali

I cibi integrali contengono elevate quantità di nutrienti compatibili con il fegato, tra cui grassi sani, fibre, antiossidanti e minerali.

Uno studio del 2013 ha confermato che i soggetti che hanno mangiato l’avena, che sono ricchi di beta-glucano, hanno migliorato la funzionalità epatica dopo 12 settimane di consumo.

Frutta a guscio e legumi

La maggior parte delle noci e dei legumi sono ricchi di antiossidanti, tra cui la vitamina E e l’acido fenolico.

Le noci e i legumi intere sono anche solitamente ricchi di fibre e grassi sani. Gli studi dimostrano che le noci e altri frutti a guscio sono utili alla funzionalità epatica se consumati regolarmente.

Proteine ​​magre

Le proteine ​​magre, tra cui tofu, legumi e pesce, mettono meno stress sul fegato della carne rossa. Le specie di pesce oleoso, come il salmone e lo sgombro, contengono omega-3 e zinco, che aiutano a metabolizzare gli acidi grassi, gli alcoli, i carboidrati e le proteine.

Alimenti da evitare

Alimenti e bevande da evitare o limitare durante il recupero dell’ittero includono:

alcool

L’alcol è tossico per la maggior parte dei tessuti interni, incluso il fegato. L’uso eccessivo di alcol può causare infiammazione cronica, ridurre la funzionalità epatica e portare alla fibrosi.

La maggior parte delle persone con ittero o altre condizioni del fegato dovrebbero cercare di evitare completamente l’alcol.

Carboidrati raffinati

Soda, prodotti da forno, pane bianco e pasta contengono tutti elevate quantità di zucchero raffinato.

Troppo zucchero è stato collegato a una serie di condizioni di salute che compromettono la funzionalità epatica, compresi il diabete di tipo 2 e l’obesità.

Alimenti confezionati, in scatola e affumicati

selezione di prodotti lattiero-caseari

Molti cibi confezionati, in scatola o affumicati, in particolare salumi e verdure in scatola, contengono alti livelli di conservanti.

Questi conservanti sono solitamente forme di sale, come nitrati e solfati. Il sale disidrata il corpo, rendendo la digestione e il metabolismo più difficili e mettendo lo stress sul fegato.

Gli alimenti con 1,5 grammi (g) di sale per 100 g (o 0,6 g di sodio) o più sono considerati salati.

Grassi saturi e trans

Gli alimenti fritti, oleosi e veloci contengono elevate quantità di grassi saturi e trans difficili da digerire, in particolare quelli preparati con oli vegetali parzialmente idrogenati.

Alcuni prodotti lattiero-caseari, tra cui formaggi, latte intero e yogurt grassi, contengono anche alti livelli di grassi saturi.

I ricercatori non sono del tutto sicuri del perché, ma gli studi indicano che le persone che consumano grandi quantità di grassi saturi e trans sottoposti a cambiamenti epatici e un aumento della resistenza all’insulina. L’insulina aiuta a controllare i livelli di zucchero nel sangue e aiuta a digerire lo zucchero.

Le grandi assunzioni di grassi saturi e trans sono anche state collegate all’obesità e alla malnutrizione, che sono entrambi fattori di rischio per le condizioni del fegato, tra cui l’ittero.

Si raccomanda di limitare l’assunzione di grassi saturi al 5-6% delle calorie totali e di cercare di limitare o evitare del tutto i grassi trans.

Pesci o molluschi crudi o poco cotti

Pesce e molluschi crudi o poco cotti possono contenere tossine che possono danneggiare il fegato e altri organi digestivi.

C’è anche il rischio che contengano virus, batteri e parassiti che possono infettare il fegato.

Manzo e maiale

Le carni ricche, come la carne di manzo e il maiale, contengono alti livelli di amminoacidi e grassi animali che possono essere difficili da digerire e sottoporre a stress un fegato danneggiato.

La maggior parte degli studi suggerisce che le carni magre, come pollame e pesce, così come le proteine ​​vegetali, come legumi e tofu, sono fonti proteiche più favorevoli al fegato.

Chi beneficia di cibi compatibili con il fegato?

tre bambini che giocano

Le persone in una categoria ad alto rischio di ittero sono spesso consigliate di mangiare alcuni alimenti sani per il fegato per aiutare a ridurre le loro possibilità di sviluppare la condizione.

Le persone che possono trarre beneficio da cibi e supplementi di fegato sano includono:

  • donne incinte e madri che allattano
  • neonati e bambini molto piccoli
  • individui immuno-compromessi
  • persone con problemi al fegato, come epatite, ostruzioni del dotto biliare (calcoli biliari o tumori) e malattia del fegato alcolica o adiposa
  • persone che assumono determinati farmaci da prescrizione, in particolare antinfiammatori non steroidei (FANS), farmaci antidolorifici, steroidi, farmaci regolatori del sistema immunitario e ormonale
  • persone con condizioni ereditarie, in particolare la sindrome di Gilbert e la sindrome di Dublin-Johnson

Tuttavia, la maggior parte dei bambini e degli adulti che mangiano una dieta sana ed equilibrata sono a basso rischio di sviluppare ittero e non hanno bisogno di apportare modifiche dietetiche se non sono informati di farlo da un medico.

Like this post? Please share to your friends: