Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Disturbo bipolare: le scansioni cerebrali mostrano una risposta di piacere eccitabile

In un esperimento in cui persone con disturbo bipolare giocavano alla roulette, le scansioni cerebrali hanno rivelato che i “centri di ricompensa” del loro cervello erano attivati ​​più di quelli di persone senza il disturbo psichiatrico precedentemente noto come depressione maniacale.

La ricerca, pubblicata sulla rivista, ha utilizzato le scansioni MRI funzionali per monitorare la risposta di una parte del cervello nota per essere coinvolta nella ricompensa e nel piacere, il nucleo accumbens.

Questo centro ci spinge a prendere decisioni che portano risultati soddisfacenti a breve termine, ma si è dimostrato più attivo in risposta all’assunzione di rischi nelle persone con disturbo bipolare, riferiscono i neuroscienziati delle università britanniche di Manchester e Liverpool.

Il prof. Wael El-Deredy, un neuroscienziato cognitivo dell’Università di Manchester, dice che ci sono dei lati positivi e negativi per questa risposta per le persone che vivono con bipolare. Lui dice:

“Il brusio maggiore che le persone con disturbo bipolare ottengono dalla ricompensa è un’arma a doppio taglio.

Da un lato, aiuta le persone a raggiungere i loro obiettivi e le loro ambizioni, che possono contribuire al successo di molte persone con questa diagnosi.

Tuttavia, ha un costo: queste stesse persone possono essere influenzate più dalle ricompense immediate quando prendono decisioni e meno dalle conseguenze a lungo termine di queste azioni “.

Il cervello con disturbo bipolare ha mostrato che anche un’altra area meno primitiva del cervello ha dato una risposta diversa. La corteccia prefrontale, molto sviluppato negli esseri umani e associati con la nostra capacità di dare pensiero cosciente, è stato più efficace a guidare gli impulsi dei partecipanti allo studio che non hanno avuto il disturbo bipolare, “nei confronti d’azzardo sicuro e lontano da quelle a rischio.”

Questa parte del cervello per i soggetti di controllo era più capace di temperare il desiderio di decisioni immediatamente gratificanti, in favore di massimizzare i risultati complessivi.

Il Prof. Richard Bentalla, esperto di psicologia all’Università di Liverpool, afferma: “Questo studio mostra come possiamo utilizzare i nuovi strumenti della neuroscienza per comprendere meglio i meccanismi psicologici che portano a un disturbo psichiatrico che, fino ad ora, è stato molto difficile da capire.”

La dottoressa Liam Mason, psicologa del team di Manchester che ora lavora presso l’Istituto di Psichiatria del King’s College di Londra, afferma che le rivelazioni della ricerca informeranno la ricerca scientifica dei trattamenti.

“Capire come funziona il cervello per regolare il perseguimento degli obiettivi ci aiuterà a progettare, valutare e monitorare terapie migliori per il disturbo bipolare”, dice.

Inseguimento rischioso degli obiettivi

Il disturbo bipolare provoca disturbi dell’umore e le persone con la diagnosi sperimentano episodi imprevedibili di depressione e mania. La mania produce periodi di intensa eccitazione e irritabilità, che spesso portano a comportamenti molto rischiosi.

Gli autori annotano:

“Il disturbo bipolare è caratterizzato da una marcata difficoltà nel regolare il perseguimento degli obiettivi, con l’insorgenza di episodi maniacali e depressivi legati al raggiungimento e al mancato raggiungimento degli obiettivi, rispettivamente.

Sebbene sia particolarmente elevato durante la mania, l’impulsività rappresenta una caratteristica caratteristica del disturbo e vi è evidenza di alterazione dell’elaborazione frontostriatale delle prospettive di ricompensa e dei risultati tra gli episodi di umore “.

I pazienti reclutati nello studio erano in una fase eutimica, né in un episodio di depressione o mania, e non stavano ricevendo antipsicotici, in modo che i farmaci non avrebbero influenzato i risultati.

Le 20 persone con disturbo bipolare in remissione sono state abbinate a 20 soggetti di controllo sani della stessa età, sesso e livello di istruzione.

Tutti i partecipanti avevano tra i 18 ei 45 anni e non avevano problemi di alcol o uso di sostanze recenti.

Pali alti e bassi

L’attività che viene eseguita mentre la risonanza magnetica funzionale è stata utilizzata per valutare l’attività cerebrale ha coinvolto tre fasi temporali per una scommessa della roulette:

paziente che entra in uno scanner mri

  • Selezione
  • Anticipazione
  • Risultato.

Questo processo decisionale e la conseguente anticipazione e ricevuta della ricompensa erano in risposta a due condizioni di probabilità e a due livelli di gioco:

  • Sicuro, alta probabilità di ricompensa (75%)
  • Rischio, bassa probabilità di ricompensa (25%)
  • Scarsa partecipazione di £ 3
  • Alta partecipazione di £ 9.

Le condizioni sicure o rischiose sono state presentate ai partecipanti all’inizio di ogni prova e l’entità della puntata è stata annunciata durante la fase di selezione. I partecipanti sapevano che sarebbero stati pagati le vincite effettive alla fine.

C’erano 8 corse al gioco della roulette, di circa 6 minuti ciascuna, per un totale di 272 prove per i partecipanti. Le probabilità e le puntate erano distribuite equamente in ciascuna corsa.

I risultati hanno mostrato, ad esempio, che durante la fase anticipatoria, la corteccia prefrontale era più attiva tra tutti i partecipanti per “prospettive che offrivano un’alta probabilità di ricompensa e per prospettive di maggiore ampiezza”. Gli autori dicono che questo è coerente con l’attività in quella parte del cervello per “allinearsi con l’obiettivo di ordine superiore di massimizzare i premi”.

Nel gruppo del disturbo bipolare, tuttavia, l’effetto della probabilità è stato ridotto, così che questi pazienti “hanno mostrato un aumento minore nell’attivazione della corteccia prefrontale” per le prospettive ad alta probabilità.

“I pazienti con disturbo bipolare”, proseguono gli autori, “hanno risposto più fortemente ai guadagni ma non alle perdite, coerentemente con una preferenza di ordine inferiore più forte per i premi”.

Like this post? Please share to your friends: