Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Dovremmo preoccuparci dei cestodi?

I lettori abituali possono aver avuto problemi quando hanno letto la nostra recente notizia che riportava l’intero sequenziamento del genoma della tenia.

tenia scolex

Perché il rabbrividire? Perché il campione sequenziato è stato rimosso dal cervello di un uomo di 50 anni, dove il verme si era felicemente insediato negli ultimi 4 anni.

Questi racconti tremendi sono una tariffa standard nello studio degli elminti, la classe delle bestie a cui appartengono i cestodi denominati colloquialmente. Tuttavia, molte di queste sono storie di “pesci grandi”, per così dire. Anche se Internet è piena di storie di mostri da 108 piedi che vengono estratti dalle viscere delle anime sfortunate, le infezioni da tenia negli esseri umani sono rare nei paesi sviluppati.

Tuttavia, coloro che non riescono a resistere all’attrazione di tali dettagli oscuri possono essere invitati a leggere Nancy Butcher’s, che menziona la signora Sally Mae Wallace di Great Grits, Mississippi, che, il 5 settembre 1991, aveva 37 piedi di tenia continua rimossa da medici.

“Dopo circa 20 piedi di quella cosa era uscita dalla mia bocca, sapevo solo di avere il disco, ero davvero pieno di gioia”, si dice che abbia detto.

Cos’è una tenia?

Ma cos’è una tenia? Sono, in breve, vermi parassiti che fanno la loro casa all’interno di tutte le principali creature vertebrate – pesci, mammiferi, uccelli e anfibi (le larve della tenia sono anche parassiti di invertebrati).

Il nome “tenia” rappresenta il corpo della creatura, che è un nastro piatto – simile al nastro – formato da molti segmenti identici, ricoperto da una “testa”. Questa testa – conosciuta come lo skolex – non è una testa come la conosciamo, anche se la creatura non ha occhi, bocca o cervello. Invece, è semplicemente una sporgenza con ventose e ganci che permettono al verme di afferrare saldamente l’intestino del suo ospite.

Forse l’aspetto più terrificante del verme nelle immagini ingrandite, “lo skoleks sembra una sorta di bizzarro strumento antico che incapperai nel capanno di tuo nonno,” Rebbeca Kreston della rivista blogger “, o un giocattolo sessuale.”

L’elminto non ha solo bocca per mangiare, non ha né budello né ano, quindi tutti i nutrienti necessari per la sua sopravvivenza vengono assorbiti direttamente dall’intestino ospite, dove vengono processati nella pelle del parassita. La vitamina B12 è uno snack preferito, con ospiti che soffrono di tenia, perdita di peso, affaticamento e anemia a causa dell’ospite e del parassita in competizione per la B12.

Fin qui, così raccapricciante. Ma più che offrire il genere di emozioni horror corporee che hanno ispirato la fantascienza, come l’episodio di quello che mostrava un ibrido omicida umano in libertà nelle fogne del New Jersey, le tenie sono affascinanti da una prospettiva evolutiva.

La curiosa evoluzione della tenia

Gli scienziati sono perplessi su come la tenia diverga dalla vescia non segmentata, assomigliando invece agli unici lombrichi lontanamente imparentati che troviamo nel terreno del nostro giardino. Invece di evolvere “in alto” come la maggior parte degli organismi, la tenia ha ammucchiato le budella e gli organi sensoriali mentre si è evoluta, riducendo la sua anatomia a un design molto semplice.

modello di tenia

“Le tenie mostrano la più grande perdita di geni di sviluppo di qualsiasi animale esaminato fino ad oggi”, ha affermato il genetista Dr. Pete Olson, scrivendo sulla rivista. Invece, la loro evoluzione è stata concentrata nello sviluppo di geni vitali per resistere agli attacchi immunitari dei loro ospiti.

Ma questa spogliazione evolutiva delle funzioni corporee del parassita nell’entità modulare e modulare che il tenia è oggi è stata a vantaggio della creatura.

La successione simile a tagliatelle di segmenti identici – o “proglottidi” – che comprendono il corpo del verme sono semplicemente progettati ma multifunzionali.

Durante tutta la sua durata di vita – che viene descritta come potenzialmente lunga quanto la vita del suo ospite – la tenia crea nuovi proglottidi, allungando il suo corpo dalla scolix verso il basso, mentre i proglottidi più anziani alla coda vengono liberati con l’avanzare dell’età. Finché almeno lo skoleks è intatto, il worm può continuare a produrre questi segmenti.

Se i proglottidi vengono recisi, allora – come un lombrico – la tenia può far crescere un nuovo corpo (forse in modo inquietante, alcune persone infette da tenie hanno riferito di aver visto dei nastri proglottidi che ancora si agitano nelle loro feci).

Inoltre, ogni segmento proglottidico presenta testicoli, ovaie e un utero: la tenia è ermafrodita. Con ognuno dei suoi numerosi segmenti che trasportano tutti i macchinari di cui un verme ha bisogno per fare i bambini, una tenia adulta che vive all’interno di un essere umano è in grado di produrre tra 50.000 e un milione di uova al giorno, a seconda della specie.

Questo sistema riproduttivo fornisce anche alla tenia l’opportunità di autofecondazione o di fertilizzazione incrociata con altri vermi nello stesso ospite.

Suini, umani e tenie

Nelle specie di tenia più comuni nelle infezioni umane, – riscontrate negli esseri umani nelle aree dell’America Latina, della Cina e del Sud-Est asiatico, dove i maiali sono comuni – le uova tenia sono versate nelle feci della persona infetta.

tenia di maiale in una capsula di Petri

Queste uova vengono poi inghiottite dai maiali che frugano a terra per il cibo, stabilendo un curioso ciclo di vita, in cui le larve si schiudono all’interno del maiale e si insinuano nei suoi vasi sanguigni formando le cisti.

I vermi ritornano in un ospite umano quando il maiale viene macellato e mangiato (se la carne è poco cotta), dove matureranno e si riprodurranno, ricominciando il ciclo.

Mentre una tenia adulta che si stabilisce in un intestino umano non è un pensiero piacevole, le implicazioni mediche di questo tipo di infezioni sono relativamente benigne.

Dove si verificano gravi complicazioni è se le uova entrano in un ospite umano piuttosto che in un maiale – per esempio, se qualcuno che perde le uova di tenia tocca cibo che altre persone poi mangiano.

Neurocisticercosi – infezione da tenia del cervello

In questi casi, le larve si insinuano in tutto il corpo dell’ospite – come fanno nei maiali – catturandosi nei ventricoli e formando le cisti nel cervello. Man mano che le cisti crescono, possono bloccare il flusso del liquido cerebrospinale, causando l’acqua nel cervello ad alta pressione che può provocare stupore, coma o morte.

Sebbene la cisti larvale alla fine muoia se non è in grado di progredire fino alla fase adulta della tenia, gli attacchi di infiammazione scatenati dal corpo ospite sulla cisti possono anche causare problemi significativi, che possono potenzialmente causare l’infiammazione pericolosa del tessuto cerebrale circostante, che può risultare in convulsioni o coma, a seconda della zona interessata.

Il praziquantel, un farmaco sviluppato negli anni ’80, può facilmente uccidere le larve di tenia nidificanti nel cervello, ma è anche incline a innescare una reazione immunitaria che fa gonfiare il cervello – causando in modo efficace la stessa condizione che il farmaco sta tentando di trattare.

Si stima che ci siano 11-29 milioni di casi di questa infezione del cervello – nota come neurocysticercosis – solo in America Latina. Tuttavia, la neurocysticercosis viene comunemente erroneamente diagnosticata perché i sintomi sono facilmente confusi con altri disturbi cerebrali e poiché i paesi in via di sviluppo in cui la malattia è una preoccupazione non hanno il supporto medico per effettuare diagnosi accurate usando scanner e analisi del sangue.

La tenia del pesce – il più grande parassita nell’uomo

Sebbene sia un problema nelle regioni del mondo con scarsa igiene, un’altra specie di tenia – o tenia di pesce – è stata segnalata in alcune comunità ebraiche e scandinave nei paesi sviluppati a causa della popolarità del pesce gefilte ebraico, delle palline di pesce svedesi o di altre prelibatezze che coinvolgono pesce d’acqua dolce.

La tenia del pesce è il più grande parassita noto per infettare gli esseri umani, crescendo fino a 82 piedi di lunghezza ad una velocità di 22 cm al giorno.

Se vuoi vedere come appare uno di questi piccoli orrori, qui sotto c’è una clip di un chirurgo che ne subisce uno durante una colonscopia:

Un caso abbastanza brutto di infezione da tenia del pesce – che coinvolge centinaia di tenie in un ospite – è stato riferito di recente in un uomo cinese che ha pensato di mangiare sushi contaminato, anche se i cambiamenti culturali nei comportamenti alimentari – oltre a sistemi di refrigerazione e trasporto migliorati – hanno visto un declino di questa infezione in molte culture.

Gli esperti dicono che solo 53 specie di tenia sono state riportate negli esseri umani da una famiglia di oltre 9.000 specie formalmente identificate.

Fino ad ora, il genoma di questi parassiti è rimasto indecifrato. Ma il caso dello sfortunato che visse per 4 anni con una tenia nel cervello potrebbe avere un rivestimento d’argento.

Per decenni, gli scienziati sono stati affascinati dai paralleli tra infezione da tenia e cancro. Sia lo sviluppo del cancro che la sopravvivenza alla tenia sono influenzati principalmente dal modo in cui il sistema immunitario dell’ospite risponde.

Per di più, queste due condizioni apparentemente molto diverse hanno dimostrato di condividere bersagli farmacologici simili. Come scrive il dott. Olson:

“Un importante impulso per il sequenziamento dei genomi dei cestodi è quello di trovare obiettivi specifici per la chemioterapia: identificando i geni che codificano per proteine ​​note per essere inibite da farmaci preesistenti, i ricercatori possono inibire la crescita di tenie. stato che molti dei bersagli scoperti erano uguali a quelli usati per controllare la crescita dei tumori, quindi non solo la diffusione della malattia è simile a quella del cancro in alcuni casi, ma potenzialmente anche il trattamento è “.

Alcuni rumoreggiati benefici delle infezioni da tenia – come la convinzione di alcune persone che sono un aiuto dimagrante alternativo efficace – sono per lo più superstizione. Ma quanto sarebbe bello se questo flagello intestinale tanto detestato ci aiutasse a sconfiggere il cancro?

Like this post? Please share to your friends: