Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Disordine di conversione: cosa devi sapere

Il disturbo di conversione è quando una persona sperimenta sintomi fisici temporanei, come la cecità o la paralisi, che non hanno una causa fisica.

Mentre la causa esatta del disturbo di conversione è sconosciuta, i ricercatori ritengono che ciò si verifichi in risposta a situazioni stressanti o traumi.

In questo articolo, scopri i sintomi e il trattamento più comuni e anche quando vedere un medico.

Cos’è il disturbo della conversione?

Donna dopo incidente d'auto che ha disturbi di conversione

Si pensa che il disturbo della conversione sia una risposta fisica a un trauma mentale, fisico o psicologico. A volte viene definito disturbo neurologico funzionale.

I sintomi includono tremori, paralisi o visione doppia. Un esempio si sente incontrollabile traballante dopo un evento traumatico, come assistere a un incidente automobilistico, anche se non c’è alcuna ragione fisica per scuotere.

I trigger sono in genere:

  • eventi stressanti
  • trauma emotivo o fisico
  • cambiamenti nella funzione cerebrale a livello strutturale, cellulare o metabolico

Il disordine di conversione può anche verificarsi quando non c’è un innesco chiaro.

La causa esatta, tuttavia, varia da persona a persona. Mentre i ricercatori hanno ipotizzato che la causa sia correlata a eventi stressanti, la precisa ragione medica è ancora sconosciuta.

Sintomi

Alcuni dei sintomi del disturbo di conversione includono in genere:

  • debolezza
  • paralisi delle braccia o delle gambe
  • perdita di equilibrio
  • convulsioni, a volte con coscienza limitata
  • episodi di mancanza di responsabilità
  • difficoltà a deglutire
  • una sensazione di un nodo in gola
  • scosse e tremori
  • difficoltà a camminare
  • biascicamento o perdita della capacità di parlare
  • difficoltà di udito o perdita dell’udito
  • visione doppia, visione offuscata o episodi di cecità
  • intorpidimento o perdita della sensazione tattile

I sintomi del disturbo di conversione variano tra gli individui e il tipo di disturbo nevralgico che una persona ha.

I sintomi possono essere lievi o gravi, possono fermarsi e iniziare o essere continui e di solito influiscono sulla capacità del corpo di funzionare correttamente.

Diagnosi

Paziente con una scansione TC per disturbo di conversione

Un medico diagnosticherà il disturbo di conversione utilizzando i criteri definiti dal più recente (). Questi criteri includono:

  • perdita di controllo del movimento o sintomi sensoriali
  • sintomi che si verificano dopo un evento traumatico o stressante
  • sintomi che non sembrano avere una causa medica o fisica di base
  • sintomi che interrompono le attività quotidiane di una persona

Un medico può anche suggerire altri test per escludere altre condizioni mediche. Questi test includono:

  • scansioni di tomografia computerizzata (CT)
  • Raggi X
  • elettroencefalogramma (EEG), che registra l’attività cerebrale e può aiutare a escludere cause neurologiche di convulsioni
  • test della pressione arteriosa e dei riflessi

Una volta diagnosticata, c’è una varietà di modi per trattare il disturbo di conversione.

Trattamento

Chiunque abbia sintomi di disturbo della conversione deve rivolgersi immediatamente al medico, poiché i sintomi possono essere causati da una condizione medica di base.

La prima linea di trattamento è cercare di identificare la causa sottostante. Una volta che una persona sa qual è la causa, può lavorare su meccanismi di coping e altre soluzioni per alleviare lo stress e il trauma emotivo il più possibile. Allevare i trigger dovrebbe, a sua volta, ridurre i sintomi fisici.

I trattamenti suggeriti per il disturbo di conversione possono includere:

  • trattare qualsiasi condizione di salute mentale sottostante, come la depressione
  • terapia cognitivo comportamentale (CBT)
  • psicoterapia
  • tecniche di rilassamento, come la meditazione o lo yoga
  • Fisioterapia
  • mantenere un lavoro sano e l’equilibrio della vita
  • cercare ulteriore supporto da parte di amici, famiglia e comunità

complicazioni

I sintomi del disturbo di conversione possono essere molto dolorosi e possono avere un impatto enorme sul benessere di una persona. I sintomi possono proibire loro di svolgere attività quotidiane.

Alcuni sintomi, come convulsioni o paralisi temporanea, possono aumentare il rischio di invalidità permanente di una persona.

Una persona può avere problemi sul lavoro e nelle relazioni e può sentire di avere una qualità di vita ridotta. Pertanto, è fondamentale cercare una diagnosi e un trattamento il più rapidamente possibile.

prospettiva

I sintomi del disturbo di conversione di solito si risolvono con il trattamento e il tempo. Ritardare la diagnosi e il trattamento potrebbe portare a sintomi più persistenti e ulteriori complicazioni.

Con il trattamento, è possibile ridurre e gestire i sintomi del disturbo di conversione.

Like this post? Please share to your friends: