Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Disturbo affettivo stagionale: potresti individuare i segni?

L’inverno sta bene e veramente su di noi. Per molte regioni, questo significa tempo miserabile, meno luce solare e giorni più bui. Anche se preferiremmo molto che i nostri giorni fossero pieni di calore e sole, molti di noi si adattano ai cambiamenti stagionali. Ma per gli altri, il cambiamento delle stagioni può innescare una forma di depressione.

[Una donna triste che guarda fuori da una finestra]

Descritto per la prima volta nel 1984 dal Dr. Norman Rosenthal degli Stati Uniti, il disturbo affettivo stagionale (SAD), noto anche come disturbo dell’adattamento stagionale, è una forma di depressione che può verificarsi in determinati periodi dell’anno.

Mind, un’organizzazione britannica che fornisce consulenza e sostegno a persone con problemi di salute mentale, nota che la maggior parte delle persone con SAD sperimenta la condizione durante i mesi invernali. Alcune persone possono essere colpite al contrario e sperimentare la depressione durante i mesi estivi, ma questo è molto raro.

Secondo Beth Murphy, responsabile dell’informazione alla Mente, la condizione è spesso non diagnosticata, rendendo difficile sapere quante persone soffrono del disturbo. Le persone con sintomi di SAD spesso subiscono 2 o 3 anni di malattia prima di essere diagnosticate.

Tuttavia, secondo Murphy, le stime mostrano che circa il 10% della popolazione nel Nord Europa soffre di sintomi più lievi della condizione, mentre il 2% soffre di sintomi più gravi.

Secondo la Cleveland Clinic, circa 500.000 persone negli Stati Uniti soffrono di SAD e circa il 10-20% della popolazione statunitense soffre di forme più lievi dei disturbi.

Ma indipendentemente dal numero di persone in tutto il mondo che soffrono di SAD, gli esperti dicono che i medici sembrano avere la mancanza di consapevolezza della condizione.

Helen Hanson, presidente della Seasonal Affective Disorder Association (SADA) nel Regno Unito e sofferente di SAD, ha detto:

“Direi che stiamo ancora scoprendo che la professione medica non sembra avere sufficiente consapevolezza della malattia e, in particolare, della sua complessità. Un modello di presentazione con la depressione deve essere notato prima che una diagnosi possa essere fatta e i medici generici che non avere SAD nella loro agenda può ancora mancare completamente.

Quindi quali sono i segni di SAD a cui prestare attenzione?

Sintomi di SAD

Secondo Murphy, il SAD può iniziare a qualsiasi età. Tuttavia, è più probabile che si sviluppi prima dei 21 anni e il doppio delle probabilità di sviluppare nelle donne rispetto agli uomini.

Molti sintomi del SAD sono simili a quelli associati alla depressione “ordinaria”, come l’ansia, i cambiamenti di umore e gli attacchi di panico.

Altri sintomi includono:

Immagine scura della ragazza affetta da disturbo affettivo stagionale

  • Mancanza di energia per le attività quotidiane
  • Sistema immunitario indebolito
  • Irritabilità
  • Mancanza di concentrazione
  • Eccesso di cibo e aumento di peso
  • Abuso di alcol o droghe
  • Sentimenti di colpa e preoccupazione
  • Problemi di sonno
  • Libido ridotto
  • Problemi sociali e di relazione.

Possibili cause del SAD

Non si sa quali siano le cause esatte del SAD, ma la ricerca precedente ha suggerito che, poiché la condizione si verifica durante il cambiamento delle stagioni, i cambiamenti di luce possono scatenare il disturbo.

Murphy spiega che quando la luce colpisce la retina nella parte posteriore dell’occhio, i messaggi vengono inviati all’ipotalamo – la parte del cervello responsabile di sonno, appetito, desiderio sessuale, temperatura, umore e attività.

“Se non c’è abbastanza luce, è probabile che queste funzioni rallentino e si fermino gradualmente”, afferma Murphy, aggiungendo:

“Alcune persone sembrano aver bisogno di molta più luce di altre per il loro normale funzionamento del corpo, e sono quindi più propensi a sviluppare sintomi SAD quando ci sono bassi livelli di luce.”

Si pensa che i livelli di serotonina – un neurotrasmettitore nel cervello – possano anche avere un ruolo nella causa del SAD.

Bassi livelli di serotonina sono stati trovati nelle persone che soffrono di depressione, in particolare durante i mesi invernali. Questo suggerisce che le persone affette da SAD possono avere una compromissione nel sistema cerebrale che rilascia e assorbe la serotonina.

La ricerca ha anche scoperto che le persone affette da SAD producono livelli più elevati di melatonina nell’ormone in inverno, rispetto alle persone che non ne hanno la condizione.

La ghiandola pineale nel cervello produce melatonina quando siamo esposti all’oscurità, che ci fa dormire. Quando è leggero, la produzione di melatonina si ferma, facendoci svegliare.

Ma Murphy afferma che la ricerca ha dimostrato che è improbabile che la melatonina sia l’unica causa del SAD.

“Sappiamo che se qualcuno con livelli elevati di melatonina è esposto a luce intensa, i suoi livelli di melatonina scendono a livelli normali”, dice. “Tuttavia, le prove hanno dimostrato che anche dopo che i loro livelli di melatonina sono tornati alla normalità, la maggior parte delle persone continua a sperimentare i sintomi depressivi del SAD.”

Precedenti studi hanno anche dimostrato che il SAD potrebbe essere causato da un’interruzione dell’orologio biologico. È stato suggerito che quelli con SAD potrebbero avere un orologio biologico difettoso che non è in grado di regolare il ritmo circadiano del corpo alle ore diurne, causando stanchezza e sintomi depressivi.

Inoltre, Murphy afferma che i rapporti hanno suggerito che, come altre forme di depressione, il SAD potrebbe essere scatenato da eventi traumatici della vita, malattie fisiche, un cambiamento di dieta o di farmaci o l’uso / il ritiro da droghe o alcol.

‘Non riuscivo a stabilire un legame con l’oscurità e il tempo noioso’

Helen Hanson della SADA ha manifestato per la prima volta i sintomi del SAD all’età di 13 anni. Ha avuto l’influenza dell’inverno e si sentiva depressa e ansiosa per molti mesi.

Il suo medico le ha prescritto antidepressivi e ha scoperto che si sentiva meglio con l’avvicinarsi dei mesi estivi.

“Probabilmente avevo SAD sub-sindromica, come mia madre, per gran parte della mia vita adulta, ma si presentava come un’incapacità di alzarsi la mattina d’inverno, una profonda avversione di novembre e dicembre e sentimenti di disperazione generale che facevo non riconosciuto come stagionale “, spiega Hanson.

Spiega che non ci sono stati sintomi ricorrenti fino a quando non ha raggiunto la sua età di 30 anni, quando si è trasferita da un appartamento moderno leggero a una casa a schiera edoardiana oscura.

Hanson ha sviluppato l’influenza invernale, seguita da labirintite, un’infezione dell’orecchio interno. Queste condizioni l’hanno tenuta a casa per settimane, durante le quali ha sperimentato nausea e vertigini.

“Ho sviluppato una depressione post-virale, che gradualmente è migliorata, ma i suoi sintomi sono tornati improvvisamente e inaspettatamente nel settembre successivo senza alcuna malattia di accompagnamento, mi sono più o meno fermato”, dice.

Per i successivi 3 anni, Hanson ha tentato una serie di rimedi di auto-aiuto per cercare di battere la sua depressione, ma questi non hanno aiutato. Lei dice:

“Sapevo che odiavo l’oscurità e il tempo noioso, ma non ho fatto il collegamento perché non sapevo che ce ne fosse uno.

Alla fine, ho visto un nuovo dottore e lei ha individuato un modello. Mi ha indicato verso SADA. Sono andato alla loro assemblea generale annuale e mi sono reso conto con enorme sollievo che ero tra altri sofferenti e che tutti avevamo qualcosa con un nome. Non ero arrabbiato, dopotutto. “

Trattamento per SAD

Hanson è ora in grado di gestire il suo SAD con una combinazione di antidepressivi e terapia con luce brillante (fototerapia).

Signora seduta davanti a una scatola luminosa

Secondo SADA, la terapia con luce intensa ha dimostrato di essere efficace fino all’85% dei casi diagnosticati con SAD.

Il trattamento prevede l’esposizione alla luce artificiale da una scatola di terapia della luce per una media di 2 ore al giorno. La luce emessa dalla scatola riproduce la luce naturale esterna ed è almeno 10 volte più intensa dell’illuminazione domestica standard.

Gli esperti ritengono che la terapia della luce funzioni regolando le sostanze chimiche del cervello legate all’umore, quindi allentando i sintomi del SAD.

Le lightbox possono essere acquistate per l’uso a casa, ma Mind afferma che in alcuni casi, corsi più strutturati di terapia della luce che sono supervisionati da un medico possono essere più vantaggiosi.

Tuttavia, Murphy ha detto che la terapia della luce non è l’unico trattamento per SAD:

“I trattamenti di conversazione, come la consulenza, la psicoterapia o la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) possono essere estremamente utili nell’aiutare le persone a fronteggiare i sintomi.Gli antidepressivi possono essere prescritti a persone con SAD grave e possono essere combinati con la terapia della luce per ottenere il massimo effetto.”

Il trattamento non deve necessariamente coinvolgere interventi esterni. La mente afferma che molti malati SAD hanno trovato utili le opzioni di auto-trattamento.

L’organizzazione raccomanda di evitare situazioni stressanti, adottare un’alimentazione sana e fare esercizio fisico e cercare di ottenere la massima esposizione possibile alla luce naturale durante le ore diurne.

Ma Murphy dice che è importante che le persone che non sono in grado di gestire i sintomi del SAD o che scoprono che i sintomi hanno un impatto sulla loro vita quotidiana parlano con il loro medico della condizione.

“Tuttavia, è spesso difficile per le persone che fanno esperienza di SAD di aprirsi ai professionisti della salute, quindi è fondamentale che i medici di base siano educati ai primi segnali di allarme per cercare il modo giusto di affrontare l’argomento”, ha detto.

I medici hanno bisogno di una migliore consapevolezza del SAD

Gli esperti ritengono che non vi sia abbastanza consapevolezza riguardo al SAD, il che significa che molte persone potrebbero non sapere come individuare i sintomi, e molti medici potrebbero non sapere come comportarsi con un paziente che sta vivendo sintomi.

“SAD appare sempre come una nota in calce nelle informazioni sulla depressione, e siamo preoccupati che le complessità della malattia non vengano esplorate”, ha detto Hanson.

La mente ora chiede ai medici di ricevere più formazione in tutti i tipi di problemi di salute mentale.

Lei disse:

“I medici generici dovrebbero essere in grado di fornire ai pazienti ulteriori informazioni e discutere le opzioni di trattamento: i trattamenti importanti sono discussi regolarmente, in particolare se i sintomi peggiorano o non migliorano.

I medici di base dovrebbero anche assicurarsi che il paziente si senta incluso e ascoltato. Se un medico ritiene che questo sia al di fuori della loro area di competenza, potrebbe valere la pena di rivolgersi a uno psichiatra “.

Hanson ha detto che SADA crede che ora ci siano più malati di SAD di quanto pensassero inizialmente, ma i maschi tendono ad essere più riluttanti a parlare con i loro medici.

“Si auto-meditano con l’alcol o sprofondano in una depressione più profonda, con tutto ciò che segue in termini di costi per il servizio sanitario, i medici generici dovrebbero guardarli in particolare”, ha aggiunto.

“Connessioni perse con stagionalità”

Molti malati di SAD, come Hanson, hanno imparato ad affrontare la condizione. Ma è chiaro che affrontare i sintomi del SAD e iniziare il trattamento per la condizione inizia con una visita dal medico.

“Molte persone parlano del” blues invernale “e molti di noi trovano difficile l’oscurità e il freddo di dicembre a febbraio, ma se scopri di avere molti sintomi, durano più di 2 settimane e ti fermano dal vivere la tua vita normale, è probabile che tu possa beneficiare del trattamento per il SAD “, afferma Murphy.

Hanson nota che la sua esperienza le ha insegnato che il mondo dell’illuminazione artificiale in cui viviamo oggi è un ambiente che alcuni non sono in grado di adattarsi a:

“Ci aspettiamo di vivere allo stesso modo tutto l’anno sotto la stessa illuminazione elettrica.Il mondo è ora sveglio e illuminato artificialmente 24 ore su 24, e abbiamo perso i nostri legami con la stagionalità e il ritmo reale dei giorni. questa è una brutta notizia. “

L’articolo del nostro Knowledge Center “Disturbo affettivo stagionale: cause, sintomi e trattamento” fornisce ulteriori informazioni sulla condizione.

Like this post? Please share to your friends: