Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Disturbo affettivo stagionale: perché le donne con gli occhi marroni sono a rischio

Due nuovi studi suggeriscono che il sesso e il colore degli occhi influenzano il rischio di sviluppare disordini affettivi stagionali. I ricercatori hanno anche fornito alcune interessanti spiegazioni sul perché questo potrebbe essere il caso.

occhio marrone

Il disturbo affettivo stagionale (SAD), una condizione psichiatrica, è spesso caratterizzato da sentimenti di disperazione e tristezza acuta che si verificano durante i mesi autunnali e invernali.

Si stima che una forma di depressione colpisca il 5% della popolazione degli Stati Uniti. E di questi, le donne sono considerate a rischio più elevato.

Infatti, 4 persone su 5 che vivono con la condizione sono pensate per essere donne.

In precedenza, i ricercatori hanno scoperto che la forte prevalenza di SAD tra le donne è indipendente dai fattori sociali o di stile di vita, suggerendo che forse ci sono differenze biologiche specifiche del sesso che spiegano la predisposizione.

Ricerche recenti confermano che le donne sono più inclini alla condizione, ma aggiunge un elemento interessante al mix: il colore degli occhi.

Inoltre, i due nuovi studi forniscono interessanti nuove spiegazioni sul perché il sesso e il colore degli occhi possono influenzare il rischio di SAD.

I risultati del team sono stati presentati alla conferenza annuale della British Psychological Society a Nottingham, nel Regno Unito, da Lance Workman, che è professore presso l’Università del Galles del Sud, anche nel Regno Unito.

Perché “gli occhi azzurri tengono lontano il blues”

Il primo studio presentato dal Prof. Workman – intitolato appropriatamente “Gli occhi blu mantengono il blues: la relazione tra SAD, emozioni lateralizzate e colore degli occhi” – ha intervistato 175 studenti dell’Università del Galles del Sud e la Girne American University nel Nord Cipro.

I risultati dei questionari hanno rivelato che i partecipanti con gli occhi marroni avevano significativamente più probabilità di sperimentare cambiamenti di umore rispetto ai partecipanti con gli occhi blu.

Il Prof. Workman ha una spiegazione interessante per questo. Dice: “Sappiamo che la luce che entra nel cervello provoca una diminuzione dei livelli di melatonina”.

“Poiché gli occhi blu permettono più luce nel cervello, può darsi che questo porti ad una maggiore riduzione della melatonina durante il giorno e questo è il motivo per cui le persone con gli occhi più chiari sono meno inclini al SAD.”

Prof. Lance Workman

“Gli individui con gli occhi azzurri sembrano avere un grado di resilienza al SAD”, spiegano gli autori.

“Questo”, aggiungono, “può essere preso come suggestivo che la mutazione dell’occhio azzurro sia stata scelta come fattore protettivo dal SAD come sottopopolazioni di esseri umani migrati verso le latitudini settentrionali.”

Le persone con SAD usano il loro cervello destro

Il team ha anche chiesto ai partecipanti con SAD di prendere parte a un test aggiuntivo che ha esaminato il modo in cui i loro due emisferi cerebrali hanno risposto quando stavano cercando di riconoscere le diverse espressioni emotive sui volti di altre persone.

Questo test ha rivelato che le persone con SAD tendevano a usare il loro campo visivo sinistro quando riconoscevano le espressioni facciali e usano il loro emisfero cerebrale per “decodificare” queste espressioni.

Come spiega il Prof. Workman, “Questa tendenza ad usare il campo visivo sinistro e il lato destro del cervello per identificare le espressioni facciali è presente nella popolazione generale, sia che essi [vivano con] SAD o meno.

“Ma”, continua, “le persone che hanno più forme convenzionali di depressione generalmente perdono questo vantaggio dell’emisfero destro”.

“Nel caso del SAD, abbiamo scoperto che questo vantaggio visivo sul campo visivo era in realtà aumentato, il che suggerisce che il SAD ha cause diverse rispetto, ad esempio, alla depressione bipolare”, aggiunge il Prof. Workman.

Perché le donne potrebbero essere a più alto rischio

Il secondo studio presentato alla conferenza ha esaminato un campione molto più ampio di 2.031 persone. Di questi, l’8% aveva una forma cronica di SAD, mentre il 21% presentava una forma più lieve della malattia.

Le donne erano ad un rischio particolarmente elevato – in effetti, avevano il 40% in più di probabilità di sviluppare la condizione rispetto agli uomini. Lo studio sottolinea anche che il SAD è più grave quando le donne sono in età riproduttiva.

Ciò ha reso il Prof. Workman avventurarsi in un’altra possibile spiegazione evolutiva per i risultati. Egli ipotizza che il disturbo non sia altro che un meccanismo di conservazione dell’energia andato in tilt.

Durante gli anni riproduttivi di una donna, dice, la madre dovrebbe risparmiare energia per garantire la sopravvivenza sia di lei che della sua prole, in particolare durante i mesi invernali.

Questo sembra essere supportato dal fatto che i sintomi di SAD includono anche un desiderio di carboidrati, e il fatto di ingrassare durante i mesi invernali potrebbe aver anche aiutato i nostri antenati a far fronte al freddo, dice il ricercatore.

Like this post? Please share to your friends: