Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Discinesia tardiva: cosa devi sapere

La discinesia tardiva è un effetto collaterale di alcuni farmaci che provoca movimenti muscolari involontari, di solito in faccia. Questi movimenti sono a scatti, rigidi e non possono essere controllati.

La discinesia tardiva non è correlata ad altri disturbi che causano movimenti involontari, come il morbo di Parkinson o disturbi da tic.

In questo articolo, esaminiamo le cause e i sintomi della discinesia tardiva e se può essere prevenuto.

Cos’è la discinesia tardiva?

Donna che esamina lo specchio durante l'assunzione di pillole.

La discinesia tardiva è spesso un effetto collaterale dei farmaci antipsicotici. Questi farmaci agiscono per bloccare la dopamina, che è una sostanza chimica nel cervello che aiuta a controllare il movimento dei muscoli.

La maggior parte delle volte, la discinesia tardiva si verifica solo se una persona ha assunto questi farmaci per un lungo periodo di tempo. In alcuni casi, tuttavia, può svilupparsi subito dopo l’inizio del trattamento. Può anche verificarsi se la dose è molto alta.

Sfortunatamente, molti dei farmaci che causano discinesia tardiva sono di fondamentale importanza per la salute generale di una persona. Per le persone che hanno gravi malattie mentali, questi farmaci potrebbero addirittura salvare la vita.

Una persona non dovrebbe mai interrompere o modificare i suoi farmaci antipsicotici senza la conoscenza e l’approvazione di un medico.

Fino al 30 percento delle persone che assumono farmaci antipsicotici sviluppano a lungo termine discinesia tardiva. A causa di questo rischio, è importante che le persone che assumono questi tipi di farmaci prendano in considerazione i primi segni di discinesia tardiva. Se è riconosciuto in anticipo, potrebbe essere più facile da trattare.

Per anni, la discinesia tardiva è stata considerata un effetto collaterale non curabile e permanente. Tuttavia, i nuovi farmaci promettenti sono stati approvati per trattare la condizione.

Farmaci che possono causare discinesia tardiva

I farmaci antipsicotici noti come neurolettici sono la causa più comune di discinesia tardiva. Questi farmaci sono anche chiamati antagonisti del recettore della dopamina.

I neurolettici trattano le condizioni che coinvolgono la psicosi. Queste condizioni possono alterare la visione della realtà di una persona. Le persone che hanno condizioni psicotiche possono sperimentare una o entrambe le seguenti condizioni:

  • delusioni – convinzioni persistenti che non si basano sulla realtà
  • allucinazioni – sentire o vedere cose che non sono presenti

Le condizioni associate alle psicosi includono:

  • schizofrenia
  • disordine bipolare
  • grave depressione
  • abuso di droghe

I neurolettici più anziani, chiamati anche neurolettici di prima generazione o neurolettici “tipici”, hanno maggiori probabilità di causare discinesia tardiva rispetto ai neurolettici più recenti.

I neurolettici più anziani possono causare discinesia tardiva fino al 32,4% delle persone che li usano a lungo termine. I neurolettici di prima generazione includono:

  • clorpromazina
  • flufenazina
  • aloperidolo
  • perfenazina

I neurolettici di seconda generazione o “atipici” sono farmaci più recenti che possono essere meno propensi a causare discinesia tardiva. In effetti, una revisione ha rilevato che questi farmaci mostrano un tasso di discinesia tardiva di solo il 13,1% per gli utenti a lungo termine.

I neurolettici di seconda generazione più comuni includono:

  • risperidone
  • olanzapina
  • quetiapina
  • ziprasidone
  • aripiprazolo
  • paliperidone
  • lurasidone

Alcuni farmaci che sono progettati per trattare le condizioni digestive oltre alla psicosi sono stati anche collegati alla discinesia tardiva. Questi includono:

  • Metoclopramide, che aiuta a guarire piaghe o ulcere alla gola o allo stomaco e aiuta a svuotare lo stomaco nelle persone con diabete. L’assunzione di metoclopramide per più di 12 settimane aumenta il rischio di discinesia tardiva
  • Prochlorperazina, che a volte viene usata per trattare nausea e vomito gravi. Viene anche usato per trattare la schizofrenia o l’ansia grave.

Fattori di rischio

Donna afroamericana senior che parla con la giovane infermiera.

Prendendo neurolettici, soprattutto per un periodo prolungato, è il più grande fattore di rischio per lo sviluppo di discinesia tardiva.

Altri fattori che possono aumentare il rischio di una persona includono:

  • avere il diabete
  • essere più vecchio
  • essere femmina
  • avere demenza o una precedente lesione cerebrale
  • essere africano o afroamericano
  • avere disordini nell’alcool o nell’abuso di sostanze

Non tutti con questi fattori di rischio avranno discinesia tardiva. Tuttavia, è importante che una persona che assume farmaci antipsicotici conosca i fattori di rischio e cerchi assistenza medica se compaiono i sintomi.

Sintomi

I sintomi di discinesia tardiva di solito si manifestano gradualmente. Possono comparire durante l’assunzione di un farmaco antipsicotico, ma possono anche manifestare mesi o addirittura anni dopo aver interrotto il trattamento.

Una persona dovrebbe consultare un medico non appena i sintomi sembrano aiutare a trattarlo nelle sue fasi iniziali.

Il sintomo principale della discinesia tardiva è movimenti facciali involontari. Questi movimenti includono:

  • smorfie
  • accigliato
  • increspando le labbra
  • sporgendo la lingua
  • masticare o masticare
  • schioccare le labbra insieme
  • lampeggio eccessivo

Meno comunemente, la discinesia tardiva può causare movimenti involontari di braccia, gambe, dita e dita dei piedi.

Prevenzione

Prevenire la discinesia tardiva non è sempre possibile, poiché i sintomi possono manifestarsi all’improvviso. Il modo migliore per ridurre i sintomi della discinesia tardiva è riportare i movimenti involontari a un operatore sanitario non appena si presentano.

Una strategia per individuare questo effetto collaterale nelle sue fasi iniziali è vedere uno psichiatra regolarmente durante l’assunzione di farmaci antipsicotici. Lo psichiatra può utilizzare un test di screening chiamato “Abnormal Involuntary Movement Scale” (AIMS), che aiuta a identificare i sintomi della discinesia tardiva.

Le persone che assumono metoclopramide o proclorperazina per problemi digestivi possono anche dover essere regolarmente valutate da un medico per i sintomi della discinesia tardiva. In generale, questi farmaci dovrebbero essere usati solo per brevi periodi durante il trattamento di problemi digestivi.

Trattamento

integratori di ginkgo biloba su foglia.

Il trattamento della discinesia tardiva può comportare la riduzione della dose dell’antipsicotico o il passaggio a un altro farmaco. Questo dovrebbe essere fatto solo con la guida del medico prescrittore, in quanto gravi malattie mentali possono essere pericolose per la vita.

A volte cambiare o ridurre il farmaco allevia i sintomi della discinesia tardiva, ma non è sempre così.

Fino a poco tempo fa, non esistevano trattamenti approvati dalla FDA per la discinesia tardiva. Nel 2017 sono stati approvati due farmaci per trattare questa condizione:

  • valbenazina (Ingrezza)
  • deutetrabenazina (Austedo)

Chiunque voglia provare questi farmaci per ridurre i sintomi della discinesia tardiva dovrebbe parlare con il proprio medico.

L’American Academy of Neurology suggerisce che l’estratto di ginkgo biloba può anche aiutare ad alleviare i sintomi di discinesia tardiva in alcune persone. Vale la pena notare, tuttavia, che i suoi effetti sono stati studiati solo in persone ospedalizzate con schizofrenia.

Hanno anche notato che non ci sono prove sufficienti per dimostrare se altri rimedi naturali, come la vitamina E e la melatonina, funzionano per la discinesia tardiva.

Tuttavia, ci sono alcune prove che un farmaco anti-ansia noto come clonazepam può aiutare a trattare la discinesia tardiva, ma questo farmaco può essere assuefazione.

prospettiva

Sebbene la discinesia tardiva in sé non sia pericolosa per la vita, i suoi sintomi possono influire negativamente sulla qualità della vita di una persona. Se una persona sta assumendo farmaci antipsicotici, è una buona idea per loro conoscere i segni di discinesia tardiva in modo da poter segnalare eventuali sintomi a un medico non appena si verificano.

Sebbene non esista una cura definitiva per ogni persona con discinesia tardiva, i nuovi neurolettici combinati con i nuovi trattamenti approvati dalla FDA offrono speranza per questa condizione.

Like this post? Please share to your friends: