Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Dorothea Dix: Ridefinire la malattia mentale

Durante il diciannovesimo secolo, i disordini mentali non erano riconosciuti come condizioni curabili. Sono stati percepiti come un segno di follia, che garantisce la detenzione in condizioni spietate. Una donna ha deciso di cambiare queste percezioni: Dorothea Lynde Dix.

[Dorothea Dix]

Nato nel Maine nel 1802, Dix è stato determinante nella creazione di servizi sanitari umanitari negli Stati Uniti.

Dix – insegnante e infermiere durante la guerra civile americana – ha lavorato instancabilmente per il trattamento equo dei pazienti con disturbi mentali, dopo essere stato inorridito dalle condizioni in cui erano stati confinati.

“Procedo, Signori, brevemente per richiamare la vostra attenzione sullo stato attuale delle persone pazze confinate all’interno di questo Commonwealth, in gabbie, bancarelle, penne! Incatenate, nude, picchiate con le verghe e frustate nell’obbedienza”, scrisse Dix in un memoriale a la legislatura del Massachusetts nel 1843.

Negli anni che seguirono, Dix viaggiò in centinaia di prigioni e case di lavoro negli Stati Uniti, documentando il trattamento inumano che le persone con malattie mentali ricevettero e riferendo i suoi risultati alle legislature statali.

Il suo lavoro non solo ha portato alla creazione di 32 ospedali per la salute mentale in una serie di stati degli Stati Uniti, ma ha anche contribuito a cambiare le percezioni delle persone sulla malattia mentale.

“Attraverso il suo lavoro, ha fatto luce sull’abuso e l’abbandono di quelli con malattie mentali, che hanno aiutato a cambiare le percezioni e gli approcci politici dei leader statali, nazionali e internazionali per stabilire approcci terapeutici più umani”, Paolo del Vecchio, direttore del Centro per i servizi di salute mentale presso l’amministrazione di servizi di salute mentale e di abuso di sostanze, detto.

Per il nostro quinto ed ultimo articolo di una serie che celebra i modelli femminili di ruolo in medicina, guardiamo l’incredibile vita e la carriera di Dix.

In che modo il suo risoluto lobbismo per la riforma della salute mentale più di 200 anni fa contribuisce a dare forma alle cure odierne per i pazienti con malattie mentali? Quali sfide rimangono per l’assistenza sanitaria mentale?

Un’infanzia infelice

L’infanzia di Dix non fu felice; suo padre era un alcolizzato abusivo e sua madre lottava con la malattia mentale. All’età di 12 anni, Dix fuggì da casa sua nel Maine per vivere con la sua ricca nonna a Boston, MA.

Nonostante la mancanza di istruzione formale, Dix era chiaramente una donna intelligente e ambiziosa, mentre proseguiva stabilendo una carriera come insegnante. Nel 1821, all’età di 19 anni, aprì una scuola per ragazze nella villa di sua nonna.

Negli anni che seguirono, Dix scrisse un numero di libri per bambini e racconti e, nel 1831, aprì una scuola per bambini svantaggiati, che lei corse da casa sua.

Tuttavia, questi risultati non sono stati facili; Dix soffriva spesso di attacchi di malattia, tra cui tosse e stanchezza gravi, che alla fine terminarono la sua carriera di insegnante.

Gli archivi suggeriscono che la sua malattia fisica ha messo a dura prova la sua salute mentale, facendola deprimere. La sua malattia mentale, tuttavia, in seguito sarebbe diventata una forza trainante nel suo desiderio di cambiare la salute mentale negli Stati Uniti per il meglio.

Ispirato dalla sua stessa malattia mentale

A metà degli anni 1830, Dix viaggiò in Europa nella speranza di trovare una cura per la sua malattia in corso.

Durante la sua permanenza in Inghilterra, ha incontrato i riformatori sociali Elizabeth Fry e Samuel Tuke. Fry aveva contribuito a far approvare una nuova legislazione nel Regno Unito per rendere più umano il trattamento dei prigionieri, mentre Tuke fondava il Ritiro d’Inghilterra per i malati di mente.

[Una donna prigioniera nel 1800]

Le prove suggeriscono che la propria esperienza di malattia mentale di Dix, così come il lavoro di questi riformatori sociali, l’hanno aiutata a fare cambiamenti nell’assistenza sanitaria mentale negli Stati Uniti.

“Forse le sue stesse lotte hanno contribuito a renderla un difensore più compassionevole per le persone che erano state diagnosticate come mentalmente instabili o pazze”, ha scritto lo storico Manon S. Parry in un articolo pubblicato nel 2006. “Certamente la sua malattia ha interrotto la sua carriera di insegnante e l’ha portata in una nuova cerchia di contatti. “

Nel 1841, Dix si offrì volontario per tenere una scuola domenicale per detenute in una prigione a East Cambridge, nel Massachusetts. Qui, ha assistito alla sofferenza delle donne con malattie mentali. Erano incatenati ai letti, affamati e maltrattati, puniti come se fossero criminali.

Inorridito da questo maltrattamento, Dix ha iniziato a visitare carceri e case di lavoro in tutto il Massachusetts e a documentare le sue scoperte.

L’ascesa dell’assistenza sanitaria mentale

Nel 1843, questi risultati furono presentati in un memoriale alla legislatura del Massachusetts.

Come parte del Memoriale, Dix ha chiesto i fondi per introdurre una riforma per la cura dei pazienti con malattie mentali nell’ospedale psichiatrico di stato di Massachusetts – Worcester Insane Asylum. La sua richiesta è stata approvata.

“Questo memoriale rivela come Dix abbia lavorato all’interno delle convenzioni del suo tempo per ritagliarsi un ruolo nella vita pubblica e attirare l’attenzione sull’orrenda terapia dei malati di mente nelle carceri, negli ospizi per i poveri e nei manicomi”, scrive Parry.

“Gli ideali di femminilità hanno caratterizzato le donne come una responsabilità speciale per i membri più vulnerabili della società, e un’autorità morale superiore a quella degli uomini. Allo stesso tempo, le donne dovevano essere protette dalle immagini e dalle esperienze di sofferenza e degradazione”.

“Dix è stata in grado di usare le sue descrizioni vivide e sconvolgenti con effetti potenti, danneggiando l’esistenza di questi abusi e dei leader politici che hanno fatto vergognose azioni a suo favore, e in nome dei” detenuti “di queste istituzioni”.

Manon S. Parry

Dopo il successo in Massachusetts, Dix ha portato la sua campagna per la riforma della salute mentale in altri stati.

Un punto significativo della crociata di Dix fu il disegno di legge per il beneficio del folle indigente, che fu presentato al Congresso nel 1854. Il disegno di legge propose la legislazione per fornire terre federali e finanziamenti per lo sviluppo di nuove istituzioni mentali.

Mentre il disegno di legge è stato approvato da entrambe le Camere del Congresso, è stato posto il veto dal Presidente Franklin Pierce, che ha affermato che la questione del benessere sociale dovrebbe essere la responsabilità di ogni singolo stato, piuttosto che del governo federale.

Sebbene delusa da questa decisione, Dix ha continuato a fare progressi a livello statale. Tra il 1843 e il 1880, aiutò a creare 32 nuovi ospedali psichiatrici negli Stati Uniti, tra cui New York, Indiana, Illinois, Rhode Island e Tennessee, e aiutò a migliorare la cura di molti altri.

Da “pigro e senza valore” a “malato e umano”

Quando arriva la cura di oggi per i pazienti con disturbi mentali, abbiamo sicuramente fatto molta strada dal 1800.

Oggi, ci sono più di 6.100 strutture ambulatoriali per la salute mentale e più di 800 strutture psichiatriche negli Stati Uniti, rispetto a solo 123 ospedali psichiatrici nel 1880.

“Dix è stato uno dei primi campioni per la sanità della nostra nazione come un diritto fondamentale e abbiamo una responsabilità sociale e pubblica per prenderci cura di quei cittadini vulnerabili tra noi”, ha detto Del Vecchio.

Inoltre, ha contribuito a cambiare il modo in cui vengono percepiti i pazienti con malattie mentali.

Come lo psichiatra Dr. Fuller Torrey, direttore esecutivo dello Stanley Medical Research Institute, ci ha detto: “Ha cambiato la percezione di essere pigro e inutile di essere malato e umano”.

Tuttavia, c’è ancora molto da raggiungere nel campo della salute mentale, e gli esperti ritengono che possiamo imparare molto da figure di ispirazione come Dix.

‘Abbiamo bisogno di più campioni come Dix’

Secondo l’Alleanza nazionale sulle malattie mentali, circa 1 su 5 adulti negli Stati Uniti sperimentano una qualche forma di disturbo della salute mentale in un dato anno.

Il tasso di malattia mentale è ancora più alto per i detenuti in carcere o in prigione – un rapporto del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha rilevato che più della metà di questi individui ha un disturbo di salute mentale.

Le statistiche mostrano che circa il 56% dei pazienti con malattie mentali negli Stati Uniti non riceve cure.

C’è anche una grave carenza di professionisti della salute mentale. Infatti, l’America della salute mentale riferisce che negli stati con la forza lavoro più bassa, c’è solo un professionista della salute mentale – inclusi psichiatri, psicologi e assistenti sociali – per ogni 1.000 persone.

Anche lo stigma che circonda la malattia mentale rimane un problema. L’American Psychological Association afferma che solo il 25% degli adulti con sintomi di malattia mentale crede che le persone si prenderanno cura di loro e saranno solidali con loro.

Andando avanti, del Vecchio crede che possiamo costruire un mondo migliore per le persone con malattie mentali seguendo le orme di Dix.

“Oggi abbiamo bisogno di più campioni come Dorothea Dix per fornire la leadership per cambiare atteggiamenti e politiche per consentire a tutti gli americani con malattie mentali di recuperare e vivere vite complete e produttive nelle nostre comunità.

Dix è un modello per gli altri che vogliono riformare il trattamento delle persone con gravi malattie mentali. Fornisce un esempio di come gli individui dedicati possono aiutare a cambiare la società in meglio. “

Paolo del Vecchio

Like this post? Please share to your friends: