Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Empatia: perché ci importa?

L’empatia è una preziosa risorsa morale e sociale. Ci aiuta a formare amicizie, a prenderci cura dei bisognosi e non essere crudeli. Ma cosa succede nel nostro cervello quando ci immedesimiamo? La neuroscienza può aiutarci a spiegare perché ci interessa?

persona che abbraccia un'altra persona

Il 13 settembre 1848, in un incidente di costruzione di una ferrovia, un’esplosione guidò una verga di ferro attraverso il cranio di Phineas Gage, un caporeparto di 25 anni.

L’uomo sopravvisse e continuò a vivere per altri 12 anni, ma a quanto riferito l’incidente lo trasformò in una persona rude e sconsiderata.

Ecco come il medico di Gage descriveva i cambiamenti nel comportamento del suo paziente: “È irrequieto, irriverente, indulgendo a volte nelle parolacce più grossolane (cosa che prima non era sua abitudine), manifestando una piccola deferenza per i suoi simili, impaziente di limitarsi ai consigli quando è in conflitto con i suoi desideri. “

“A questo proposito, la sua mente è stata radicalmente cambiata, così decisamente che i suoi amici e conoscenti hanno detto che non era più” Gage “, ha aggiunto il medico.

Sebbene il termine “empatia” non sia stato coniato fino a 60 anni dopo, l’incidente ha mostrato agli scienziati che la capacità di condividere i sentimenti di un’altra persona ha profonde radici neurologiche.

Nel suo libro, Simon Baron-Cohen – un professore di psicologia dello sviluppo all’Università di Cambridge nel Regno Unito – spiega come la moderna neuroscienza abbia contribuito a chiarire quel caso del diciannovesimo secolo.

Più di 100 anni dopo, utilizzando moderne macchine MRI funzionali (fMRI), i ricercatori hanno accertato che la barra di ferro era penetrata in un’area cerebrale nota come la corteccia prefrontale ventromediale (vMPFC).

Come spiega il Prof. Baron-Cohen, questa è una delle 10 aree cerebrali coinvolte nel circuito neurale “responsabile” della creazione di empatia. Ferendo un elemento chiave di questo circuito cerebrale, l’incidente ha privato Gage della capacità di provare empatia.

Quindi, le neuroscienze possono aiutare a spiegare perché alcuni di noi sono rispettosi verso i nostri simili, mentre altri no? Se é cosi, come? Diamo un’occhiata ad alcune delle altre regioni del cervello che sono state trovate per influenzare la nostra capacità di empatia.

Il circuito cerebrale di empatia

il cervello del phineas gage

Nel suo libro, il prof. Baron-Cohen ci guida attraverso il circuito cerebrale coinvolto nell’empatia. Dice che esiste un consenso neuroscientifico secondo cui l’empatia si verifica in almeno 10 aree cerebrali, con altre scoperte.

Come ha rivelato la moderna tecnologia di scansione cerebrale, molte di queste stesse aree cerebrali si attivano non solo quando proviamo una sensazione o sentiamo noi stessi, ma anche quando vediamo altre persone che lo provano.

Il primo “stop” sul circuito è la corteccia prefrontale mediale (MPFC), cioè il “centro sociale” del nostro cervello. Come spiega il prof. Baron-Cohen, l’MPFC dorsale ha dimostrato di essere coinvolto nel pensare ai pensieri e ai sentimenti altrui come pure ai nostri, mentre l’MPFC ventrale sembra essere molto attivo quando le persone pensano a se stessi più degli altri.

Il vMPFC può avere anche altri ruoli. Antonio Damasio, del Dipartimento di Neurologia dell’Università dell’Iowa College of Medicine di Iowa City, ha suggerito che il nostro vMPFC potrebbe agire come una banca emotiva che attacca e immagazzina la valenza emotiva a determinate azioni.

Ad esempio, quando viene confrontato con immagini violente o dolorose, il vMPFC viene attivato e provoca cambiamenti fisiologici nel corpo, come l’aumento della frequenza cardiaca. Ma come mostra Damasio, i pazienti con lesioni in quest’area sono meno sensibili a tali immagini in questo modo.

Il vMPFC si sovrappone alla cosiddetta corteccia orbitofrontale. Il Prof. Baron-Cohen e il suo team sono stati i primi a dimostrare che le persone con ferite in quest’area hanno difficoltà a capire quando qualcuno ha commesso un passo falso sociale o tendono a diventare socialmente disinibito – più o meno allo stesso modo di Phineas Gage.

Avanti sul circuito di empatia è il giro frontale inferiore (IFG). Gli studi hanno dimostrato che i pazienti con danni in quest’area hanno difficoltà a riconoscere le emozioni sui volti di altre persone.

Inoltre, i ricercatori hanno trovato una correlazione positiva tra quanto le persone hanno ottenuto punteggi sulla scala del quoziente di empatia e quanto fosse attiva la loro IFG quando guardavano le espressioni emotive.

Proprio come l’IFG, l’amigdala è anche coinvolta nel riconoscere le espressioni facciali. Una parte fondamentale del nostro sistema limbico, l’amigdala è essenziale per l’apprendimento emotivo, e un famoso caso neurologico ha dimostrato che il danno all’amigdala può lasciare un paziente senza la capacità di riconoscere espressioni paurose.

Allo stesso modo, i neuroni nella corteccia cingolata anteriore caudale (cACC) sono stati mostrati dalla fMRI per “illuminare” quando una persona sperimenta dolore, così come quando si trovano nel dolore. L’insula anteriore viene attivata anche in circostanze simili.

Entrambe queste aree sembrano consentirci di metterci nei panni di un’altra persona, o come il Dr. John Lewis mette nel video qui sotto, per “modellare” l’esperienza dolorosa di un’altra persona nella nostra testa.

La giusta giunzione tempoparietale (RTPJ), prosegue il Prof. Baron-Cohen nel suo libro, sembra profondamente coinvolta in quello che i filosofi hanno definito “la teoria della mente” – cioè il processo di attribuzione delle intenzioni a un’altra persona.

È interessante notare che alcuni esperimenti hanno dimostrato che il danno in quest’area può dare alla gente la strana sensazione spettrale che qualcun altro sia presente nella stanza anche quando non lo è.

Accanto all’RTPJ è il solco temporale posteriore superiore, che è una regione del cervello che ci consente di seguire la direzione dello sguardo di qualcun altro. Un’altra area chiave per l’empatia è la corteccia somatosensoriale, che viene attivata anche quando qualcuno vede un’altra persona nel dolore fisico, così come quando noi stessi abbiamo un’esperienza tattile.

Infine, la nostra empatia sarebbe compromessa senza la nostra rete di “neuroni specchio”. Questo consiste dell’IFG e dell’opercolo frontale (situato appena sopra l’IFG), che si collega al lobulo parietale inferiore (IPL) e al solco parietale inferiore (situato dietro l’IPL).

I neuroni specchio sono cellule cerebrali che si attivano quando imitiamo le azioni di qualcun altro. Questi sono responsabili per l ‘”effetto camaleonte” o per il fenomeno del contagio emotivo – sia che sbadigli involontariamente o sorrida quando vediamo sorridere qualcun altro.

Recenti scoperte e enigmi irrisolti

Le scoperte più recenti completano il ricco arazzo neuroscientifico che spiega perché ci preoccupiamo delle altre persone. Ad esempio, hanno recentemente riportato uno studio che supporta l’idea che l’ACC sia la chiave per il circuito empatico.

Più nello specifico, lo studio mostra che il cosiddetto ACC sottogenere viene attivato quando le persone “imparano” a compiere atti generosi.

Un altro studio ha dimostrato che il giro supramarginale destro aiuta a tenere sotto controllo il nostro egoismo. L’area del cervello ci consente di disaccoppiare i nostri interessi e sentimenti da quelli di altre persone, e grazie a questa regione siamo in grado di condividere la tristezza di qualcun altro anche quando siamo felici con le nostre vite.

Abbiamo parlato molto delle aree cerebrali che regolano l’empatia, ma anche gli ormoni svolgono un ruolo. In uno studio recente riportato da, gli scienziati hanno scoperto che l’ossitocina – popolarmente conosciuta come “l’amore” o l’ormone “attaccamento” perché la secerniamo durante il contatto fisico con i nostri cari – è cruciale per la nostra capacità di empatia.

Ma nonostante tutti questi progressi, resta ancora molto da scoprire. Parlando di questo, il Prof. Baron-Cohen ha detto: “Se hai due gemelli identici cresciuti nello stesso ambiente, perché uno di loro dovrebbe avere più empatia di un altro?”

“Potrebbero essere differenze nella loro esperienza sociale, compreso il modo in cui gli stessi genitori trattano ogni gemello in modo diverso […] o potrebbero essere fattori epigenetici”.

“Sappiamo ancora molto poco sulle differenze individuali nell’empatia. […] Avremo bisogno di un’elegante ricerca sperimentale per risolvere questi enigmi”.

Prof. Simon Baron-Cohen

Cosa possiamo fare per migliorare la nostra empatia?

Come la storia ci insegna, un’empatia insufficiente per coloro che differiscono da noi stessi può talvolta condurre a guerre e persino farci commettere atrocità contro i nostri simili. Ciò ha spinto il Prof. Baron-Cohen a riferirsi all’empatia, nel video qui sotto, come “la nostra risorsa più preziosa per la risoluzione dei conflitti”.

Sebbene l ‘”erosione dell’empatia” possa far sì che le persone trattino i loro simili in modi immensamente crudeli, la buona notizia è che l’empatia è qualcosa che possiamo imparare.

Uno studio recente mostra che solo poche interazioni con membri di un gruppo che normalmente percepiamo come “strani” o “altro” possono innescare un “effetto di apprendimento” nel cervello e aumentare la risposta empatica per coloro che sembrano diversi da noi.

Quindi, quali sono alcune altre cose pratiche che possiamo fare per estendere la nostra empatia? Per prima cosa, possiamo tutti leggere più romanzi; un altro recente studio suggerisce che la semplice lettura di più fiction può eccitare la nostra immaginazione a livelli che possono essere effettivamente osservati in una macchina fMRI, e che le persone che leggono in modo coerente più fiction ottengono punteggi molto più alti nei test di empatia.

Parlando di ciò che possiamo fare per migliorare la nostra empatia, il prof. Baron-Cohen suggerisce che l’empatia possa effettivamente essere insegnata nelle scuole. Dice “Il curriculum scolastico in genere non include lezioni di empatia, ma queste potrebbero essere provate”.

“Un esempio in Israele e in Palestina è la straordinaria organizzazione benefica […] mano nella mano in cui i bambini stanno imparando che ci sono altre prospettive oltre la […] loro, che il” nemico “è in realtà una persona con sentimenti che possono si sentono minacciati anche […] e anche se non sei d’accordo con qualcuno puoi farlo con gentilezza o affetto “.

Prof. Simon Baron-Cohen

Like this post? Please share to your friends: