Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Eczema per bambini trattato con successo con bagni di candeggina diluiti

Scienziati negli Stati Uniti hanno scoperto che somministrare ai bambini con bagni ecologici regolari eczemi di candeggina diluita riduceva la gravità clinica della condizione nei casi di infezione batterica secondaria.

Lo studio è stato il lavoro della dott.ssa Amy S Paller, del professor Walter J. Hamlin e della cattedra di dermatologia e professore di pediatria presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine, a Chicago, nell’Illinois.

Paller, che è anche un medico curante al Chicago Children’s Memorial Hospital, dove è stata condotta la ricerca, ha detto alla stampa che rispetto ai bambini trattati con placebo, i bambini nei bagni di candeggina hanno sperimentato una riduzione cinque volte della gravità dell’eczema in uno o tre mesi.

Circa il 17% dei bambini è affetto da eczema e un eczema cronico grave può rovinare un’infanzia. All’inizio la pelle è arrossata, infiammata e pruriginosa, ma i bambini graffiano, la condizione progredisce fino a quando la pelle è cruda e croccante e spesso viene infettata da batteri difficili da trattare, in particolare l’MRSA (Staphylococcus aureus meticillino-resistente). Il risultato è la sofferenza, il sonno disturbato e spesso una scarsa concentrazione influisce sulle prestazioni scolastiche.

Gli antibiotici utilizzati per via orale e per la pelle sono i metodi più comuni per trattare la condizione, ma ai medici non piace usarli, specialmente nei bambini, perché hanno la possibilità che i batteri sviluppino resistenza.

Paller ha detto:

“Abbiamo a lungo lottato con infezioni da stafilococco in pazienti con eczema.”

Ha detto che più dei due terzi dei pazienti con eczema mostrano segni di stafilococco sulla loro pelle, i batteri che più comunemente causano l’infezione e peggiora l’eczema.

“Questo studio dimostra che la semplice candeggina per uso domestico, che riteniamo riduca lo stafilococco sulla pelle, può aiutare questi bambini”, ha spiegato.

Per lo studio randomizzato, in cieco, controllato con placebo, Paller e colleghi hanno cercato di scoprire quanto fosse comune per i pazienti la dermatite witopopica (eczema cronico) anche essere infettata con MRSA acquisito in comunità e se sopprimere la sua diffusione con candeggina (sodio ipoclorito ) i bagni e la mupirocina intranasale (un antibiotico commercializzato con i marchi Bactroban e Centany) ridurrebbe la gravità dell’eczema.

Hanno reclutato 31 pazienti di età compresa tra 6 mesi e 17 anni, tutti con dermatite atopica da moderata a grave e presentavano segni clinici di infezione batterica. Tutti i pazienti hanno assunto cephalexin (un antibiotico di prima linea per le condizioni della pelle, commercializzato come Keflex e Sporidex) per 14 giorni prima di essere assegnato in modo casuale al gruppo trattato o al gruppo placebo.

Per tre mesi, i partecipanti al gruppo di trattamento hanno fatto il bagno in ipoclorito di sodio diluito (candeggina) e hanno ricevuto un trattamento ungueale per mupirocina intranasale, mentre i partecipanti al gruppo placebo avevano un trattamento con pomata alla petrana intranasale e bagni di acqua naturale. Tutti i partecipanti sono stati istruiti a tosoak nei loro bagni per un massimo di 10 minuti due volte a settimana per tre mesi.

La principale misura per i risultati è stata il punteggio dell’Eczema Area e Severity Index.

I risultati hanno mostrato che:

  • La prevalenza di MRSA acquisito in comunità in questo studio (7,4 per cento delle colture cutanee S aureus positive e 4 per cento delle colture nasali S aureuspositive testate positive per MRSA) era molto inferiore a quella della popolazione generale come determinato da colture possedute al Children’sMemorial Hospital (dal 75 all’85 percento).
  • I pazienti nel gruppo di trattamento hanno mostrato una riduzione media significativamente maggiore rispetto al basale (prima e dopo i punteggi) nei punteggi di Eczema Area e SeverityIndex rispetto al gruppo placebo, entrambi alla valutazione di 1 e 3 mesi.
  • Tuttavia, i punteggi per la testa e il collo (non sono stati immersi durante i bagni di candeggina) non sono diminuiti nel gruppo di trattamento rispetto al gruppo placebo.
  • Solo gli altri siti del corpo hanno mostrato riduzioni significative dei punteggi di gravità per il gruppo di trattamento rispetto al gruppo placebo alla valutazione 1 e 3 mesi.

Paller e colleghi hanno concluso che:

“L’uso cronico di bagni diluiti di candeggina con applicazione intranasale intermittente di pomata di mupirocina ha ridotto la gravità clinica della dermatite atopica [eczema cronico] in pazienti con segni clinici di infezioni batteriche secondarie”.

“I pazienti con dermatite atopica non sembrano avere una maggiore suscettibilità alle infezioni o alla colonizzazione con ceppi resistenti di S aureus”, hanno aggiunto.

In una dichiarazione a parte, Paller disse che i bagni erano sorprendentemente inodori, presumibilmente perché la candeggina era così diluita (usavano circa mezzo bicchiere di candeggina per ogni vasca standard).

“Nelle nostre cliniche, nessuno aveva l’odore appena uscito dalla piscina”, ha detto.

I ricercatori hanno interrotto lo studio precocemente perché il miglioramento nel gruppo di trattamento era così drammatico che volevano che il gruppo placebo avesse la possibilità di ottenere lo stesso sollievo. Paller ha detto che l’eczema “continuava a migliorare con i bagni di candeggina e questi bagni lo impedivano dal flaring di nuovo, che è un problema in corso per questi bambini. “

“Presumiamo che la candeggina abbia proprietà antibatteriche e diminuisca il numero di batteri sulla pelle, che è uno dei fattori trainanti delle riacutizzazioni”, ha spiegato.

La candeggina è stata usata con successo dagli ospedali per ridurre l’MRSA, ha detto Paller, motivo per cui hanno pensato che potesse funzionare per l’eczema.

La differenza nei risultati a seconda che la testa e il collo o altre parti del corpo siano state valutate è considerata un’ulteriore prova del fatto che il bagno di candeggina era efficace, dal momento che i bambini non mettevano la testa sott’acqua quando si lavavano.

Paller suggerisce che i bambini che hanno l’eczema e usano questo metodo chiudono gli occhi, la bocca e la schiacciata sott’acqua per aiutare a migliorare le lesioni sul loro viso, testa e collo. Ha detto che nella sua pratica hanno scoperto che anche i bagni quotidiani con candeggina diluita sono ben tollerati.

Ha detto che i bagni di candeggina potrebbero anche aiutare le persone con infezione da stafilococco frequente, con o senza eczema o meno, e gli adulti con eczema e infezioni ricorrenti.

Gli scienziati dicono che ci sono ancora più domande che risposte riguardo all’eczema, ma suggeriscono che probabilmente è causato da una predisposizione genetica che viene stimolata da fattori ambientali come inquinanti urbani e tossine e / o allergie.

“Il trattamento della colonizzazione di Staphylococcus aureus nella dermatite atopica riduce la gravità della malattia”.
Jennifer T. Huang, Melissa Abrams, Brook Tlougan, Alfred Rademaker e Amy S. Paller.
Pediatrics, maggio 2009; 123: e808 – e814.
doi: 10,1542 / peds.2008-2217

Altre fonti: Northwestern University.

Scritto da: Catharine Paddock, PhD

Like this post? Please share to your friends: