Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

E-sigarette: gli adolescenti non dovrebbero usarli affatto

Un nuovo studio conferma che le sigarette elettroniche sono dannose per gli adolescenti e sollecita gli adolescenti a smettere di mettere a rischio la loro salute.

vaping adolescente

Le sigarette elettroniche (e-cigarette) sono dispositivi alimentati a batteria regolarmente utilizzati come alternativa più salutare alle sigarette normali.

Le sigarette elettroniche a volte contengono nicotina e talvolta utilizzano soluzioni prive di nicotina.

Offrono agli utenti una sensazione simile al fumo, ma non producono fumo. Invece, riscaldano l’e-liquid che contengono e creano vapore, ed è per questo che l’uso di questi dispositivi viene talvolta definito “vaping”.

Tuttavia, mentre molti utenti adulti optano per le sigarette elettroniche per liberarsi dall’abitudine al fumo, alcuni ricercatori hanno sollevato dubbi sul fatto che gli adolescenti possano usarli come porta d’accesso a questa stessa abitudine.

L’uso di sigarette elettroniche sembra essere popolare tra molti adolescenti, nonostante il fatto che la Food and Drug Administration (FDA) abbia vietato la vendita di tali dispositivi a persone sotto i 18 anni.

Ma una recente ricerca dell’Università della California, San Francisco, rivela ora che potremmo avere più di cui preoccuparci quando si tratta dell’uso da adolescenti delle sigarette elettroniche – oltre alla dipendenza e alla possibilità di passare alle sigarette tradizionali.

L’autore principale dello studio, il dott. Mark L. Rubinstein e il suo team, hanno scoperto che gli adolescenti che “svaniscono” possono esporsi a sostanze chimiche pericolose che sono state collegate al cancro. Le loro scoperte sono state pubblicate sulla rivista.

Tali sostanze tossiche, aggiungono i ricercatori, si trovano sia nelle sigarette elettroniche che in quelle tradizionali, e gli adolescenti devono essere consapevoli che anche optando per dispositivi senza nicotina, possono comunque mettersi in pericolo.

“Gli adolescenti devono essere avvertiti che il vapore prodotto dalle sigarette elettroniche non è un vapore acqueo innocuo, ma in realtà contiene alcune delle stesse sostanze tossiche presenti nel fumo delle sigarette tradizionali: gli adolescenti dovrebbero inalare aria, non i prodotti con tossine”.

Dr. Mark L. Rubinstein

Gli agenti cancerogeni minacciano la salute degli adolescenti

Per raggiungere le loro conclusioni, il Dr. Rubinstein e il team hanno raccolto e analizzato campioni di urine di 104 adolescenti, di età compresa tra 16,4 anni, in media.

Di questi, 67 erano utenti di sigarette elettroniche, 17 sigarette elettroniche usate e tradizionali e 20 non fumavano né svapavano (i controlli).

La loro analisi ha rivelato che gli adolescenti che hanno svapato avevano una concentrazione tre volte superiore di composti tossici nei loro corpi rispetto ai loro pari non vaping. Nel caso degli adolescenti che usavano sia sigarette di tabacco che e-sigarette, la concentrazione di sostanze chimiche tossiche nell’organismo era tre volte superiore rispetto a quella degli adolescenti che erano solo svapati.

“Le sigarette elettroniche”, afferma il Dr. Rubinstein, “sono commercializzate per gli adulti che cercano di ridurre o smettere di fumare come alternativa più sicura alle sigarette, mentre potrebbero essere utili agli adulti come forma di riduzione del danno, i bambini non dovrebbero usare loro affatto. “

Questo è stato il primo studio ad aver indagato sulla presenza di sostanze tossiche e cancerogene nei corpi degli utenti adolescenti di sigarette elettroniche. Alcuni dei prodotti chimici nocivi che gli scienziati hanno testato erano acrilonitrile, acroleina, propilene ossido, acrilammide e crotonaldeide – tutti elencati come cancerogeni o potenzialmente cancerogeni per l’uomo.

Alcune delle sostanze testate sono state rilevate nei corpi di adolescenti che usavano liquidi di sigaretta elettronica aromatizzati e senza nicotina. Questi includevano glicole propilenico e glicerolo, che, sebbene approvati dalla FDA, “possono formare composti cancerogeni se riscaldati”.

“Quando sono riscaldati alle alte temperature richieste per la vaporizzazione, possono produrre sostanze tossiche potenzialmente cancerogene”, osserva il dott. Rubinstein.

Gli autori dello studio concludono che “[A] s con le sigarette tradizionali, i messaggi agli adolescenti devono includere avvertenze sul potenziale rischio di esposizione tossica a composti cancerogeni generati da questi prodotti”.

Like this post? Please share to your friends: