Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Dopo cinque anni, l’aneurisma arrotolato ha un tasso di mortalità migliore di quello tagliato, ma il rischio di sanguinamento è leggermente più alto

Un articolo pubblicato online First e nell’edizione di maggio di The Lancet Neurology del Dr Andrew Molyneux e Richard Kerr, Unità di ricerca neurovascolare e neuroradiologia, John Radcliffe Hospital, Oxford, Università di Oxford, Regno Unito e colleghi, riporta nuove scoperte in neurologia. I pazienti i cui aneurismi sono arrotolati invece di troncati hanno un tasso di sopravvivenza migliore per cinque anni, secondo uno studio a lungo termine dell’International Subarachnoid Aneurysm Trial (ISAT). L’ISAT è stato finanziato dal Consiglio di ricerca medica del Regno Unito. In entrambi i gruppi, c’è un leggero pericolo di risanguinamento, ma nei primi cinque anni la minaccia è più alta per l’aneurisma a spirale.

Tra il 1994 e il 2002, in quaranta tre centri neurochirurgici, 2.143 pazienti con aneurisma subaracnoideo * sono stati inclusi nello studio originale ISAT. Sono stati assegnati casualmente al ritaglio (un intervento chirurgico aperto in cui l’aneurisma è troncato) o alla spiralatura (un intervento endovascolare in cui una bobina viene inserita attraverso i vasi sanguigni nell’aneurisma nel cervello per sigillare il punto in cui si è verificata la perdita ). La ricerca precedente ha indicato che i pazienti che hanno avuto una spirale hanno avuto una migliore possibilità di sopravvivenza ed erano completamente autonomi dopo un anno. C’è stato un calo del ventiquattro percento nel rischio di morte o dipendenza. Più di 2.000 pazienti che erano stati monitorati per una media di nove anni (minimo sei e massimo quattordici) sono stati analizzati nel nuovo studio.

I risultati hanno mostrato che dopo solo un anno di trattamento ci sono stati in totale ventiquattro rebleeds, di cui tredici provenivano dall’aneurisma trattato (dieci arrotolati e tre tagliati). Quattro dei rebleeds provenivano da aneurismi già esistenti ma diversi, e sei di loro provenivano da nuovi aneurismi, e solo uno era una causa non identificata. Dopo cinque anni, l’11% del gruppo a spirale e il 14% del gruppo ridotto erano morti. Il rischio di morte era inferiore del 23% per i pazienti con aneurisma a spirale di aneurisma troncato. Tuttavia, per i pazienti vivi dopo cinque anni, la percentuale che era autonoma nelle loro attività quotidiane era simile in entrambi i gruppi (82% nel gruppo a spirale e 81% nel gruppo ridotto). Rispetto alla popolazione generale, c’era ancora un aumento del 57 per cento del rischio di morte per i pazienti che hanno avuto uno qualsiasi dei trattamenti dopo un anno.

“Per i pazienti con aneurisma idoneo, l’avvolgimento è più probabile del clipping per risultati clinici migliori a un anno, e questi dati suggeriscono che sebbene i primi benefici clinici siano ridotti nel tempo, non vengono persi nei successivi quattro anni”, gli autori scrivono in conclusione.

“Il follow-up dell’ISAT per una media di nove anni (range 6-14 anni) dimostra che il rischio di risanguinamento da un aneurisma trattato è basso. Ci sono stati più rebleeds dall’aneurisma trattato nel gruppo di avvolgimento che nel gruppo di ritaglio, ma non vi era alcuna differenza tra i gruppi nel numero di decessi dovuti a risanguinamento.Il rischio di morte a cinque anni era significativamente inferiore nel gruppo a spirale di quanto non fosse nel gruppo di ritaglio.La probabilità di sopravvivenza indipendente per quei pazienti in vita a cinque gli anni sono gli stessi nei due gruppi: il tasso di mortalità standardizzato, condizionato alla sopravvivenza a un anno, è aumentato nei pazienti trattati per aneurisma rotto rispetto alla popolazione generale. ”

Il Dr Joseph Broderick, Dipartimento di Neurologia, College of Medicine, Università di Cincinnati, USA, in una nota di riflessione e reazione, sottolinea che i risultati evidenziano come i pazienti che richiedono cure così difficili debbano essere gestiti nei centri che forniscono entrambe le opzioni di trattamento.

Il dott. Broderick dice in conclusione: “La decisione iniziale in merito all’arrotolamento o al ritaglio è solo il primo passo nella gestione dei pazienti con una malattia cerebrovascolare attiva che potrebbe ripresentarsi, e l’imaging di eventuali aneurismi persistenti e la modifica aggressiva dei fattori di rischio sono cruciali per la gestione a lungo termine. ”

* un aneurisma è una dilatazione localizzata e piena di sangue (rigonfiamento simile a un palloncino) di un vaso sanguigno causata da malattia o indebolimento della parete del vaso. Gli aneurismi si verificano più comunemente nelle arterie alla base del cervello.

Scritto da Stephanie Brunner (B.A.)

Like this post? Please share to your friends: