Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Dr. Elizabeth Blackwell: un’eroina per le donne

Sebbene la disuguaglianza di genere rimanga un problema per le donne in medicina, grandi progressi sono stati fatti nel secolo scorso. Le donne ora costituiscono quasi la metà degli studenti di medicina negli Stati Uniti e un terzo dei medici – un risultato che può essere in gran parte attribuito alla dottoressa Elizabeth Blackwell.

[Dr. Elizabeth Blackwell]

Nel 1849, il dott. Blackwell, nato in Inghilterra, si laureò al Geneva Medical College di New York, diventando la prima donna negli Stati Uniti a ricevere una laurea in medicina.

“Il significato [di questo] non può essere sopravvalutato, poiché questo era un periodo in cui una donna che era un medico non era la norma sociale”, ha detto il dottor Shelley Ross, segretario generale dell’Associazione medica delle donne mediche (MWIA).

Fino alla sua morte, avvenuta nel 1910, il dott. Blackwell era un forte sostenitore delle donne in medicina, dedicando molto tempo alla campagna per i diritti delle donne e istituendo istituti dedicati alla formazione di studenti di medicina femminile negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Sebbene il dott. Blackwell fosse ampiamente diffamato per queste azioni all’epoca, è emersa come un modello che ha aperto la strada alle donne in medicina.

“Poiché Blackwell ha cambiato il suo ruolo di donna nel perseguire una carriera come medico, alcuni la consideravano anormale e inutilmente ribelle, mentre altri ammiravano la sua forza e il coraggio e vedevano in futuro le sue conquiste”, dice la ricercatrice Alyssa Turose .

“Blackwell ha ispirato quelli di quest’ultimo punto di vista, e molti di loro hanno cominciato a rischiare da soli per superare le barriere sociali”.

Nel quarto di una serie di articoli che celebrano modelli femminili di ruolo in medicina, guardiamo alle lotte che il Dr. Blackwell ha affrontato per diventare la prima dottoressa americana.

In che modo la sua vita e la sua carriera hanno contribuito a preparare il terreno per gli studenti di medicina femminile di oggi? Quali sfide rimangono per le donne nella professione medica?

Imbarcarsi in “una crociata morale”

“Elizabeth, è inutile provare. Non puoi ottenere l’ammissione a queste scuole, devi andare a Parigi e indossare abiti maschili per ottenere le conoscenze necessarie”, ha detto il medico Joseph Warrington a Blackwell, dopo aver chiesto di frequentare un college medico negli Stati Uniti.

Mai prima d’ora una donna era stata accettata in una scuola medica in America, ma il dott. Blackwell non era scoraggiato dallo scoraggiamento diffuso.

“[…] né il consiglio di andare a Parigi né la suggestione del travestimento mi hanno tentato per un momento”, ha scritto Blackwell in una lettera alla baronessa Anne Isabella Milbanke Byron nel 1851. “Per me è stata una crociata morale su cui Ero entrato, un corso di giustizia e buon senso, e doveva essere perseguito alla luce del giorno, e con sanzioni pubbliche, per raggiungere il suo scopo. “

Nel 1847, dopo numerosi respingimenti dalle università mediche negli Stati Uniti, il dott. Blackwell fece domanda al Geneva Medical College. La facoltà del college consentiva al corpo studentesco maschile di votare l’ammissione di Blackwell, supponendo che non avrebbero mai permesso a una donna di entrare nelle loro file.

Per scherzo, il corpo studentesco ha votato all’unanimità “sì”. Alla fine fu accettata come studentessa di medicina, diventando così la prima studentessa di medicina negli Stati Uniti.

I discorsi della città

Il genere del Dr. Blackwell è stato inizialmente un punto dolente a Ginevra. I professori le dissero che doveva stare lontana dagli altri studenti, ed era spesso esclusa dal laboratorio.

Le è stato anche chiesto da un professore di evitare di frequentare le lezioni di anatomia riproduttiva per paura di studenti maschi “imbarazzanti”. Il Dr. Blackwell ha rifiutato questa richiesta, affermando che voleva essere trattata in modo diverso dagli altri studenti.

Questo atteggiamento le è valso molto rispetto e sostegno dai suoi compagni di studio e, accademicamente, il Dr. Blackwell ha prosperato durante i suoi 2 anni a Ginevra.

Tuttavia, essendo l’unica studentessa di medicina dell’istituto, le fece parlare della città; era disapprovata da altre donne per essersi opposta ai ruoli di genere.

“Non avevo la minima idea del tumulto creato dalla mia apparizione come studente di medicina nella piccola città”, ha scritto Blackwell nel suo diario.

“Molto lentamente ho percepito che la moglie di un medico al tavolo evitava qualsiasi comunicazione con me, e che mentre camminavo avanti e indietro al college le signore si fermavano a fissarmi, come a un animale curioso.

In seguito scoprii che avevo così sconcertato la correttezza di Ginevra che la teoria era pienamente affermata o che io ero una donna cattiva, i cui progetti sarebbero diventati gradualmente evidenti, o che, essendo pazzo, presto sarebbe apparso un focolaio di follia […] “

Dr. Elizabeth Blackwell

Il dottor Blackwell non si lasciava intimidire dagli atteggiamenti negativi nei suoi confronti e manteneva l’attenzione sul suo obiettivo: diventare un medico. In realtà, è stata guidata dalla discriminazione di genere che ha ricevuto.

“L’idea di vincere un dottorato ha assunto gradualmente l’aspetto di una grande lotta morale”, scrisse nel suo diario, “e la lotta morale possedeva un’immensa attrazione per me”.

Un risultato “davvero notevole”

Nel 1849, all’età di 28 anni, il dott. Blackwell si laureò al vertice della sua classe, diventando la prima donna in America a conseguire la laurea in medicina.

[Dr. Elizabeth Blackwell seduta con la testa sulla sua mano]

Alla cerimonia di laurea, il preside del Geneva Medical College, il dott. Charles Lee, si è congratulato pubblicamente con il dott. Blackwell per il suo successo e ha affermato di avere “ammirazione per l’eroismo manifestato e simpatia per le sofferenze volontariamente assunte”.

“Nel 1849 le donne non avevano ancora il diritto di voto in America, perché una donna che tenesse una laurea e intraprendesse una carriera apparentemente destinata agli uomini era davvero notevole,” Dr. Kelly Thibert, Presidente nazionale dell’American Medical Student Associazione, detto.

“Sono stati atti come questo che sono stati fondamentali per il movimento delle donne, con l’obiettivo di raggiungere l’uguaglianza in tutti gli aspetti della vita, anche nel campo della scienza e della sanità”, ha aggiunto.

La notizia della sua laurea in medicina si diffuse e ottenne una risposta per lo più positiva. Tuttavia, questa reazione favorevole non ha garantito al dott. Blackwell una carriera medica; la comunità medica negli Stati Uniti è rimasta riluttante ad accettare donne nelle sue fila e il dott. Blackwell non è stato in grado di trovare un ospedale che le consentisse di acquisire esperienza medica.

Inoltre, nonostante il successo del dott. Blackwell alla facoltà di medicina, rimasero gli atteggiamenti negativi nei confronti degli studenti di medicina femminile.

Su una versione stampata del discorso che ha fatto alla laurea del Dr. Blackwell, il Dr. Lee ha aggiunto una nota in cui si afferma che “gli inconvenienti di ammissione delle donne a tutte le lezioni in una scuola di medicina sono così grandi che si sentirà costretto tutte le occasioni future per opporsi a tale pratica […]. “

Poco dopo, l’Associazione medica statale di New York dichiarò che “non più donne” dovevano essere accettate nelle scuole di medicina.

Negli anni a venire, il Dr. Blackwell affronterebbe la disuguaglianza di genere per gli studenti di medicina femminile, fornendo loro l’opportunità di allenarsi e praticare.

Fornire alle donne un “ambiente sicuro per studiare”

Ispirato dalle sfide che affrontò come minoranza nel campo della medicina, il dottor Blackwell fondò l’Infermeria di New York per donne e bambini nel 1858.

Ora noto come il New York University Downtown Hospital, l’obiettivo di questa istituzione non era solo quello di fornire assistenza medica ai poveri, ma di fornire una formazione medica per le studentesse e le posizioni per le donne.

“Avere un ambiente in cui le donne potevano studiare senza lo stigma di essere donne o le molestie da parte dei medici maschi avrebbero fornito un ambiente sicuro per lo studio”, ha detto il dott. Ross.

Oggi, le donne rappresentano circa il 47% degli studenti di medicina negli Stati Uniti, un risultato che non sarebbe stato possibile senza la determinazione del Dr. Blackwell di sconfiggere la disuguaglianza di genere in medicina.

“[…] l’inizio di varie scuole di medicina per donne ha mostrato al mondo che le donne non sarebbero state dissuase dal diventare medici solo perché gli uomini pensavano che non dovevano farlo, se non potevano essere accettate nelle scuole di medicina esistenti , avrebbero iniziato da soli.

Ci vuole una persona con un’idea, una seconda persona per renderla un movimento e poi diventa O.K. aderire, e questa sarebbe la via dell’accettazione per le donne in medicina “.

Dr. Shelley Ross

Anche dopo aver smesso di praticare la medicina alla fine degli anni ’70 a causa di problemi di salute, il dott. Blackwell continuò a fare campagne per i diritti delle donne, nonché a riformare la medicina preventiva, l’igiene e la pianificazione familiare.

Sfide continue per le donne in medicina

Secondo il dottor Ross, quando si tratta di donne che vengono accettate nelle scuole mediche, la “battaglia è stata vinta”. Tuttavia, rimangono numerose sfide per gli studenti di medicina femminile.

[Un gruppo di dottoresse]

Parlando con, il dott. Thibert ha detto che le donne in medicina sono spesso “incasellate” per certi ruoli, come l’assistenza infermieristica.

“Non fraintendermi, ho imparato molto dalle infermiere e non c’è assolutamente niente di sbagliato nella professione infermieristica o non sono affatto scambiato per un’infermiera”, ci ha detto. “Tuttavia, quando la società percepisce che l’unico ruolo medico che una donna potrebbe perseguire è l’assistenza infermieristica, c’è un problema, perché limitiamo le donne all’assistenza solo perché il nostro punto di vista sulle carriere delle donne in medicina è stretto.”

Inoltre, il dott. Thibert ha osservato che le donne che desiderano perseguire specialità mediche dominate dagli uomini hanno spesso problemi a trovare mentori in queste aree.

Il Dr. Ross ha detto che avere più donne nei ruoli di leadership nell’ambito della professione medica potrebbe aiutare a superare tali sfide; allo stato attuale, le donne costituiscono solo il 15% dei presidi di dipartimento e il 16% dei presidi.

“Ci devono essere abbastanza medici donne in ruoli dirigenziali di alto livello che il punto di non ritorno è raggiunto in modo che ora sia la norma piuttosto che l’eccezione”, ha detto il dottor Ross. “Spesso le donne con ruoli più alti non portano con sé le donne più giovani, spesso perché le giovani donne non possono essere persuase a seguirle, quindi dobbiamo mentorarle e dare loro il fuoco nella pancia per voler guidare “.

“Organizzazioni come MWIA forniscono quel collegamento in rete per le donne che danno loro le competenze per avere successo in un ambiente sicuro – simile all’ospedale didattico tutto femminile stabilito da Elizabeth Blackwell”, ha aggiunto il dott. Ross.

La lotta per l’uguaglianza di genere in medicina è lungi dall’essere conclusa, ma è chiaro che senza il lavoro del Dr. Blackwell, le prospettive per le studentesse e i medici di medicina femminile potrebbero non essere così brillanti.

Come dice la ricercatrice Tairmae Kangarloo:

“Era sicuramente in anticipo sui tempi e ha spianato la strada ad altre donne: anche adesso, 160 anni dopo, stiamo ancora ammirando il suo lavoro e il modo in cui ha contribuito a rivoluzionare il ruolo delle donne”.

Like this post? Please share to your friends: