Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Electronic Eye Implant dà speranza ai non vedenti

Risultati promettenti hanno dimostrato che i pazienti ciechi hanno riacquistato la vista con un microchip sub-retinale, secondo la prima parte della seconda sperimentazione clinica per il dispositivo che si svolge in Germania.

I pazienti coinvolti nello studio, pubblicati negli Atti della Royal Society, furono accecati dalla retinite pigmentosa (RP) e usarono l’impianto dentro e fuori le loro case.

La retinite pigmentosa è uno dei più comuni tipi di degenerazione della retina ereditaria e colpisce circa 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. È una condizione progressiva, che peggiora nel tempo e causa gravi problemi alla vista con l’avanzare dell’età. Le protesi retiniche danno speranza ai pazienti con RP di riacquistare la vista.

I partecipanti hanno documentato la possibilità di leggere le lettere senza inibizioni, decifrare oggetti diversi come telefoni, riconoscere volti e leggere segni sulle porte.

L’occhio elettronico è stato prodotto da Retina Implant AG ed è un microchip da 3 mm x 3 mm che ha circa 1.500 elettrodi. È impiantato sotto la retina creando una visione artificiale.

Il chip ha bisogno di energia elettrica per funzionare. Acquisisce potenza induttiva da bobine trasmittenti messe sotto la pelle. L’impianto retinico assorbe quindi la luce che entra nell’occhio, trasformandola in energia elettrica, stimolando i nervi intatti all’interno della retina.

La stimolazione viene poi trasmessa al cervello attraverso il nervo ottico, con conseguente miglioramento del campo visivo.

In questo studio, la maggior parte dei nove pazienti tedeschi è stata in grado di riprendere visione funzionale con il loro impianto sub-retinale. I soggetti sono stati seguiti durante un periodo di osservazione di tre-nove mesi.

Il professor Eberhart Zrenner, M.D., ricercatore capo dello studio clinico, Institute for Ophthalmologic Research presso l’University Eye Hospital di Tuebingen, in Germania, ha dichiarato:

“I risultati del nostro primo trial clinico sull’uomo hanno superato le nostre aspettative e siamo ulteriormente incoraggiati dai risultati del secondo trial sull’uomo. Come medici, siamo costantemente alla ricerca delle migliori opzioni di trattamento per i nostri pazienti più bisognosi, che sicuramente comprende coloro che soffrono di retinite pigmentosa in stadio avanzato e questa ricerca fornisce ulteriori prove del fatto che la nostra tecnologia implantare subretinica può aiutare alcuni pazienti con degenerazione retinica a riacquisire la vista funzionale e lo fa in un modo che non richiede attrezzature visibili esternamente “.
La scorsa settimana, la FDA (Food and Drug Administration) ha approvato il sistema di protesi retinica Argus II, il primo impianto retinico ad essere approvato negli Stati Uniti. Il dispositivo aiuta i pazienti con retinite pigmentosa avanzata a riacquistare il senso della vista. Il dispositivo è costituito da una piccola videocamera, una VPU (unità di elaborazione video), un trasmettitore montato su un paio di occhiali e una protesi retinica impiantata (retina artificiale).

In uno studio separato pubblicato l’anno scorso, è stato riportato che una dieta ricca di omega 3 rallenta la progressione della retinite pigmentosa.

Scritto da Kelly FItzgerald

Like this post? Please share to your friends: