Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Durata del sangue Più vicino a 3 settimane, studio

Le banche del sangue considerano sei settimane la durata standard del sangue per l’uso in trasfusione. Ora un nuovo studio di piccole dimensioni dagli Stati Uniti aggiunge ulteriori prove a suggerire che questa scala temporale dovrebbe essere ridotta a tre settimane, perché dopo che i globuli rossi nel sangue immagazzinato perdono la loro capacità di ossigenare ossigeno dove è più necessario.

Le cellule del tessuto rimangono vive perché ricevono continuamente ossigeno dai globuli rossi che devono penetrare attraverso i più piccoli capillari del corpo per raggiungerli.

Il capo dello studio Steven M. Frank, professore associato di anestesiologia e medicina di terapia intensiva presso la Johns Hopkins University School ofMedicine, e colleghi, ha scoperto che dopo tre settimane, i globuli rossi non sono abbastanza flessibili da spremere i piccoli vasi sanguigni.

Inoltre, anche dopo la trasfusione in pazienti, i globuli rossi nel sangue che sono rimasti sullo scaffale per più di tre settimane non riescono a riacquistare la flessibilità che avevano una volta.

Scrivono sulle loro scoperte online il 28 febbraio prima del numero di stampa della rivista Anesthesia & Analgesia.

Frank dice in una dichiarazione:

“Ci sono sempre più informazioni che ci dicono che la durata di conservazione del sangue potrebbe non essere di sei settimane, che è ciò che le banche del sangue considerano standard”.

Periodi di conservazione più brevi significherebbero trasportare scorte di sangue più piccole e le banche del sangue già non ne hanno abbastanza per tutti.

Ma nonostante questo, Frank suggerisce che le banche del sangue potrebbero dover ripensare alla loro attuale pratica di mantenere il sangue sullo scaffale per un massimo di sei settimane.

“Se dovessi fare un intervento chirurgico domani, vorrei il sangue più fresco che riuscissero a trovare”, aggiunge.

Un precedente studio pubblicato nel New England Journal of Medicine nel 2008, ha rilevato che i pazienti cardiochirurgici sottoposti a trasfusioni di sangue che erano stati sottoposti a depurazione per 2 settimane o meno presentavano tassi di complicanze e morte più bassi rispetto a quelli che avevano ricevuto sangue più vecchio.

Per il loro studio, Frank e colleghi hanno esaminato il sangue somministrato a 16 pazienti sottoposti a chirurgia di fusione spinale.

Dieci dei pazienti hanno ricevuto tre o meno unità di sangue, mentre gli altri sei ne hanno ricevuti cinque o più.

I ricercatori hanno prelevato un piccolo campione da ciascun sacchetto di sangue e misurato la rigidità dei loro globuli rossi.

Hanno anche prelevato campioni di sangue dai pazienti fino a tre giorni dopo l’intervento.

Hanno scoperto che i globuli rossi nel sangue di oltre tre settimane avevano maggiori probabilità di avere membrane cellulari più rigide. Frank dice che questa condizione è nota per rendere più difficile per i globuli rossi fornire ossigeno.

Questo era il caso anche quando il sangue era nel paziente, dove i globuli rossi donati sarebbero nel miglior ambiente per riparare la loro ferita: l’acidità corretta, i livelli di ossigeno ed elettroliti.

Frank dice che una volta che perdono la loro flessibilità, i globuli rossi probabilmente rimarranno così per il resto della loro vita, che è di circa 120 giorni in totale.

Un altro risultato interessante dello studio è che i ricercatori hanno scoperto che i pazienti che ricevevano meno unità di sangue avevano globuli rossi più sani in generale, indipendentemente da quanti anni avesse il sangue ricevuto.

Questo probabilmente significa che se il paziente non riceve troppe cellule danneggiate, la loro perdita di flessibilità è meno problematica di quanto non lo sia se il paziente ne sottoponga molte di loro, suggerisce Frank.

Attualmente sono in corso studi, uno negli Stati Uniti e l’altro in Canada, per verificare se il sangue vecchio è sicuro rispetto al sangue nuovo. Questi dovrebbero riportare i risultati a volte nel 2014.

Se questi studi multicentrici più ampi e randomizzati confermano i risultati di questo studio più piccolo, Frank sostiene che le banche del sangue dovrebbero probabilmente riconsiderare la durata del sangue che trasportano.

I fondi dell’istituto nazionale per l’invecchiamento e l’istituto nazionale per il cuore, le polmoni e il sangue dell’Istituto nazionale della salute hanno contribuito a pagare il risultato.

Scritto da Catharine Paddock PhD

Like this post? Please share to your friends: