Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Dovrei prendere supplementi di vitamine e minerali?

Dovremmo assumere integratori di vitamine e minerali, sono uno spreco di denaro completo, fanno più male che bene? Queste sono domande che milioni di persone in tutto il mondo chiedono, probabilmente perché ci sono così tanti studi contrastanti.

La risposta a “Devo prendere vitamine?” non è un semplice si o nessuno, dice Stacey Zawacki, professore assistente al Sargent College e direttore del Sargent Choice Nutrition Center, alla Boston University.

Zawacki spiega che “ognuno è unico”. Dice che l’operatore sanitario, di solito un dietista registrato, ha bisogno di scoprire quali sono i bisogni nutrizionali dell’individuo, le sue preferenze alimentari, gli obiettivi di salute e altri fattori.

Oltre la metà di tutti gli americani assumono integratori alimentari – la percentuale di americani che hanno assunto integratori di vitamine e / o minerali è passata dal 40% nel 1994 al 53% nel 2006.

Quando le viene chiesto se prende gli integratori da sola, Zawacki dice di no, ma sottolinea che se lei li prende davvero è irrilevante. L’assunzione di integratori è una decisione personale basata sulla conoscenza di un individuo circa i suoi bisogni, la sua dieta e la fase della vita.

Le persone che si chiedono se devono assumere supplementi di vitamine e / o minerali dovrebbero consultare un dietologo registrato. La consultazione di un’ora costerà sicuramente molto meno di quella che la maggior parte delle persone spende in compresse e capsule per un periodo di 12 mesi.

I pazienti con pressione alta, diabete e altre malattie guidate da fattori dietetici possono avere una copertura assicurativa sanitaria per la consulenza.

Zawacki dice “Quello che faccio come primo passo, è chiedere, ‘Cosa stai mangiando attualmente?'” Questo è seguito da un’analisi approfondita della dieta del cliente, e controllando dove possono esistere carenze. Ad esempio, se l’assunzione di vitamina E da parte della persona è inferiore a quella raccomandata dall’Istituto di Medicina, prima di raccomandare integratori di vitamina E, consiglierà l’aggiunta di spinaci, semi di girasole, mandorle e altri cibi ricchi di vitamine E la loro dieta

L’aggiunta di alimenti con sostanze nutritive mirate piuttosto che integratori fornisce ai pazienti proteine, fibre e altri nutrienti. Non ci sono compresse o capsule che contengano tutto ciò, ha spiegato Zawacki.

Mercato ortofrutticolo
Nessuna compressa contiene vitamine, minerali, fibre, proteine ​​e altri nutrienti essenziali

Alcuni alimenti sono ricchi di una vasta gamma di vitamine e sostanze nutritive

Spinaci – ricchi di ferro, potassio, vitamine A, C, E e K e magnesio.

Mirtilli – queste bacche sono un “super cibo” antiossidante, ricco di fitoflavinoidi, vitamina C e potassio. Oltre a ridurre il rischio di cancro e malattie cardiache, riducono anche l’infiammazione.

Patate dolci – ricche di vitamine A, B6 e C, fibre, potassio, carboidrati e carotene (quelle rosa e gialle).

Ipomoea batatas 006
Le patate dolci sono ricche di molti importanti nutrienti e fibre

Pesce oleoso – ricco di acidi grassi omega-3. Gli esempi includono salmone, aringa, sardine, tonno e sgombro. Aiutano l’artrite e riducono il rischio di malattie cardiache, perdita di memoria e possibilmente alcuni dei sintomi della malattia di Alzheimer. Noci, semi di lino e uova fortificate sono anche ricchi di omega-3.

Germe di grano – parte di grano che germina e cresce in una pianta; l’embrione del seme. Sfortunatamente, durante la lavorazione del cibo quando i cereali vengono raffinati, il germe e la crusca vengono spesso macinati. Il germe di grano è ricco di acido folico (acido folico), tiamina, zinco, magnesio, fosforo, alcoli grassi, acidi grassi e vitamina E. È anche una grande fonte di fibre.

Avocado – molto ricco di vitamine del gruppo B, nonché vitamine E e K. Studi hanno dimostrato che il consumo regolare di avocado può ridurre i livelli di colesterolo nel sangue. Non evitare gli avocado perché sono ricchi di grassi – gli avocado contengono grassi (buoni) monosaturi.

Avena – l’avena è ricca di vitamine del gruppo B, potassio, acido folico, fibre e carboidrati complessi.

Se aggiungi alcuni di questi “super alimenti” alla tua dieta quotidiana, ci sono buone probabilità che il tuo “gap nutrizionale” venga colmato, ha detto Zawacki.

Cosa succede se lo stile di vita, la dieta e altri fattori non sono sufficienti?

Zawacki consiglierà integratori vitaminici o minerali se lo stile di vita del paziente, le preferenze alimentari, lo stato di salute o le allergie rendono improbabile che soddisfino le loro esigenze nutrizionali solo con la dieta.

È compito del dietista aiutare il paziente a determinare la forma migliore di quella particolare vitamina, a che ora del giorno deve essere assunto per ottimizzare l’assorbimento, e assicurarsi che non vi sia alcuna interazione con i farmaci che il paziente potrebbe assumere.

Devo comunque prendere un supplemento, per ogni evenienza?

Se qualcuno ha una dieta buona, ben bilanciata e nutriente, non dovrebbe essere necessario alcun integratore multivitaminico. Diversi fattori dovrebbero essere esclusi per primi, alcune persone hanno bisogno di integratori perché potrebbero avere problemi ad assorbire i nutrienti, le donne incinte hanno bisogno di alcuni integratori, la loro età può essere un fattore in alcuni casi, alcuni pazienti con malattie croniche richiedono integratori.

Le donne a rischio di pre-eclampsia devono assumere un integratore alimentare contenente L-arginina e vitamine antiossidanti dalla loro 20a settimana di gravidanza.

Se pratichi molto, prendi parte a sport di resistenza, come le maratone, dovresti vedere un operatore sanitario e ottenere consigli sulla tua dieta e possibilmente integrare i requisiti.

Alcuni scienziati dicono che gli integratori non ti faranno del male e potrebbero farti del bene. La ricerca è stata contraddittoria e confusa per i laici. Ricercatori svedesi hanno scoperto che l’assunzione regolare di multivitaminici a lungo termine può aumentare il rischio di sviluppare il cancro al seno.

Zawacki consiglia:

“Se decidi di assumere un multivitaminico, scegli un marchio rispettabile (cerca un marchio di approvazione da ConsumerLab, NSF o Farmacopea degli Stati Uniti) che non includa più del 100% delle sostanze nutritive consigliate per il tuo sesso e stadio di vita. Ma tieni a mente, se stai ricevendo i nutrienti di cui hai bisogno dalla tua dieta, non ci sono prove evidenti che i nutrienti extra possano aiutarti. “
Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: