Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Dolore episodico intenso: cause e farmaci

Quando alle persone viene prescritto farmaci antidolorifici per aiutarli a gestire il dolore cronico, possono verificarsi improvvisi e intensi picchi di dolore. Questi picchi sono noti come dolore episodico intenso.

Il dolore episodico è noto anche come riacutizzazione o flare. Tende a manifestarsi in onde, con un picco rapido e poi decrescente di intensità. Può durare da qualche minuto a qualche ora.

Gran parte della ricerca sul dolore intenso si concentra sulle situazioni in cui si verifica nelle persone con cancro. Tuttavia, il dolore episodico intenso è stato collegato ad altre condizioni come mal di schiena, artrite, fuoco di Sant’Antonio, fibromialgia, neuropatia diabetica e altro ancora.

Il dolore episodico spesso richiede un approccio diverso al sollievo dal dolore. In questo articolo, esaminiamo le cause di questo particolare tipo di dolore, insieme ai vari modi di trattare il dolore episodico intenso.

Perché si verifica il dolore episodico intenso?

signora che tiene pillole per alleviare il dolore

Il dolore episodico può verificarsi per una serie di motivi. Può essere scatenato dalla malattia che causa il dolore, i trattamenti oi farmaci che le persone stanno assumendo per gestire quella malattia, o altri fattori non correlati.

Per alcune persone, il dolore episodico intenso può verificarsi in modo casuale e per nessuna ragione comprensibile. Per gli altri, potrebbero esserci alcuni trigger.

Trigger comuni di dolore episodico intenso includono:

  • tosse
  • esercizio
  • andando in bagno
  • condimento
  • qualsiasi movimento improvviso

Qualsiasi controllo del dolore è un atto di bilanciamento tra la quantità di dolore che una persona sta vivendo e la quantità di farmaci che assumono. Ciò comporta che una persona assuma una quantità regolare di farmaci antidolorifici ad una dose adeguata al loro livello di dolore, ma non troppo, oppure possono manifestare effetti collaterali indesiderati, come vomito, ridotta capacità di pensare e stanchezza.

Ci sono anche momenti in cui il dolore episodico intenso si verifica a causa di qualcosa che è noto come fallimento della fine della dose. Qualsiasi farmaco è soggetto a un picco quando una persona sperimenta il massimo effetto del farmaco, seguito da un effetto decrescente. Questo dipende da molti fattori, compreso il modo in cui l’individuo assume il farmaco.

Ad esempio, una pillola impiega 10-30 minuti per raggiungere il suo massimo effetto prima che si apri e poi svanisce. I cerotti sulla pelle forniscono un assorbimento più costante, ma il loro effetto può ancora diminuire verso la fine del tempo prescritto.

L’insufficienza di fine dosaggio si verifica quando il livello di alleviamento del dolore non è sufficiente nelle ultime ore prima della somministrazione della dose successiva.

Statistiche sul dolore intenso

Le stime variano, ma la ricerca medica indica che il dolore episodico intenso si verifica in:

  • circa il 70% delle persone con dolore cronico non oncologico
  • fino al 65% delle persone con dolore cronico da cancro

Uno studio condotto su persone affette da cancro che ricevevano cure di fine vita ha riferito che l’80 per cento ha sperimentato dolore da cancro. Di questo gruppo, l’80% ha riferito di aver sperimentato un dolore episodico intenso.

Farmaci per il dolore episodico intenso

note di scrittura del medico con il paziente

Semplicemente aumentando il dosaggio dei farmaci antidolorifici attuali non si ritiene che sia un modo efficace per gestire il dolore episodico intenso. Questo perché un aumento del farmaco antidolorifico può portare a un sovradosaggio e causare effetti collaterali indesiderati o addirittura pericolosi.

Ci sono alcuni farmaci che i medici prescrivono per aiutare a gestire il disagio del dolore episodico intenso.

Tuttavia, questi farmaci devono:

  • agire rapidamente
  • essere a corto-azione, fare in modo che le persone si svalutino e poi svanire poco dopo
  • essere veloce e facile da prendere

I farmaci progettati per il dolore episodico sono disponibili in diverse forme, come ad esempio:

  • compresse
  • iniezioni
  • spray nasali
  • losanghe
  • film in rapida dissolvenza posizionato all’interno della guancia di una persona
  • antidolorifici da banco, come l’ibuprofene o il naprossene sodico

Questi farmaci da banco sono spesso indicati come farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

Il loro uso nel dolore episodico intenso è quello di fornire un ulteriore sollievo dal dolore, lavorando a fianco dei farmaci antidolorifici. Aiutano anche a diffondere i tempi in cui le persone prendono le loro medicine e riducono la quantità di farmaci antidolorifici necessari.

Rischi ed effetti collaterali del trattamento

I farmaci per gestire il dolore hanno una gamma di effetti collaterali diversi:

I FANS, come l’ibuprofene e il naprossene sodico, possono causare i seguenti effetti collaterali:

  • mal di stomaco
  • nausea, vomito o entrambi
  • bruciore di stomaco
  • mal di testa
  • diarrea
  • stipsi

L’assunzione di farmaci con il cibo può aiutare ad alleviare alcuni di questi effetti collaterali.

L’uso a lungo termine di farmaci antidolorifici da prescrizione o da banco può anche causare i seguenti problemi di salute:

  • danno al fegato
  • ulcera allo stomaco
  • problemi ai reni
  • cataratta
  • aumento del rischio di infarto o ictus

Altri effetti collaterali e rischi includono:

  • eruzione cutanea o un’altra reazione allergica
  • vertigini
  • sonnolenza
  • confusione
  • gonfiore delle mani e dei piedi
  • maggiore rischio di infezione
  • aumento dell’appetito
  • perdita di appetito

Diversi farmaci per il dolore hanno diversi rischi ed effetti collaterali. Molte persone non hanno alcun effetto negativo, comunque.

È importante che le persone consultino il proprio medico se non sono sicuri o preoccupati degli effetti collaterali di eventuali farmaci che assumono.

Chiunque manifesti effetti collaterali di cui sono preoccupati deve contattare immediatamente il proprio medico.

Metodi alternativi di trattamento

agopuntura

Ci sono forme alternative di trattamento disponibili per le persone che non trovano antidolorifici utili per alleviare il dolore episodico intenso.

Molte persone che soffrono di dolore cronico scelgono di provare diverse forme di sollievo. Queste opzioni includono:

Agopuntura: gli aghi vengono utilizzati per stimolare determinati punti del corpo. I praticanti ritengono che l’agopuntura possa rilasciare sostanze chimiche che intorpidiscono il dolore o bloccare i segnali del dolore per alleviare il dolore.

Marijuana: la marijuana medica a volte viene prescritta per aiutare con alcuni tipi di sollievo dal dolore.

Terapia: alcune persone trovano che la terapia aiuti a gestire il loro dolore. Le opzioni includono musicoterapia, terapia di rilassamento, meditazione e ipnosi.

Massaggio: il massaggio può aiutare ad alleviare la tensione e il dolore, in particolare nelle persone con artrite o lesioni al collo e alla schiena.

Esercizio delicato: l’attività fisica ha dimostrato di alleviare il dolore e di rilasciare endorfine che aiutano a migliorare i livelli di energia e l’umore.

Si consiglia alle persone di consultare il proprio medico prima di provare questi metodi antidolorifici.

prospettiva

Molte persone scoprono di poter controllare il dolore episodico con farmaci e gestione adeguati.

Se assunti insieme a farmaci a lungo termine, un antidolorifico ad azione rapida usato come e quando necessario può aiutare ad alleviare il dolore episodico intenso associato a una malattia oa un infortunio.

Se il dolore episodico intenso non viene trattato, queste improvvise riacutizzazioni possono causare danni significativi e interruzioni alla vita quotidiana di una persona. Il dolore può rendere difficile per loro godersi le attività quotidiane, il che può influire negativamente sul loro senso generale di benessere e felicità.

Like this post? Please share to your friends: