Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Due farmaci esistenti bloccano la neurodegenerazione nei topi

I ricercatori hanno fatto un grande passo avanti nel trattamento di Alzheimer e Parkinson, dopo aver identificato due farmaci esistenti che hanno impedito la morte delle cellule cerebrali nei modelli murini di malattia neurodegenerativa.

[Un'illustrazione dei neuroni]

In un nuovo studio, i ricercatori del Medical Research Council (MRC) nel Regno Unito rivelano come un antidepressivo autorizzato e un composto attualmente in fase di sperimentazione come farmaco canceroso bloccano la morte delle cellule cerebrali, riducono la contrazione del cervello e ripristinano la memoria nei modelli murini di prioni malattia e demenza frontotemporale (FTD).

La direttrice di studio Prof. Giovanna Mallucci, dell’Unità di tossicologia dell’MRC e l’Università di Cambridge nel Regno Unito, ei colleghi ritengono che le loro scoperte potrebbero portare a trattamenti tanto necessari per il morbo di Alzheimer e altre malattie neurodegenerative in meno di 2 o 3 anni.

Gli studi clinici sono necessari per determinare la sicurezza e l’efficacia dei composti per la malattia neurodegenerativa nell’uomo, ma il fatto che uno dei composti sia già utilizzato per il trattamento della depressione potrebbe accelerare il processo.

Il prof. Mallucci e il suo team hanno recentemente riportato i loro risultati sul diario.

Ripristino della produzione di proteine ​​nelle cellule cerebrali

La malattia neurodegenerativa è un termine generico per numerose condizioni che coinvolgono il danno e la perdita di cellule cerebrali. Il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson e la sclerosi laterale amiotrofica sono tutti esempi di malattie neurodegenerative.

In uno studio pubblicato nel 2013, il Prof. Mallucci e il suo team hanno scoperto un percorso specifico che contribuisce alla morte delle cellule cerebrali.

I ricercatori hanno scoperto che le proteine ​​mal ripiegate nel cervello – che sono abbondanti nel cervello dei pazienti con Alzheimer e altri disturbi neurodegenerativi – sovraattivano una risposta proteica dispiegata, che ostacola la produzione di nuove proteine ​​nelle cellule cerebrali. Questo “affama” le cellule cerebrali e le uccide.

Nel loro studio del 2013, il team ha utilizzato un farmaco sperimentale per riattivare la produzione di proteine ​​nelle cellule cerebrali. Mentre riusciva a fermare la morte delle cellule cerebrali, il composto era tossico per il pancreas e pericoloso per i test umani.

Ora, i ricercatori hanno identificato due nuovi composti che non solo si sono dimostrati efficaci per prevenire la morte delle cellule cerebrali nei topi, ma hanno anche avuto effetti collaterali minimi.

Neurodegenerazione prevenuta nei topi

Per il nuovo studio, il Prof. Mallucci e colleghi hanno testato più di 1.000 composti su nematodi, o. Il team osserva che i nematodi hanno un sistema nervoso funzionante e sono comunemente usati per schermare farmaci che potrebbero essere efficaci nei mammiferi.

I ricercatori hanno identificato un numero di composti che hanno mostrato la promessa di ripristinare la produzione di proteine ​​nelle cellule cerebrali dei modelli murini di malattie neurodegenerative.

Il team ha poi testato questi composti su modelli murini di malattia da prioni – un gruppo di malattie neurodegenerative causate da proteine ​​chiamate prioni, che provocano il ripiegamento errato di proteine ​​sane – e una forma familiare di FTD.

L’FTD è un tipo di demenza causata dalla perdita di cellule cerebrali nei lobi frontali del cervello.

Due composti sono risultati efficaci: trazodone e dibenzoylmethane (DBM). Il trazodone è un farmaco utilizzato per il trattamento della depressione, mentre il DBM è un composto derivato dalla liquirizia attualmente in fase di test come farmaco antitumorale.

Nella maggior parte dei modelli murini di malattia da prioni, entrambi i farmaci prevenivano i segni di morte delle cellule cerebrali recuperando la produzione di proteine ​​e, nei modelli di topo FTD, i farmaci ripristinavano la memoria.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che i farmaci hanno portato a una riduzione della contrazione del cervello in entrambi i modelli di topo. La contrazione del cervello è un segno distintivo della malattia neurodegenerativa.

Il team osserva che gli effetti collaterali di entrambi i farmaci erano minimi.

Un “primo passo emozionante” per il trattamento della malattia neurodegenerativa

Il prossimo passo per i ricercatori è condurre studi clinici per determinare la sicurezza e l’efficacia di trazodone e DBM per il trattamento della malattia neurodegenerativa nell’uomo.

Il trazodone è il candidato più promettente, dal momento che la sua sicurezza è già stata stabilita negli esseri umani.

“Sappiamo che il trazodone è sicuro da usare negli esseri umani, quindi è ora possibile testare se gli effetti protettivi del farmaco che vediamo sulle cellule cerebrali nei topi con neurodegenerazione si applicano anche alle persone nelle prime fasi della malattia di Alzheimer e altri demenze.

Potremmo sapere in 2 o 3 anni se questo approccio può rallentare la progressione della malattia, il che sarebbe un primo passo molto eccitante nel trattamento di questi disturbi “.

Prof. Giovanna Mallucci

Il Dr. Doug Brown, direttore della ricerca e dello sviluppo presso l’Alzheimer’s Society nel Regno Unito, afferma di essere “eccitato dal potenziale di questi risultati”.

“Mostrano che un approccio terapeutico inizialmente scoperto durante la ricerca sulla malattia da prione potrebbe anche funzionare per prevenire la morte delle cellule cerebrali in alcune forme di demenza”, aggiunge.

“Questa ricerca è in una fase molto precoce e non è ancora stata testata nelle persone – ma poiché uno dei farmaci è già disponibile come trattamento per la depressione, il tempo necessario per andare dal laboratorio alla farmacia potrebbe ridursi drasticamente.”

Scopri come inibire una specifica interazione proteica potrebbe aiutare a rallentare la progressione del morbo di Alzheimer.

Like this post? Please share to your friends: