Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

E-sigarette: quanto sono sicuri per la salute cardiovascolare?

Sempre più persone si rivolgono alle e-sigarette pensando di essere un’alternativa sicura alle sigarette tradizionali a base di tabacco. Ma sono veramente? Un nuovo studio indaga.

vaper

I ricercatori della West Virginia University (WVU) di Morgantown hanno esaminato l’impatto dell’esposizione acuta ea lungo termine alle e-cigs (e-cigs) sulla salute cardiovascolare dei topi.

Gli scienziati hanno ipotizzato che l’esposizione acuta e cronica ai vapori di e-cigs provocherebbe un livello di disfunzione cardiovascolare paragonabile a quello delle sigarette convenzionali.

I risultati sono stati presentati al Convegno Cardiovascular Aging: New Frontiers and Old Friends – tenutosi a Westminster, CO – dal primo autore dello studio Mark Olfert, Ph.D., professore associato presso la School of Medicine della WVU.

Le e-cigs non dovrebbero essere viste come sicure

Il Prof. Olfert e il team hanno esaminato quattro topi femmina che sono stati esposti ad e-cigs acutamente (una singola esposizione che è durata per 5 minuti) e sei topi femmina che sono stati esposti a e-cigs cronicamente (per 4 ore al giorno per 5 giorni alla settimana , per 8 mesi). Le e-cig che usavano erano al gusto di cappuccino e contenevano 18 milligrammi di nicotina per millilitro.

I ricercatori hanno esaminato il diametro e la vasodilatazione delle loro arterie – cioè la capacità dei vasi sanguigni di allargarsi e contrarsi. Utilizzando una tecnica chiamata microscopia intravitale, i ricercatori hanno valutato la reattività delle arteriole, che sono piccoli rami delle arterie che portano nei capillari.

Il Prof. Olfert e il team hanno anche esaminato la rigidità aortica, un marker di malattia cardiovascolare in cui l’aorta, l’arteria principale del cuore, perde elasticità. La rigidità aortica si presenta solitamente con l’invecchiamento.

Gli scienziati hanno utilizzato l’ecografia Doppler per valutare la velocità dell’onda del polso, spesso chiamata “gold standard” per la valutazione della rigidità aortica.

Lo studio ha rilevato che entro un’ora dall’esposizione a 5 minuti di vapore di e-cig, le arterie si restringevano del 31%. L’esposizione cronica a lungo termine agli e-cigs ha provocato anche rigidità aortica, che era due volte e mezzo più alta in quel gruppo rispetto al gruppo di controllo, che era esposto solo all’aria filtrata.

Inoltre, l’esposizione acuta ha comportato anche una diminuzione del 9% nella vasodilatazione. Il massimo rilassamento aortico ottenuto in reazione alla metacolina – un test comunemente usato per determinare se un paziente ha o meno l’asma – era del 90% nel gruppo di controllo, ma questo si riduceva al 70% nel gruppo di esposizione cronica all’e-cig.

Gli autori concludono che le e-cigs hanno serie conseguenze negative sulla salute cardiovascolare. In particolare, l’esposizione alle e-cigs sembra portare all’invecchiamento precoce dei vasi sanguigni.

“I nostri dati forniscono le prime prove che dimostrano che una singola esposizione acuta ha effetti negativi sulla funzione vascolare in vivo e che l’esposizione cronica accelera in modo significativo l’aumento associato all’età nella rigidità aortica e altera significativamente la vasodilatazione aortica endoteliale-dipendente”.

L’endotelio è una membrana sottile che può essere trovata all’interno del cuore e dei vasi sanguigni. Se l’endotelio non funziona correttamente, significa che i vasi sanguigni non possono dilatarsi come dovrebbero.

Pertanto, sia la funzione endoteliale che la disfunzione sono considerati fattori predittivi significativi di ictus e attacchi cardiaci. Gli autori avvertono che le e-cigs non dovrebbero essere viste come sicure.

“Questi dati indicano che le e-cigs non dovrebbero essere considerate sicure”, scrivono gli autori, “e che inducono effetti deleteri significativi sulla funzione endoteliale nella vascolarizzazione centrale e periferica”.

Like this post? Please share to your friends: