Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Diete ricche di potassio potrebbero proteggere i reni dei pazienti diabetici

I pazienti diabetici sono a rischio per un’ampia varietà di esiti negativi sulla salute durante la progressione della malattia. Una di queste aree di interesse è la funzione renale. Una nuova ricerca spera di avviare ulteriori indagini sui modi per affrontare questi disturbi con il potassio alimentare.

[Diagramma renale]

Il diabete è un problema crescente. Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) stima che ci siano 29,1 milioni di diabetici in America.

Preoccupantemente, il CDC prevede anche che questo numero raddoppierà o triplicherà nei prossimi decenni. Se tale previsione è corretta, tra 1 e 3 e 1 su 5 americani potrebbero essere diabetici entro il 2050.

Sebbene l’obesità sia nota per essere un fattore importante, la ricerca è attiva per altri fattori di rischio dietetici che potrebbero essere più facili da correggere.

Il controllo della dieta nel diabete è una parte essenziale del piano di trattamento e le diete a basso contenuto di sodio e ipocalorico sono le più comunemente raccomandate.

La dieta standard che i medici consigliano per i diabetici è essenzialmente una dieta sana e ben bilanciata con un’attenzione particolare alla riduzione del sale.

Problemi renali e cardiovascolari nel diabete

Il diabete di tipo 2 aumenta significativamente la possibilità di malattia renale allo stadio terminale (ESRD) e malattia cardiovascolare (CVD).

Iperglicemia (eccesso di glucosio nel sangue), ipertensione (pressione alta) e dislipidemia (eccesso di lipidi nel sangue) sono fattori di rischio ben noti sia per ESRD che per CVD.

Nella popolazione generale, il potassio è riconosciuto come mezzo per prevenire l’ipertensione e ictus. Tuttavia, i suoi effetti sull’ESRD e sull’insorgenza di CVD non sono ben studiati, specialmente in una popolazione diabetica con una sana funzionalità cardiovascolare e renale.

Il ruolo del potassio

Il potassio è un minerale vitale coinvolto nel normale funzionamento di tutte le cellule, i tessuti e gli organi del corpo. Insieme al sodio, al cloruro, al calcio e al magnesio, il potassio è una particella carica chiamata elettrolita.

Il potassio aiuta a condurre gli impulsi nervosi, regolare il ritmo cardiaco e controllare la contrazione muscolare. Svolge anche un ruolo nel mantenimento della salute delle ossa e dell’equilibrio dei liquidi.

Uno dei tanti ruoli del rene è assicurare che il potassio sia mantenuto ai livelli corretti. Troppo o troppo poco può essere altrettanto fastidioso.

La ricerca condotta dal Dr. Shin-ichi Araki, presso l’Università della Scienza Medica di Shiga in Giappone, spera di aprire nuove strade di indagine sulla relazione tra il potassio alimentare e le conseguenze negative sulla salute nei pazienti diabetici.

Dieta nel diabete

La ricerca del dott. Araki, pubblicata nel, afferma che le diete ricche di potassio possono aiutare a proteggere la salute del cuore e dei reni dei pazienti con diabete di tipo 2.

Il processo ha coinvolto 623 diabetici di tipo 2 giapponesi, nessuno dei quali utilizzava attualmente farmaci diuretici o aveva una storia di CVD. I pazienti sono stati arruolati tra il 1996 e il 2003 con un periodo di follow-up mediano di 11 anni.

Questo studio a lungo termine ha misurato l’escrezione di potassio e sodio attraverso il campionamento delle urine. La quantità di questi elementi escreti nelle urine è un indicatore accurato della quantità consumata.

I risultati hanno mostrato che livelli più alti di potassio nelle urine dei partecipanti indicavano un minor rischio di disfunzione renale e problemi cardiovascolari. L’escrezione di sodio, d’altra parte, non ha mostrato alcuna correlazione.

Gli autori concordano con le raccomandazioni per limitare l’assunzione di energia, come è normale pratica con i pazienti diabetici, ma il Dr. Araki avverte che una dieta a basso contenuto calorico, povera di sodio può anche essere carente di potassio.

È ben consapevole delle difficoltà che circondano le scelte dietetiche di un diabetico:

“Per molte persone con diabete, la parte più difficile di un piano di trattamento è determinare cosa mangiare”.

Il dott. Araki crede che l’innalzamento del potassio nei piani dietetici per il diabete possa impedire a ESRD e CVD di svilupparsi in individui, o almeno rallentarne l’avanzamento.

Questi risultati sono in linea con altre ricerche recenti che hanno collegato l’assunzione di potassio nella dieta più alta con una minore incidenza di disfunzione renale e CVD in pazienti non diabetici.

Il dott. Araki avverte, tuttavia, che il presente studio non è una prova conclusiva degli effetti protettivi del potassio sui reni diabetici. Lo scopo dello studio era di stimolare ulteriori indagini su nuovi obiettivi per le future raccomandazioni dietetiche e, a tale riguardo, il processo è stato un successo.

Vale anche la pena notare che l’iperkaliemia – elevati livelli di potassio nel sangue – è una condizione pericolosa che colpisce alcuni diabetici. recentemente riferito su un nuovo farmaco che potrebbe aiutare a migliorare i livelli di potassio nei reni diabetici.

Like this post? Please share to your friends: