Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Elenchi di studio 33 alimenti dimostrati per alleviare l’artrite reumatoide

Una revisione della ricerca esistente, pubblicata sulla rivista, elenca gli alimenti che hanno dimostrato di alleviare i sintomi dell’artrite reumatoide a lungo termine.

prugne secche

L’artrite reumatoide è una malattia autoimmune che colpisce circa 1,3 milioni di adulti negli Stati Uniti.

Il fatto che si tratti di una malattia autoimmune significa che il corpo non riconosce le proprie cellule sane e le attacca come se fossero estranee. Ciò causa infiammazione alle articolazioni, che si traduce in rigidità, gonfiore, dolore e talvolta anche deformità.

I cosiddetti farmaci antireumatici modificanti la malattia sono normalmente la prima linea di trattamento per questa condizione, per la quale al momento non esiste una cura nota.

Se una persona che vive con l’artrite reumatoide non reagisce bene a questi farmaci, i cosiddetti modificatori della risposta biologica, o “biologici”, sono l’opzione di trattamento di seconda linea.

Tuttavia, come sottolineano gli autori della nuova revisione, i biologici sono costosi e possono avere seri effetti collaterali.

Così, i ricercatori del Kalinga Institute of Industrial Technology (KIIT) di Bhubaneswar, in India, hanno deciso di esplorare alternative dietetiche ai farmaci.

La dott.ssa Bhawna Gupta, insieme a Shweta Khanna e Kumar Sagar Jaiswal presso il laboratorio di biologia della malattia della KIIT presso la School of Biotechnology, ha esaminato “la ricerca di diversi esperimenti di laboratorio in condizioni diverse”.

Hanno ridotto le loro scoperte a 33 alimenti che hanno dimostrato di attenuare i sintomi dell’artrite reumtoide e rallentare la progressione della malattia.

Lo studio è solo il secondo a effettuare una valutazione dietetica globale per questa malattia, e questi ricercatori hanno selezionato rigorosamente gli alimenti che hanno dimostrato chiaramente di avere benefici duraturi.

“Supportare la gestione della malattia attraverso il cibo e la dieta non pone alcun effetto collaterale dannoso ed è relativamente economico e facile”, spiega il dott. Gupta.

Cereali integrali, legumi, frutta e spezie

Gli autori elencano gli alimenti raggruppandoli in otto categorie: frutta, cereali, legumi, cereali integrali, spezie, erbe, oli e “miscellanea”.

I frutti includono prugne, pompelmi, uva, mirtilli, banane, melograno, mango, pesche e mele. I cereali includono farina d’avena integrale, pane integrale e riso integrale, mentre la sezione di cereali integrali aggiunge mais, segale, orzo, miglio, sorgo e scagliola al mix.

Le spezie – tra cui la curcuma e lo zenzero – l’olio d’oliva, l’olio di pesce, il tè verde e lo yogurt sono anche tra quelli elencati come benefici. Questi possono ridurre il livello di citochine o sostanze secrete dalle cellule immunitarie che possono causare infiammazione nelle persone con artrite reumatoide e ridurre lo stress ossidativo, migliorando così la capacità del corpo di combattere le tossine.

“Il consumo regolare di specifiche fibre alimentari, verdure, frutta e spezie, nonché l’eliminazione di componenti che causano infiammazione e danni”, afferma Dr Gupta, “può aiutare i pazienti a gestire gli effetti dell’artrite reumatoide”.

“Incorporare i probiotici nella dieta può anche ridurre la progressione e i sintomi di questa malattia”, aggiunge.

“I pazienti che soffrono di artrite reumatoide dovrebbero passare da diete onnivore, alcol e fumo a [aderendo a] diete mediterranee, vegane, elementali o di eliminazione, come consigliato dal loro medico o dietologo”.

Dr. Bhawna Gupta

“La nostra revisione si concentra su specifici componenti dietetici e sostanze fitochimiche da alimenti che hanno un comprovato effetto benefico sull’artrite reumatoide”, afferma Dr Gupta.

I ricercatori suggeriscono anche che le loro scoperte potrebbero essere utilizzate per sviluppare farmaci alternativi.

“Le aziende farmaceutiche possono usare queste informazioni per formulare” nutraceutici “. I nutraceutici hanno un vantaggio rispetto alle medicine chimicamente adattate in quanto non sono associati ad alcun effetto collaterale, derivano da fonti naturali e sono più economici “, spiega il dott. Gupta.

Tuttavia, gli autori avvertono anche le persone con artrite reumatoide contro l’incorporazione di questi alimenti nella loro dieta troppo prontamente o da soli.

“I componenti dietetici variano in base alla geografia e alle condizioni meteorologiche”, afferma il dott. Gupta, “quindi i pazienti devono essere consapevoli delle loro esigenze nutrizionali, delle allergie e di qualsiasi altra storia di malattia correlata al cibo.”

“Suggeriamo fortemente [che] il pubblico generale consulti medici e dietologi prima di seguire qualsiasi programma dietetico o composti alimentari discusso nello studio”, conclude.

Like this post? Please share to your friends: