Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Diffusione di ceppi E.coli resistenti agli antibiotici ESBL-Diffusion nel Regno Unito

Un ceppo E.coli produttore di ESBL, che si dice sia più difficile da trattare rispetto all’MRSA, ora infetta circa 30.000 persone all’anno in Inghilterra e Galles, secondo un programma TV Tonight. Si pensa che il pollo importato sia strettamente legato alla presenza di questo ceppo resistente.

Questo ceppo E.coli produce beta-lattasi a spettro esteso (ESBL), un enzima che rende tali infezioni resistenti a diversi farmaci antibiotici. I pazienti sviluppano infezioni del tratto urinario, che possono trasformarsi in setticemia pericolosa (avvelenamento del sangue).

Il primo caso di ESBL E.coli è apparso circa quattro anni fa e sembrava infettare le donne anziane. Come si è diffuso, così ha l’età e il tipo di paziente che viene infettato. Si sta diffondendo rapidamente in tutta l’Inghilterra e il Galles, secondo il programma.

Test condotti di recente dall’Agenzia per la protezione sanitaria hanno rilevato che un quarto dei polli stranieri venduti nei supermercati britannici porta ESBL E.coli. Su centinaia di uccelli testati, solo un pollo allevato in Gran Bretagna era infetto. Recenti test effettuati in Spagna e negli Stati Uniti hanno anche rivelato un legame tra ESBL E.coli e pollo.

L’Agenzia per la protezione sanitaria (HPA) ha rilasciato una dichiarazione il 22 settembre, affermando che alla luce dell’aumento dei media e dell’interesse pubblico per E.coli che produce ESBL, ha ritenuto che potrebbe essere utile fornire alcune informazioni di base su queste infezioni e anche spiegare che lavoro si sta svolgendo in questo settore.

Cosa sono gli E.coli che producono ESBL?

E.coli che producono ESBL sono ceppi di E. coli resistenti agli antibiotici. Gli E. coli sono batteri comuni che normalmente si trovano innocui nell’intestino (intestino). I ceppi produttori di ESBL producono un enzima chiamato beta lattamasi a spettro esteso (ESBL). ESBL li rende resistenti agli antibiotici cefalosporinici, così come ad un certo numero di altre classi di antibiotici – rendendo queste infezioni molto più difficili da trattare.

L’E. coli che produce ESBL può causare una vasta gamma di infezioni, che vanno dalle infezioni del tratto urinario a gravi avvelenamenti del sangue. Infezioni con E. coli che producono ESBL colpiscono più comunemente gli anziani, le persone che sono state recentemente ricoverate in ospedale e le persone che ricevono o hanno ricevuto un trattamento antibiotico. E. coli produttori di ESBL sono eccezionalmente rari nella cistite semplice.

L’HPA sottolinea che le infezioni da E.coli che producono ESBL stanno crescendo a livello globale, e non solo nel Regno Unito. L’HPA afferma che è una delle istituzioni più importanti al mondo in termini di ricerca in questo settore.

Dal 2003, insieme ai microbiologi dell’ospedale NHS, l’HPA ha lavorato duramente per consigliare e fornire informazioni a medici e ospedali per quanto riguarda il trattamento e la diagnosi di queste infezioni.

L’HPA sottolinea che sono necessarie molte ulteriori ricerche per individuare l’origine di E. coli che causa infezioni. Anche se il pollo è stato proposto come motivo per cui sono entrati nel Regno Unito, si deve notare che gli ESBL prodotti nei polli testati sono diversi da quelli trovati negli esseri umani infetti. E.coli con ESBL CTX-M-1; CTX-M-2 e CTX-M-14 sono stati trovati nella carne di pollo importata nel Regno Unito. Tuttavia, la maggior parte degli E. coli che producono ESBL trovati nelle infezioni umane contengono l’ESBL CTX-M-15 che non è presente nei campioni di pollo.

Un’altra fonte suggerita è stata la migrazione. L’HPA dice che sono necessarie ulteriori ricerche per poter commentare questo. Sono necessarie ulteriori ricerche per scoprire quante persone portano E. coli che producono ESBL nel loro intestino (anche se, bisogna precisare che queste persone lo trasporteranno inoffensivo).

L’HPA afferma che la cifra di infezione umana di 30.000 all’anno è una stima che deve essere verificata.

– Ulteriori informazioni sulle beta-lattamasi a spettro esteso (ESBL)

– Lattamasi Beta a spettro esteso – Domande frequenti

Scritto da: Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: