Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Dipendenza da Facebook – Nuova scala psicologica

I ricercatori norvegesi hanno pubblicato una scala psicologica per misurare la dipendenza da Facebook, la prima nel suo genere in tutto il mondo. Hanno scritto del loro lavoro nel numero di aprile 2012 della rivista Psychological Reports. Sperano che i ricercatori trovino il nuovo strumento psicometrico utile nell’indagare il comportamento problema legato all’uso di Facebook.

Tuttavia, un articolo di accompagnamento suggerisce che un approccio più utile potrebbe essere quello di misurare la dipendenza dal social networking come un’attività, piuttosto che la dipendenza da un prodotto specifico come Facebook. Ciò è particolarmente rilevante dato che Facebook è più di un sito di social networking (ad esempio, gli utenti possono guardare video e film, giocare e giocare sul sito) e il social networking non è limitato a Facebook.

La nuova misura è denominata BFAS, abbreviazione di Bergen Facebook Addiction Scale ed è opera della Dott.ssa Cecilie Andraessen presso l’Università di Bergen (UiB), in Norvegia, e colleghi. Andreassen attualmente conduce il progetto di ricerca sulle dipendenze di Facebook presso UiB.

Nel loro articolo, Andraessen e colleghi descrivono come hanno iniziato con un pool di 18 articoli composti da tre elementi per ciascuno dei sei elementi fondamentali della dipendenza: salienza, modifica dell’umore, tolleranza, ritiro, conflitto e ricaduta.

Nel gennaio 2011, hanno invitato 423 studenti (227 donne e 196 uomini) a compilare il questionario del progetto BFAS, insieme a una batteria di altre scale standardizzate di auto-segnalazione di personalità, sonno, socievolezza, atteggiamenti nei confronti di Facebook e tendenze di dipendenza.

Scala di dipendenza da Facebook di Bergen

Alla fine, Andraessen e colleghi hanno finalizzato il BFAS a sei criteri di base, con i partecipanti hanno chiesto di dare una delle seguenti 5 risposte a ciascuno: (1) Molto raramente, (2) Raramente, (3) A volte, (4) Spesso, e ( 5) Molto spesso:

  1. Passi molto tempo a pensare a Facebook oa pianificare come usarlo.
  2. Senti l’impulso di usare Facebook sempre di più.
  3. Usi Facebook per dimenticare i problemi personali.
  4. Hai provato a ridurre l’uso di Facebook senza successo.
  5. Diventi irrequieto o travagliato se ti viene proibito di usare Facebook.
  6. Usa Facebook così tanto che ha avuto un impatto negativo sul tuo lavoro / studi.

Andreassen e colleghi suggeriscono che il punteggio “spesso” o “molto spesso” su almeno quattro dei sei elementi potrebbe suggerire che il rispondente è dipendente da Facebook.

Hanno scoperto che i vari tratti della personalità erano legati alla scala: ad esempio il nevroticismo e l’extraversion erano correlati positivamente, e la coscienziosità correlata negativamente.

Hanno anche scoperto che i punteggi più alti sul BFAS erano legati ad andare a letto molto tardi e alzarsi molto tardi.

Dipendenza da Facebook

Andreassen ha idee chiare sul perché le persone diventano dipendenti da Facebook. Ha detto alla stampa che lei e il suo team sottolinea che tende ad accadere di più tra i più giovani rispetto agli utenti più anziani.

Sito Web di Facebook nella schermata del browser
Ad aprile 2012, Facebook ha oltre 900 milioni di utenti attivi in ​​tutto il mondo.

“Abbiamo anche scoperto che le persone che sono ansiose e socialmente insicure usano Facebook più di quelle con punteggi più bassi su quei tratti, probabilmente perché chi è ansioso trova più facile comunicare attraverso i social media che faccia a faccia”, afferma Andreassen.

Il team norvegese rileva inoltre che le persone più organizzate e ambiziose tendono a non diventare dipendenti da Facebook e sono più propensi a utilizzare i social media come parte integrante dell’attività lavorativa e di networking.

Secondo Andreassen, le donne tendono a essere più a rischio di sviluppare la dipendenza da Facebook, qualcosa che attribuiscono alla natura sociale di Facebook.

Il dott. Mark D Griffiths, professore di studi sul gioco d’azzardo presso l’International Gaming Research Unit presso la Nottingham Trent University nel Regno Unito, scrive una risposta allo studio nello stesso numero della rivista.

In un blog personale sulla sua risposta, dice che mentre non ha avuto problemi con lo studio di Andraessen e colleghi, ha voluto commentare più ampiamente facendo ricerche sulla dipendenza da Facebook.

Griffiths afferma che il BFAS molto probabilmente nasce dalla necessità di aiutare i ricercatori che richiedono uno strumento validato psicometricamente per indagare sull’uso problematico di Facebook, e come tale sarà chiaramente utile.

Ma dal suo punto di vista, il campo della dipendenza da Facebook ora deve andare avanti e tenere il passo, e in tal modo deve affrontare diversi punti.

Ad esempio, è necessario affrontare il social networking come un’attività, separata da Facebook, che è un prodotto commerciale di cui il social networking è solo un aspetto. Le persone ora giocano su Facebook per giocare, giocare a Farmville, guardare film e video, scambiare foto, inviare messaggi agli amici e aggiornare il loro profilo.

Un altro punto che Griffiths fa è che abbiamo bisogno di chiarire che cosa sono le persone sui social network sono davvero dipendenti, e che cosa, per esempio, uno strumento di dipendenza da Facebook sta davvero misurando. Il BFAS può essere applicabile solo a Facebook, e non ad esempio ad altri siti di social network come Bebo, che è popolare tra i giovani adolescenti.

Con il ritmo veloce con cui i media elettronici e i siti che hanno iniziato principalmente per il social networking, stanno cambiando e offrendo un numero sempre più ampio di attività, Griffiths suggerisce che il termine “dipendenza da Facebook”, come “dipendenza da Internet”, possa essere già obsoleto.

C’è una grande differenza tra dipendenze su Internet e dipendenza da Internet, aggiunge, e lo stesso argomento vale per Facebook, come per i telefoni cellulari.

Quindi, ciò che è necessario ora è uno strumento validato psicometricamente che valuta in modo specifico la “dipendenza da social network”, piuttosto che l’uso di Facebook, dice Griffiths. Ad esempio, sottolinea che il BFAS non distingue tra dipendenza da Farmville e messaggi di amici di Facebook.

Like this post? Please share to your friends: