Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Diminuzione dell’olfatto può indicare una demenza precoce

Un diminuito senso dell’olfatto sembra essere collegato all’insorgenza dell’Alzheimer, secondo un articolo pubblicato in.

[fiori profumati senior]

La ricerca precedente ha associato la perdita olfattiva, o anosmia, con declino cognitivo, lieve deterioramento cognitivo (MCI) o malattia di Alzheimer (AD). Può anche essere un marker per il corpo di Lewy e la demenza vascolare.

Gli studi autoptici hanno collegato una perdita di capacità di identificare gli odori con le placche e i grovigli nel bulbo olfattivo, nella corteccia entorinale e nelle regioni di cornu ammonis dell’ippocampo.

I marcatori della diagnosi precoce possono aiutare a prevenire o ritardare queste malattie, e la compromissione olfattiva può essere un marcatore clinico importante e un predittore di queste condizioni, aiutando a identificare quelle a rischio.

Rosebud Roberts, della Mayo Clinic di Rochester, MN, e coautori hanno valutato l’olfatto di 1.430 individui cognitivamente normali, con un’età media di 79,5 anni; circa la metà erano uomini e la metà erano donne.

I partecipanti sono stati arruolati nello studio di invecchiamento della Mayo Clinic, basato sulla popolazione, tra il 2004 e il 2010 e sono stati valutati clinicamente al basale e ogni 15 mesi fino al 2014.

La diminuzione olfattiva corrisponde a un aumento della perdita di memoria

Il test che hanno utilizzato ha coinvolto sei odori legati al cibo e sei non legati al cibo (banana, cioccolato, cannella, benzina, limone, cipolla, diluente per pittura, ananas, rosa, sapone, fumo e trementina). I partecipanti hanno dovuto grattare, annusare e selezionare una delle quattro opzioni possibili, per un punteggio da calcolare.

Con una media di 3,5 anni di follow-up, gli autori hanno identificato 250 nuovi casi di MCI tra i 1.430 partecipanti.

C’era un’associazione tra una capacità decrescente di identificare gli odori – misurata da una diminuzione del numero di risposte corrette nel punteggio del test dell’odore – e un aumento del rischio di MCI amnestica (aMCI). Non sembra esserci alcuna associazione tra un punteggio ridotto del senso dell’olfatto e un MCI non amnestico (naMCI), che può influenzare altre capacità di pensiero.

Le persone con aMCI hanno problemi di memoria più gravi del normale per la loro età e istruzione, ma non abbastanza gravi da influire sulla vita quotidiana; naMCI è caratterizzato da capacità di pensiero alterate diverse dalla memoria, come problemi di pianificazione e organizzazione o scarsa capacità di giudizio.

Gli autori hanno anche riportato 64 casi di demenza tra 221 individui con MCI prevalente. Una diminuzione della frequenza di una demenza qualsiasi o di AD è stata associata a un aumento dei punteggi nel test dell’odore. Le peggiori categorie di punteggio del test sull’odore erano associate alla progressione dalla demenza da aMCI ad AD.

I risultati suggeriscono un’associazione tra alterazione olfattiva, MCI incidentale e progressione da aMCI a demenza AD e confermano studi precedenti che collegano il deficit olfattivo con il deterioramento cognitivo in età avanzata.

Cambiamenti neurodegenerativi alla radice del problema

Potenziali spiegazioni per le scoperte attuali riguardano cambiamenti neurodegenerativi nel bulbo olfattivo e nelle regioni del cervello che coinvolgono la memoria e il senso dell’olfatto.

  • Si stima che il 10-20% degli over 65 sia dotato di MCI
  • Il morbo di Alzheimer rappresenta il 60-80% di tutte le demenze
  • Il 10% delle demenze sono vascolari.

Ulteriori informazioni sulla demenza

Si pensa che il bulbo olfattivo sia coinvolto perché la perdita di odore si verifica solo in condizioni neurodegenerative in cui vi è patologia olfattiva, come AD e morbo di Parkinson.

I grovigli neurofibrillari, caratteristiche dell’AD, sono stati trovati nel bulbo olfattivo e nei tratti prima dell’inizio dei sintomi, suggerendo che i deficit olfattivi possono essere i primi marcatori della malattia.

I sintomi di AD nella corteccia entorinale, nell’ippocampo e in altre regioni temporali possono limitare la capacità di immagazzinare e recuperare i ricordi dell’olfatto e quindi identificare correttamente gli odori.

I deficit colinergici sono coinvolti nella perdita olfattiva della demenza AD e della malattia di Parkinson. Questi deficit potrebbero aiutare a distinguere tra malattie neurodegenerative con menomazione olfattiva, come il morbo di Parkinson e l’Alzheimer, e quelli senza, come la paralisi sopranucleare progressiva.

I livelli ridotti di colina acetil transferasi e dopamina nel tubercolo olfattivo e in altre regioni del cervello possono anche svolgere un ruolo, così come la diminuzione della norepinefrina correlata al danno o alla neurodegenerazione in una fonte di noradrenalina al bulbo olfattivo.

Le limitazioni includono non valutare direttamente la rilevazione degli odori; ma è improbabile che ciò pregiudichi i risultati perché i test di rilevamento degli odori sono strettamente correlati con i test di identificazione degli odori ei pazienti con AD e una serie di altre malattie neurodegenerative mostrano deficit sia nel rilevamento che nell’identificazione.

Gli autori concludono:

“Le implicazioni cliniche delle nostre scoperte sono che i test di identificazione degli odori possono essere utilizzati per la diagnosi precoce di persone a rischio di esiti cognitivi”.

recentemente riferito che un cambiamento nel senso dell’umorismo potrebbe predire l’Alzheimer.

Like this post? Please share to your friends: