Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Disturbo bipolare: gli psichiatri stanno adottando un nuovo approccio che mira a trattare non solo i sintomi, ma l’intera persona

Il disturbo bipolare è il nome ora usato per descrivere la depressione maniacale – la condizione in cui l’umore oscilla tra due poli o estremi – uno di euforia (mania) e l’altro di disperazione (depressione). La maggior parte di noi lo sa – se non altro per famosi malati come Vincent van Gogh – ma anche se il disturbo bipolare è comune come il diabete, gran parte di essa non viene riconosciuta e trattata in modo inadeguato. Questo è un peccato perché ora ci sono buoni trattamenti disponibili che possono aiutare a mantenere la condizione sotto controllo e, in larga misura, consentire alle persone di continuare normalmente.

Stime ufficiali dicono che la malattia bipolare colpisce dall’1 al 4% della popolazione, ma alcuni ricercatori ritengono che la cifra reale sia vicina al 10% (1). L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che è già la sesta causa principale di disabilità (2).

Ci sono due tipi principali di disturbo bipolare. Le persone che hanno bipolare avrò sperimentato almeno un episodio grave di umore acuto o mania della durata di una settimana, o un mix di sintomi maniacali e depressi. Le persone con Bipolar II avranno sperimentato almeno una depressione maggiore e un certo grado di mania sebbene questo possa essere molto meno grave che in I bipolare ed è descritto come ipomania (3).

Nei casi gravi di I mania bipolare, i sintomi possono assumere la forma di delusioni e allucinazioni, quindi devono essere trattati prontamente, di solito in ospedale. Più comunemente, i sintomi di mania e ipomania sono meno evidenti; sentimenti di euforia, grandiosità, impulsività, incoscienza e un diminuito bisogno di sonno possono essere attribuiti alla esuberanza giovanile. Alla fine depressiva dello spettro, i sentimenti di ansia, irritabilità, ostilità e depressione possono portare a comportamenti violenti o suicidi. Circa un terzo dei malati bipolari incontrollati tentano attualmente il suicidio e circa la metà di questi riesce (4, 5).

Il disturbo bipolare si manifesta in genere nella tarda adolescenza di una persona o nei primi venti anni. Gli uomini hanno le stesse probabilità di essere colpiti come donne. In nove casi su dieci ricorre periodicamente per tutta la vita con una media di nove episodi gravi nel corso di circa 20 anni (6, 7). Il rapporto tra episodi depressivi e episodi maniacali è maggiore di due a uno nelle popolazioni occidentali. Rispetto alla mania, anche gli episodi di depressione durano molto più a lungo e comportano un maggiore rischio di suicidio. Tra un episodio e l’altro, i malati possono sperimentare periodi di relativa calma e stabilità, con variazioni normali dell’umore o sintomi minori. I trattamenti di oggi sono orientati a mantenere quello stato e, se o quando i sintomi scoppiano, a fermare quel processo.

La diagnosi è difficile

La malattia è complessa e variabile, rendendo difficile la diagnosi da parte dei medici. Troppo spesso i comportamenti sono segnati da una personalità stravagante o da un’adolescenza turbata. Ma il disturbo bipolare non ha nulla a che fare con la personalità, sottolinea il professor Allan Young, un importante ricercatore nel campo dell’Università della British Columbia, Vancouver, Canada. “La diagnosi precoce e il trattamento sono importanti perché la condizione influisce su tanti aspetti della vita di una persona”, sottolinea.

“Sfortunatamente, chi soffre di disturbo bipolare è più suscettibile all’ansia che può avere un impatto negativo sulla salute fisica e sul benessere”, aggiunge il professor Young. “C’è anche il forte rischio che abusino di alcol o di altre sostanze”.

La diagnosi errata può essere un problema così come nessuna diagnosi. “Se i malati bipolari vengono diagnosticati erroneamente come se avessero solo depressione o ansia e sono trattati con farmaci antidepressivi da soli, c’è un alto rischio di deterioramento”, spiega il professor Young. Allo stesso modo, il trattamento diretto principalmente a controllare e prevenire la mania, o gli sforzi mirati a fermare l’abuso di sostanze, può non riuscire ad affrontare i sintomi depressivi.

I malati di disturbo bipolare sono spesso individui molto intelligenti e creativi. La storia rivela diversi, come Charles Dickens e Beethoven, che hanno usato le loro raffiche di energia maniacale per realizzare grandi risultati. Ma l’incapacità di tenere sotto controllo il disturbo può rendere difficile per i mortali minori mantenere i posti di lavoro e comportarsi costantemente bene al lavoro (8). Recenti ricerche statunitensi stimano che il disturbo bipolare costa al paese oltre $ 14 miliardi di dollari all’anno in perdita di produttività (9).

Il disturbo bipolare ha un forte impatto sulla capacità della mente di pensare, ricordare e ragionare normalmente, sottolinea il professor Young (10). Non solo attraverso pensieri di corsa, mancanza di sonno, disattenzione e concentrazione compromessa, ma anche in modi più sottili, descritti collettivamente come perdita del “funzionamento esecutivo”. “Ciò include la capacità di pianificare, gestire le emozioni, organizzare, focalizzare l’attenzione laddove necessario, elaborare le informazioni e accedere alla memoria di lavoro”, ha spiegato. “È il tipo di cosa che tutti diamo per scontato, ma perderla può essere terribilmente disabilitante per un paziente bipolare”.

Può anche portare alla rottura delle relazioni. I pazienti bipolari hanno il doppio delle probabilità di divorziare rispetto alla popolazione generale (114). Anche gli sbalzi d’umore bipolari hanno ripercussioni sulla vita sociale se i comportamenti che ne risultano disturbano colleghi e amici e partner. Persino i parenti stretti possono a volte trovare comportamenti bipolari impossibili da tollerare. Questa è probabilmente la ragione più convincente per tenere sotto controllo il disturbo bipolare. I tassi di morbilità e mortalità sono più alti nei pazienti con disturbo bipolare rispetto a quelli che soffrono di cancro o malattie cardiovascolari.

Il trattamento è avanzato

Quando i malati vengono diagnosticati e trattati – un processo che può richiedere fino a 10 anni – il tipo di trattamento prescritto può variare e alcuni possono causare fastidiosi effetti collaterali.

Alcuni trattamenti più vecchi causano così tanti problemi che i pazienti interrompono l’assunzione del farmaco del tutto, afferma lo psichiatra Dr Heinz Grunze dell’Università Ludwig-Maximilians di Monaco, in Germania. Ci si aspetta che molti pazienti assumano quotidianamente fino a quattro tipi di farmaci, compresi molti con effetti collaterali spiacevoli (12, 13).

Il primo pilastro del trattamento bipolare era il litio della terapia stabilizzante dell’umore. Questo è molto efficace nel controllare la mania ed è usato come terapia di mantenimento tra gli episodi, come è il valproato anticonvulsivante, ma questi farmaci sono ora considerati molto meno efficaci nella prevenzione e nel controllo dei sintomi depressivi e sono meno usati (14). I pazienti che ricevono il litio hanno bisogno del loro monitoraggio del sangue e possono sperimentare effetti collaterali come problemi di pensiero e memoria, aumento di peso e tremore che portano molti ad abbandonare il trattamento.

Gli psichiatri ritengono che le cure siano progredite notevolmente negli ultimi dieci anni. Sono ora disponibili diversi nuovi farmaci efficaci per il controllo rapido della mania che possono essere utilizzati al posto di, o per consentire una riduzione del litio, spiega il professor Young: “I nuovi farmaci antipsicotici possono controllare rapidamente la mania senza così tanti degli indesiderati effetti collaterali associati droghe più vecchie (15), in particolare sono i movimenti incontrollati di spasmi o contrazioni che i farmaci più vecchi possono causare che sono così angoscianti e stigmatizzanti “.

Necessità di un trattamento per “tutta la persona”

“I medici ora stanno capendo che dobbiamo guardare i pazienti in un senso più ampio di prima”, suggerisce il professor Young. Tradizionalmente, i medici si concentravano sulla mania e la depressione e giudicavano solo le droghe sul modo in cui riducevano questi sintomi. Ora stanno realizzando quanto gravemente la malattia bipolare influisce su molti aspetti della vita e riconosce la necessità di valutare la droga anche da altre prospettive (16). Gli effetti collaterali, compresi gli effetti sul peso e sulla funzione intellettuale, la qualità della vita, la capacità di mescolarsi bene con altre persone e se un farmaco produce o meno sintomi preoccupanti di lieve entità sono anche importanti. “È questo tipo di valutazioni che possono meglio evidenziare quando il trattamento non riesce a fornire un rimedio per il paziente nel suo insieme”, commenta. Solo quando tutti i domini della malattia bipolare vengono affrontati e i dottori ottengono il trattamento giusto, i pazienti avranno le migliori possibilità di recuperare pienamente la loro capacità di partecipare alla vita normale.

“Cosa ti fa stare bene, ti tiene bene”

In passato, il trattamento di episodi acuti di mania o depressione sono stati seguiti da una diversa terapia stabilizzatrice dell’umore, osserva il dott. Grunze. Il punto di vista ora è che il trattamento che ti fa superare i peggiori sintomi li preverrà anche ricorrendo. “Cosa ti fa stare bene, ti tiene bene.”

Il minor numero di farmaci che un paziente deve assumere, maggiore è la probabilità che si attacchi al trattamento e assumere farmaci come indicato. Se un medicinale non è sufficiente, potrebbero esserci alternative all’aggiunta di più farmaci per il trattamento, sostengono gruppi di pazienti. Le terapie parlanti sono anche le chiavi, credono, così come lo è la “psico-educazione” (17, 18, 19). Questo è il processo per imparare a capire la natura del disturbo bipolare e l’importanza di cercare aiuto in anticipo quando i sintomi insorgono o peggiorano. Spiega quando e perché le medicine devono essere assunte regolarmente e insegna metodi per far fronte. Evitando i fattori scatenanti destabilizzanti come stress, superlavoro e troppo poco sonno, i pazienti possono aiutare a prevenire episodi acuti di mania e depressione.

Il nuovo approccio consiste nel gestire la malattia bipolare attraverso tutte e quattro le dimensioni – il suo impatto sul corpo, la mente, le emozioni e la vita sociale. Ciò significa utilizzare sia i farmaci efficaci che gli interventi non farmacologici sopra descritti. Se adottato dalla maggioranza degli psichiatri, c’è motivo di ottimismo. Nuove ricerche, nuovi pensieri e nuove medicine dovrebbero aiutare a rivoluzionare le prospettive per i pazienti bipolari che ripristinano le loro possibilità di vita.

Segni di mania

– irritabilità
– dormire di meno senza stancarsi
– sperimentare un flusso di energia
– spesa incontrollata
– sentirsi più sicuri del solito
– socializzare / festeggiare fuori dal personaggio
– parla veloce e più del solito
– pensieri e idee di corsa disgiunti
– difficoltà di concentrazione
– aumento del desiderio di sesso
– comportamento imprudente e spericolato

Sintomi di depressione

– tristezza prolungata / pianto
– Cambiamento dell’appetito: mangiare più o meno
– dormire più del solito
– perdita di piacere negli interessi abituali
– ritiro sociale
– sentimenti di inutilità
— pensieri suicidi
– irritabilità, rabbia, ansia
– negatività e indifferenza
– perdita di energia / stanchezza

Riferimenti

1. Hirschfeld RM, Calabrese JR, Weissman MM et al. Screening per disturbo bipolare nella comunità. J Clin Psychiatry 2003; 64: 53-59

2. Organizzazione mondiale della sanità. Il sommario di Global Burden of Disease. Harvard University Press. Cambridge. Mass 1996.

3. American Psychiatric Association. Manuale di diagnostica e statistica dei disturbi mentali (DSM-IV-TR) 4a ed. 3 ° giro Washington DC. American Psychiat. Assoc 2000.

4. Angst F, Stassen HH, Clayton PJ et al. Mortalità dei pazienti con disturbi dell’umore: follow-up oltre 34-38 anni. J. Affective Disorders 2002; 68: 167-181.

5. Valtonen H et al. Ideazione suicidaria e tentativi nei disordini bipolari 1 e II. J Clin Psychiatry 2005; 66: 1456-1462.

6. Supporta T, Leverich GS, Keck PE, et al. The Stanley Foundation Bipolar Treatment Outcome Network II. Caratteristiche demografiche e di malattia dei primi 261 pazienti.J Affect Disord. 2001; 67: 45-59. perché è blu?

7. Judd LL, Akiskal HS, Schettler PJ et al. La storia naturale a lungo termine dello stato sintomatico settimanale del disturbo bipolare 1. Arch Gen Psychiatry 2002; 59: 530-7.

8. Michalak EE et al. L’impatto del disturbo bipolare sul funzionamento del lavoro: un’analisi qualitativa. Disturbo bipolare 2007; 9: 126-143.

9. Kessler RC. Prevalenza ed effetti dei disturbi dell’umore sulle prestazioni lavorative in un campione rappresentativo a livello nazionale di lavoratori statunitensi. Am J Psychiat 2006; 163: 1561-82006

10. Martinez-Aran A et al. Funzione cognitiva attraverso stati maniacali o ipomaniacali, depressi ed eutimici nel disturbo bipolare. Am J Psychiat 2004; 161: 262-270.

11. Kupfer DJ, Frank E, Grochocinski VJ, Cluss PA, Houck PR, Stapf DA. Caratteristiche demografiche e cliniche degli individui in un registro dei casi di disturbo bipolare. J Clin Psychiatry. 2002; 63: 120-125. perché è blu?

12. Goodwin, G.M, Vieta, E. Un efficace trattamento di mantenimento – rompendo il ciclo del disturbo bipolare. European Psychiatry 2005; 20, 365-371.

13. Zarate CA. Problemi di effetti collaterali dei farmaci antipsicotici nei pazienti maniacali bipolari. J Clin Psychiatry 2000; 61 (Suppl 8): 52-61.

14. Young A, Newham JI. Litio in terapia di mantenimento per disturbo bipolare. J Psychopharmacol 2006; 20 (suppl 2): ​​17-22.

15. Tohen M, Jacobs TG, Grundy SC et al. Efficacia di olanzepina nella mania bipolare acuta: uno studio controllato verso placebo in doppio cieco. Arch Gen Psychiatry 2000; 57: 841-9.

16. Giovane A. disturbo bipolare: le quattro dimensioni della cura. 7a Rassegna internazionale dei disturbi bipolari. Libro astratto p.23

17. Clarkin JF, Carpenter D, Hull J et al. Effetti del trattamento e interventi psico-educativi per pazienti sposati con disturbo bipolare e loro coniugi. Psychiatry Research 1998; 49: 531-33.

18. Colom F, Vieta E, Martinez-Aran A. Uno studio randomizzato sull’efficacia della psicoeducazione di gruppo nella profilassi delle recidive in pazienti bipolari la cui malattia è in remissione. Arch Gen Psychiatry 2003; 60: 402-7.

19. Perry A, Tarrier N, Morriss T et al. Studio randomizzato controllato dell’efficacia dell’insegnamento ai pazienti con disturbo bipolare per identificare i primi sintomi di recidiva e ottenere un trattamento. BMJ 1999; 318: 149-153.

Scritto da:
Di Olwen Glynn Owen
Olwen su macline.co.uk

Like this post? Please share to your friends: