Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Disfunzione erettile: la terapia con cellule staminali ripristina la funzione sessuale nella fase I dello studio

I primi risultati di uno studio clinico suggeriscono che la terapia con cellule staminali potrebbe essere un trattamento promettente per la disfunzione erettile, dopo che la procedura è stata trovata per ripristinare la funzione sessuale negli uomini con questa condizione.

Uomo con disfunzione erettile seduto sul bordo del letto con la donna sdraiata guardando dall'altra parte.

La terapia con cellule staminali comporta l’iniezione delle cellule staminali del paziente – derivate da cellule adipose addominali – nel tessuto erettile del pene.

La ricercatrice capo Dr. Martha Haahr, dell’Ospedale universitario Odense in Danimarca, e colleghi hanno scoperto che entro 6 mesi dalla procedura, 8 dei 21 uomini trattati erano in grado di impegnarsi in rapporti sessuali spontanei.

I ricercatori hanno recentemente presentato le loro scoperte a EAU17 – la conferenza annuale dell’Associazione europea di urologia – tenutasi a Londra nel Regno Unito.

La disfunzione erettile (DE) è una condizione in cui un uomo ha difficoltà a raggiungere o mantenere un’erezione per poter avere rapporti sessuali.

Secondo il National Institute of Diabetes and Digestive Kidney Diseases, circa il 12% degli uomini di età inferiore ai 60 anni e il 22% degli uomini di età compresa tra 60 e 69 anni hanno ED.

Ipertensione, diabete, malattie cardiache, malattie renali croniche e chirurgia prostatica sono alcune delle condizioni fisiche che possono causare ED. Anche i problemi psicologici – come ansia, stress, depressione e bassa autostima – possono contribuire all’ED.

I trattamenti attuali per la DE includono gli inibitori della PDE5 (come il Viagra), gli impianti del pene e le iniezioni. Tuttavia, il Dr. Haahr e il team osservano che tutte queste terapie possono avere effetti collaterali significativi.

Di conseguenza, i ricercatori sono alla ricerca di trattamenti alternativi per l’ED, e la terapia con cellule staminali è emersa come un candidato promettente nelle prove sugli animali.

Miglioramenti della funzionalità sessuale evidenti un anno dopo il trattamento

Nel loro studio di fase I, il dott. Haahr e colleghi hanno testato la terapia con cellule staminali su 21 uomini con ED in seguito a prostatectomia radicale per cancro alla prostata. Nessuno degli uomini aveva risposto alle cure mediche standard per l’ED.

Per la procedura delle cellule staminali, le cellule grasse addominali sono state estratte da ogni uomo attraverso la liposuzione. Le cellule staminali sono state poi isolate dalle cellule adipose e iniettate nel corpo cavernoso del pene – il tessuto spugnoso che normalmente si riempie di sangue durante l’erezione.

Prima della procedura con le cellule staminali e 6 e 12 mesi dopo, la funzione erettile dei partecipanti è stata valutata utilizzando il questionario dell’Indice Internazionale della Funzione Erettile (IIEF). Un punteggio IIEF di 5-7 rappresenta una grave disfunzione erettile, 12-16 è una disfunzione erettile da lieve a moderata e 22-25 non è una disfunzione erettile.

Tutti e 21 gli uomini hanno visto migliorare la loro funzione erettile con la terapia con cellule staminali: il loro punteggio IIEF è aumentato da 6 prima del trattamento a 12 a 6 mesi dopo il trattamento.

Otto uomini hanno riferito di essere stati in grado di svolgere attività sessuali spontanee 6 mesi dopo la terapia con cellule staminali e questo risultato è rimasto evidente a 12 mesi dal trattamento. Questi uomini hanno visto il loro punteggio IIEF salire da 7 a 14 con la terapia con cellule staminali.

“Ciò che abbiamo fatto stabilisce che questa tecnica può portare gli uomini a recuperare un’erezione spontanea – in altre parole, senza l’uso di altri medicinali, iniezioni o protesi”, afferma il dott. Haahr.

La terapia con cellule staminali “potrebbe essere una soluzione a lungo termine” per l’ED

Anche se i risultati dello studio sono preliminari, il team dice che mostrano una promessa per la terapia con cellule staminali come strategia di trattamento efficace per l’ED.

“Siamo i primi ad utilizzare le cellule staminali adipose di un uomo come trattamento per la disfunzione erettile in uno studio clinico.La tecnica è stata sperimentata nel lavoro sugli animali, ma questa è la prima volta che la terapia con cellule staminali ha permesso ai pazienti di recuperare una sufficiente funzione erettile per consentire il rapporto sessuale “, afferma Dr Haahr.

“Siamo soddisfatti dei risultati preliminari, soprattutto perché questi uomini non avevano mai visto alcun effetto dal trattamento medico tradizionale e continuano ad avere una buona funzione erettile dopo 12 mesi di follow-up, indicando che questa potrebbe essere una soluzione a lungo termine.

Questo suggerisce la possibilità di opzioni terapeutiche per i pazienti affetti da disfunzione erettile da altre cause. Ma dobbiamo ricordare che questo è un piccolo processo, senza gruppo di controllo. Siamo ancora lontani da una soluzione clinicamente disponibile. “

Dr. Martha Haahr

I ricercatori sono ora in procinto di avviare uno studio di fase II per studiare ulteriormente la sicurezza e l’efficacia della terapia con cellule staminali per ED.

Scopri come mangiare più frutti potrebbe aiutare a ridurre il rischio di ED.

Like this post? Please share to your friends: