Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Ebola: cosa devi sapere

La malattia da virus Ebola è una condizione grave, spesso fatale, negli esseri umani e nei primati non umani. L’ebola è una delle numerose febbri emorragiche virali, causate dall’infezione con un virus della famiglia, genere.

Il tasso di mortalità di Ebola varia a seconda del ceppo. Ad esempio, l’Ebola-Zaire può avere un tasso di mortalità fino al 90% mentre l’Ebola-Reston non ha mai causato una fatalità negli esseri umani.

L’infezione viene trasmessa dal contatto diretto con sangue, fluidi corporei e tessuti di animali o persone infetti. I pazienti gravemente malati richiedono un’intensa terapia di supporto. La malattia da virus Ebola (EVD) è spesso caratterizzata dall’insorgenza improvvisa di febbre, intensa debolezza, dolore muscolare, mal di testa e mal di gola.

L’ebola tende a diffondersi rapidamente attraverso le famiglie e gli amici poiché sono esposti a secrezioni infettive quando si prende cura di un individuo malato. L’intervallo di tempo tra l’infezione da Ebola e l’insorgenza dei sintomi varia da 2 a 21 giorni.

Fatti veloci su Ebola:

  • L’ebola è considerato un virus zoonotico, il che significa che ha avuto origine negli animali e poi si è diffuso agli esseri umani.
  • Attualmente non esiste un vaccino disponibile per l’Ebola, anche se molti sono in via di sviluppo.
  • Un vaccino, denominato Ebola ça suffit, è risultato efficace al 100% in uno studio che ha coinvolto 4.000 persone in Guinea.

Sintomi di Ebola

L’intervallo di tempo tra l’infezione da Ebola e l’insorgenza dei sintomi è di 2-21 giorni, sebbene siano più frequenti 8-10 giorni. Segni e sintomi includono:

  • febbre
  • mal di testa
  • dolori articolari e muscolari
  • debolezza
  • diarrea
  • vomito
  • mal di stomaco
  • mancanza di appetito

Alcuni pazienti possono sperimentare:

  • eruzione cutanea
  • occhi rossi
  • singhiozzo
  • tosse
  • gola infiammata
  • dolore al petto
  • respirazione difficoltosa
  • difficoltà a deglutire
  • sanguinamento all’interno e all’esterno del corpo

Gli esami di laboratorio possono mostrare bassi livelli di globuli bianchi e piastrine e elevati livelli di enzimi epatici. Finché il sangue e le secrezioni del paziente contengono il virus, sono infettivi. Infatti, il virus Ebola è stato isolato dallo sperma di un uomo infetto 61 giorni dopo l’inizio della malattia.

Quali sono i trattamenti per l’Ebola?

Ricercatore che esamina un microscopio.

Non esiste attualmente un vaccino con licenza disponibile per Ebola. Diversi vaccini sono in fase di test, ma al momento nessuno è disponibile per uso clinico.

Al momento, il trattamento per Ebola è limitato a cure intensive di supporto e include:

  • bilanciamento dei liquidi e degli elettroliti del paziente
  • mantenendo il loro stato di ossigeno e pressione sanguigna
  • curare un paziente per eventuali infezioni complicate

Vaccini contro l’ebola

Nell’ottobre 2014, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha organizzato una consultazione di esperti per valutare, testare e alla fine rilasciare due vaccini promettenti per l’Ebola:

  • cAd3-ZEBOV – GlaxoSmithKline ha sviluppato questo vaccino in collaborazione con l’Istituto Nazionale degli Stati Uniti di allergie e malattie infettive (NIH). Utilizza un vettore di adenovirus derivato da scimpanzé con un gene del virus Ebola inserito.
  • rVSV-ZEBOV – questo è stato sviluppato dalla Public Health Agency del Canada a Winnipeg con NewLinkGenetics, un’azienda con sede ad Ames, IA. Il vaccino utilizza un virus indebolito trovato nel bestiame; uno dei suoi geni è stato sostituito da un gene del virus Ebola.

Il 31 luglio 2015 sono stati pubblicati i risultati preliminari di uno studio sui vaccini finanziato e organizzato dall’OMS; il vaccino Ebola ca Suffit ha avuto il 100 per cento di efficacia nel processo, che ha avuto luogo in Guinea e ha coinvolto 4.000 persone. I risultati completi di questo studio sono stati pubblicati a febbraio 2017.

Il prossimo passo è rendere disponibili questi vaccini il prima possibile – e in quantità sufficienti – per proteggere i lavoratori critici in prima linea e fare la differenza nell’evoluzione futura dell’epidemia.

Prevenzione dell’ebola

Non è ancora noto come le persone siano infette da Ebola, quindi fermare l’infezione è ancora difficile. Prevenire la trasmissione è realizzato da:

  • assicurando che tutti gli operatori sanitari indossino indumenti protettivi
  • implementare misure di controllo delle infezioni, come la completa sterilizzazione delle attrezzature e l’uso di routine del disinfettante
  • isolamento dei pazienti di Ebola dal contatto con persone non protette

La completa sterilizzazione e il corretto smaltimento degli aghi negli ospedali sono essenziali per prevenire ulteriori infezioni e arrestare la diffusione di un focolaio.

L’ebola tende a diffondersi rapidamente attraverso le famiglie e tra gli amici in quanto sono esposti a secrezioni infettive quando si prende cura di un individuo malato. Il virus può diffondersi rapidamente anche all’interno delle strutture sanitarie per lo stesso motivo, sottolineando l’importanza di indossare dispositivi di protezione adeguati, come maschere, camici e guanti.

Insieme all’OMS, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno sviluppato una serie di linee guida per aiutare a prevenire e controllare la diffusione di Ebola – Controllo delle infezioni per le febbri emorragiche virali nel contesto sanitario africano.

Che cosa causa l’ebola?

L’ebola è causata da virus in e famiglia. L’ebola è considerata una zoonosi, il che significa che il virus è presente negli animali e viene trasmesso all’uomo.

In che modo questa trasmissione si verifica all’inizio di un’epidemia negli esseri umani è sconosciuta.

In Africa, le persone hanno sviluppato l’Ebola dopo aver toccato animali infetti trovati malati o morti, tra cui scimpanzé, gorilla, pipistrelli della frutta, scimmie, antilopi forestali e istrici.

La trasmissione da persona a persona avviene dopo che qualcuno infettato diventa sintomatico. Poiché possono svilupparsi sintomi compresi tra 2 e 21 giorni, una persona con Ebola potrebbe essere stata in contatto con centinaia di persone, motivo per cui un focolaio può essere difficile da controllare e può diffondersi rapidamente.

Come avviene la trasmissione dell’ebola negli esseri umani?

trasmissione di Ebola

La trasmissione dell’ebola tra gli esseri umani può avvenire attraverso:

  • Contatto diretto attraverso la pelle rotta e le mucose con sangue, secrezioni, organi o altri fluidi corporei di persone infette.
  • Contatto indiretto con ambienti contaminati da tali fluidi.
  • Esposizione a oggetti contaminati, come aghi.
  • Le cerimonie di sepoltura in cui le persone in lutto hanno un contatto diretto con il corpo del defunto.
  • Esposizione allo sperma di persone con Ebola o che hanno recuperato dalla malattia – il virus può ancora essere trasmesso attraverso lo sperma fino a 7 settimane dopo il recupero dalla malattia.
  • Contatto con pazienti con EVD sospetto o confermato – gli operatori sanitari sono stati spesso infettati mentre curavano i pazienti.

Non ci sono prove che l’Ebola possa diffondersi tramite punture di insetti.

Qual è la storia di Ebola?

Una mappa dell'Africa occidentale

I primi casi di Ebola furono riportati simultaneamente nel 1976 a Yambuku, vicino al fiume Ebola nello Zaire (ora Repubblica Democratica del Congo) ea Nzara, in Sudan.

Da allora, eruzioni o casi asintomatici di Ebola negli uomini e negli animali sono emersi a intermittenza nei seguenti luoghi a causa di epidemie, contaminazione di laboratorio e incidenti:

  • La Repubblica Democratica del Congo (RDC)
  • Sudan (Sudan del Sud)
  • Senegal
  • Regno Unito
  • Stati Uniti (Stati Uniti)
  • Filippine
  • Italia
  • Spagna
  • Gabon
  • Costa d’Avorio
  • Sud Africa
  • Russia
  • Uganda
  • Guinea
  • Liberia
  • Sierra Leone

L’epidemia di Ebola del 2014 è stata la più grande nella storia, colpendo principalmente la Guinea, la Liberia settentrionale e la Sierra Leone. Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) stima che l’epidemia abbia provocato oltre 11.000 morti, quasi tutte nell’Africa occidentale.

Negli Stati Uniti, i rapporti indicano che ci sono stati due casi importati, tra cui un decesso e due casi acquisiti localmente in operatori sanitari.

Un piccolo numero di casi sono stati segnalati in Nigeria, Mali e Senegal, con le autorità sanitarie in grado di contenere questi casi e prevenire un’ulteriore diffusione.

Fattori di rischio per l’epidemia di Ebola

Il rischio di contrarre l’Ebola è basso. C’è un rischio maggiore di contrarre l’infezione quando:

  • In viaggio verso le aree dell’Africa dove sono stati confermati casi di Ebola.
  • Condurre ricerche sugli animali con scimmie importate dall’Africa o dalle Filippine.
  • Fornire assistenza medica o personale a persone che potrebbero essere state esposte all’ebola.
  • Preparare persone per la sepoltura che sono state infettate dall’ebola.

Test e diagnosi

Secondo l’OMS, i campioni di pazienti con Ebola rappresentano un rischio estremo di rischio biologico. I test dovrebbero essere condotti in condizioni di massimo contenimento biologico.

Prima di poter diagnosticare l’Ebola, è necessario escludere altre malattie e, se si sospetta l’ebola, il paziente deve essere isolato. I professionisti della salute pubblica dovrebbero essere informati immediatamente. Le infezioni da virus Ebola possono essere diagnosticate in modo definitivo in laboratorio attraverso diversi tipi di test, tra cui:

  • Test con saggio di immunoassorbimento enzimatico (ELISA) con cattura di antigene.
  • IgM ELISA.
  • Reazione a catena della polimerasi (PCR).
  • Isolamento del virus

Negli stadi più avanzati della malattia o dopo il recupero, la diagnosi viene effettuata usando anticorpi IgM e IgG. L’ebola può essere diagnosticata retrospettivamente nei pazienti deceduti con altre forme di test.

Like this post? Please share to your friends: