Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Donazioni di fegato dal vivo confermate come sicure

Secondo i ricercatori di Johns Hopkins, le persone che donano una porzione del loro fegato per un trapianto vivo di solito guariscono in modo sicuro dalla procedura e possono aspettarsi di vivere una vita lunga e sana. Lo studio è pubblicato nel numero di febbraio della rivista Gastroenterology.

Dorry L. Segev, M.D., Ph.D., autore principale dello studio, un chirurgo di trapianto e professore associato di chirurgia ed epidemiologia presso la Johns Hopkins University School of Medicine spiega:

“Il processo di donazione è più sicuro di quanto si sia pensato in precedenza: la donazione diretta dal vivo è un’operazione seria con gravi rischi, tuttavia, in questo più ampio studio mai condotto negli Stati Uniti, abbiamo dimostrato che è più sicuro di molti rischio di morte di 1,7 per mille donatori “.
Il trapianto è l’unico trattamento attualmente disponibile per l’epatopatia allo stadio terminale. Gli individui con insufficienza epatica richiedono un fegato funzionante per sopravvivere. Il fegato è un organo che si rigenera in tempi relativamente brevi. Ciò consente ai chirurghi di rimuovere una piccola porzione di fegato e trapiantare il segmento nel ricevente. Una volta trapiantato, il segmento si ingrandisce abbastanza per svolgere i suoi ruoli vitali nel metabolismo, nella disintossicazione del sangue e nella digestione.

Inoltre, i donatori sono in grado di sopravvivere con un segmento più piccolo del loro stesso fegato, grazie alla sua capacità rigenerativa.

10 anni fa, sono stati eseguiti circa 500 trapianti di fegato dal vivo negli Stati Uniti. Tuttavia, in seguito alla morte altamente pubblicizzata di un donatore di fegato vivo nel 2002, la procedura potrebbe essere stata percepita come più pericolosa di quanto non sia in realtà. Attualmente, solo 200-300 trapianti di fegato vengono eseguiti ogni anno, rispetto a 6.000 donazioni di reni vivi negli Stati Uniti ogni anno.

Al momento, ci sono solo circa 6.000 fegati disponibili da donatori deceduti e oltre 16.000 individui nel paese in attesa di un trapianto di fegato.

Segev spiega:

“Per molti, il rischio di morire in lista d’attesa è più alto della possibilità di ottenere un trapianto di donatore deceduto. Per i pazienti giusti, con i giusti bisogni e i donatori giusti, il trapianto di donatori vivi può essere la migliore opzione di trattamento, e questo lo studio ci rassicura che il rischio di una complicazione catastrofica rimane basso. “
Segev e il suo team hanno esaminato i dati di tutti i 4,111 donatori negli Stati Uniti tra aprile 1994 e marzo 2011 al fine di determinare la sicurezza della donazione di fegato dal vivo. I pazienti sono stati seguiti per una media di 7,6 anni.

Durante il periodo di studio, 7 donatori sono deceduti nei 90 giorni successivi alla procedura. Tuttavia, secondo il team, i tassi di sopravvivenza a lungo termine per i donatori erano simili a quelli dei donatori di reni vivi, così come un gruppo di controllo sano selezionato dalla National Health and Nutrition Survey.

Nonostante il tasso di mortalità relativamente basso per la procedura, è ancora cinque volte superiore a quello dei donatori di reni vivi.

Il tasso di mortalità della donazione di reni vivi negli Stati Uniti è di 3,1 su 10.000, secondo una precedente indagine di Segev pubblicata sul Journal of the American Medical Association nel marzo 2010.

Segev sottolinea che la procedura per la donazione di reni è meno complicata e ai donatori viene lasciato un rene sano integro. Gli individui sono generalmente in grado di sopravvivere con un solo rene.

Tuttavia, i donatori di fegato vivi possono aver bisogno di un trapianto per sopravvivere se il loro fegato non è abbastanza sano dopo la donazione per superare il processo di rigenerazione.

Secondo Segev, direttore della ricerca clinica nella chirurgia dei trapianti a Hopkins, era estremamente interessato a indagare sui risultati per i donatori, poiché la maggior parte entrava nel processo in buona salute.

Segev spiega:

“Il rischio ideale di morte per donazione di un organo è zero e lavoriamo più che possiamo per cercare quell’ideale, ma in queste gravi e importanti operazioni è improbabile che il rischio sia zero”.
Altri ricercatori di Hopkins coinvolti nello studio includono Abimereki D. Muzaale, M.D., M.P.H .; Nabil N. Dagher, M.D .; e Robert A. Montgomery, M.D., D.Phil.

Scritto da Grace Rattue

Like this post? Please share to your friends: