Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Diete a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi possono ridurre le crisi epilettiche

Circa il 60-65% dei pazienti con epilessia è libero da crisi convulsive con trattamento antiepilettico. Il restante 35% è resistente ai farmaci. Tuttavia, una revisione della ricerca attuale pubblicata presenta un promettente trattamento alternativo per la riduzione delle crisi epilettiche – diete ad alto contenuto di grassi e basso contenuto di carboidrati.

cibi ricchi di grassi e a basso contenuto di carboidrati

I ricercatori intendevano rivedere le diete ad alto contenuto di grassi, a basso contenuto di carboidrati chetogenici e modificati di Atkins per il trattamento dell’epilessia refrattaria (epilessia resistente ai farmaci) negli adulti. Entrambe le diete si sono dimostrate efficaci nei bambini, tuttavia sono studiate negli adulti in modo insufficiente.

La dieta Atkins modificata e la dieta chetogenica includono cibi ricchi di grassi come pancetta, uova, maionese, burro, hamburger e panna, con alcuni tipi di frutta, verdura, noci, avocado, formaggi e pesce.

La dieta chetogenica è restrittiva, non molto appetibile e logisticamente difficile da eseguire. La dieta Atkins è stata modificata per l’uso in pazienti con epilessia difficile da trattare come varietà più facile da eseguire della dieta chetogenica.

I rapporti tra grassi e carboidrati e proteine ​​sono i seguenti:

  • Dieta chetogenica: rapporto 3: 1 o 4: 1 [grasso]: [carboidrati 1 proteina] in peso, con l’87-90% delle calorie derivate dal grasso
  • Dieta modificata Atkins: 0.9: 1 [grasso]: [rapporto carboidrati 1 proteina] in peso, con circa il 50% delle calorie derivate dal grasso.

Al contrario, la tipica dieta americana deriva circa il 50% delle calorie da carboidrati, il 35% da grassi e il 15% da proteine. Le linee guida governative statunitensi per gli adulti raccomandano il 45-65% di calorie dai carboidrati, il 10-20% dal grasso e il 10-35% dalle proteine.

L’autore dello studio Pavel Klein, MB BChir, del Mid-Atlantic Epilessia e Sleep Center di Bethesda, MD, e membro dell’American Academy of Neurology, afferma:

“Abbiamo bisogno di nuovi trattamenti per il 35% delle persone con epilessia le cui convulsioni non vengono fermate dai farmaci.La dieta chetogenica è spesso utilizzata nei bambini, ma poche ricerche sono state fatte su quanto sia efficace negli adulti.”

Gli scienziati hanno esaminato cinque studi sul trattamento dietetico chetogenico in 47 adulti e cinque studi sul trattamento dietetico modificato di Atkins in 85 adulti con epilessia refrattaria.

Alcuni pazienti hanno raggiunto una riduzione del 50% o maggiore

In tutti gli studi, il 32% dei pazienti trattati con dieta chetogenica e il 29% dei pazienti trattati con dieta Atkins modificati hanno raggiunto il 50% o più di riduzione delle crisi convulsive. Inoltre, il 9% della dieta chetogenica e il 5% dei pazienti trattati con dieta Atkins modificati hanno ottenuto una riduzione del sequestro superiore al 90%.

Fatti veloci sull’epilessia

  • L’epilessia è una condizione neurologica cronica caratterizzata da crisi ricorrenti
  • L’epilessia colpisce circa 2,3 milioni di adulti e 467,711 bambini di età compresa tra 0 e 17 anni negli Stati Uniti
  • Circa 1 su 26 persone saranno diagnosticate con epilessia ad un certo punto della loro vita
  • Circa 150.000 nuovi casi di epilessia verranno diagnosticati negli Stati Uniti ogni anno.

Scopri di più sull’epilessia

L’effetto positivo sui sequestri si è verificato rapidamente con entrambe le diete, in pochi giorni o settimane. I risultati persistono a lungo termine, ma a differenza dei bambini, gli effetti sembrano non durare dopo l’interruzione della dieta.

Gli effetti collaterali di entrambe le diete erano simili e non gravi. L’iperlipidemia, la più grave, si è invertita dopo l’interruzione del trattamento e la perdita di peso è stata l’effetto indesiderato più comune.

Klein commenta: “Sfortunatamente, l’uso a lungo termine di queste diete è basso perché sono così limitati e complicati: la maggior parte delle persone interrompe la dieta a causa delle restrizioni culinarie e sociali”.

“Tuttavia, questi studi mostrano che le diete sono moderatamente molto efficaci come un’altra opzione per le persone con epilessia”, aggiunge.

Sia nella dieta chetogenica che negli studi di dieta Atkins modificati, la ritenzione era scarsa con il 51% di chetogenetici trattati con dieta e il 42% di pazienti con dieta Atkins modificata che terminavano la dieta prima del completamento dello studio. Anche quelli con una riduzione della frequenza delle crisi del 75-100% finiscono per interrompere la dieta a causa di restrizioni culinarie e sociali.

Gli autori concludono che per il trattamento dell’epilessia refrattaria, i dati attuali non forniscono una base probatoria per la dieta chetogenica e l’uso modificato della dieta Atkins. Fino a quando non saranno disponibili più dati, dovrebbero essere utilizzati solo come ultima risorsa.

La dieta chetogenica e il trattamento dietetico modificato di Atkins mostrano una moderata efficacia, ma in alcuni pazienti l’effetto è notevole.

l’olio di pesce omega-3 recentemente segnalato potrebbe ridurre la frequenza delle crisi per i pazienti con epilessia. Uno studio sostiene che i pazienti affetti da epilessia potrebbero ridurre la frequenza delle convulsioni consumando ogni giorno basse dosi di olio di pesce omega-3.

Like this post? Please share to your friends: