Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Endocardite: cosa devi sapere

L’endocardite è una condizione rara che coinvolge l’infiammazione del rivestimento del cuore, dei muscoli cardiaci e delle valvole cardiache.

È anche noto come endocardite infettiva (IE), endocardite batterica (BE), endocardite infettiva e endocardite fungina.

Un’infezione dell’endocardio provoca endocardite. L’infezione è normalmente causata da batteri streptococco o stafilococco. Raramente, può essere causato da funghi o altri microrganismi infettivi.

È due volte più comune negli uomini che nelle donne. Negli Stati Uniti, oltre il 25% dei casi riguarda persone di età pari o superiore a 60 anni.

Gli studi suggeriscono che l’endocardite colpisce almeno 4 persone su 100.000 ogni anno e che il numero è in aumento.

Trattamento

Il corso principale del trattamento è antibiotico, ma a volte è necessario un intervento chirurgico.

antibiotici

La maggior parte dei pazienti con endocardite riceverà antibiotici. Questi saranno somministrati per via endovenosa, attraverso una flebo, quindi il paziente dovrà rimanere in ospedale. Le analisi del sangue regolari monitoreranno l’efficacia del farmaco.

I pazienti possono di solito andare a casa quando la loro temperatura ritorna normale ei sintomi si sono attenuati, ma la maggior parte continuerà a prendere antibiotici a casa.

Il paziente deve rimanere in contatto con il proprio medico per assicurarsi che il trattamento sia efficace e che gli effetti collaterali non impediscano il recupero.

Gli antibiotici più comunemente usati sono la penicillina e la gentamicina. I pazienti che sono allergici alla penicillina possono essere trattati con vancomicina. Il trattamento antibiotico dura normalmente da 2 a 6 settimane, a seconda della gravità dell’infezione, tra le altre cose.

Chirurgia

Se l’endocardite ha danneggiato il cuore, può essere necessario un intervento chirurgico.

[chirurgia cardiaca]

La chirurgia è raccomandata se:

  • la valvola cardiaca è talmente danneggiata da non chiudersi abbastanza strettamente, e il rigurgito si verifica, dove il sangue ritorna nel cuore
  • l’infezione continua perché il paziente non risponde ai farmaci antibiotici o antifungini
  • grossi gruppi di batteri e cellule o vegetazioni sono attaccati a una valvola cardiaca

La chirurgia può riparare un difetto cardiaco o valvole cardiache danneggiate, sostituirle con quelle artificiali o drenare gli ascessi che si sono sviluppati all’interno del muscolo cardiaco.

Le cause

[cuore - endocardite]

L’endocardite può verificarsi quando batteri o funghi entrano nel corpo a causa di un’infezione o quando i batteri normalmente innocui che vivono nella bocca, nel tratto respiratorio superiore o in altre parti del corpo attaccano il tessuto cardiaco.

Normalmente, il sistema immunitario può distruggere questi microrganismi indesiderati, ma qualsiasi danno alle valvole cardiache può consentire loro di attaccarsi al cuore e moltiplicarsi.

Ciuffi di batteri e cellule, o vegetazione, si formano sulle valvole cardiache. Questi grumi rendono più difficile il corretto funzionamento del cuore.

Possono causare ascessi alle valvole e al muscolo cardiaco, danneggiare il tessuto e portare a anomalie nella conduzione elettrica.

A volte, un grumo può staccarsi e diffondersi in altre aree, come i reni, i polmoni e il cervello.

Un problema o una procedura dentale che provoca un’infezione può innescarlo. Una cattiva salute dei denti o delle gengive aumenta il rischio di endocardite, poiché questo rende più facile l’ingresso dei batteri. Una buona igiene dentale aiuta a prevenire le infezioni cardiache.

Altre procedure chirurgiche possono consentire l’ingresso di batteri, inclusi test per esaminare il tratto digestivo, ad esempio una colonscopia. Anche le procedure che influenzano il tratto respiratorio, le vie urinarie, compresi i reni, la vescica e l’uretra, la pelle, le ossa e i muscoli, sono fattori di rischio.

Un difetto cardiaco può aumentare il rischio di sviluppare endocardite se i batteri entrano nel corpo. Questo può includere un difetto dalla nascita, una valvola cardiaca anormale o tessuto cardiaco danneggiato. Le persone con una valvola cardiaca artificiale hanno un rischio più elevato.

Un’infezione batterica in un’altra parte del corpo, ad esempio, una pelle dolorante o una malattia gengivale, può portare alla diffusione di batteri. L’iniezione di droghe con aghi impuri è un fattore di rischio. Chiunque sviluppi sepsi è a rischio di endocardite.

Infezioni sessualmente trasmissibili (STI), come la clamidia o la gonorrea, rendono più facile per i batteri entrare nel corpo e raggiungere il cuore.

Un’infezione da Candida può causare l’endocardite.

Malattia infiammatoria intestinale (IBD) o qualsiasi disturbo intestinale può anche aumentare il rischio, ma il rischio di una persona con IBD che sviluppa endocardite è ancora basso.

Gli strumenti chirurgici o medici usati nel trattamento, come un catetere urinario o un farmaco endovenoso a lungo termine possono aumentare il rischio.

Sintomi

I sintomi variano tra individui e i singoli sintomi possono cambiare nel tempo.

Nell’endocardite subacuta, i sintomi compaiono lentamente nell’arco di diverse settimane e possibilmente diversi mesi.

Raramente, l’infezione si sviluppa rapidamente e i sintomi appaiono bruscamente. Questo è chiamato endocardite acuta e i sintomi tendono ad essere più gravi.

L’endocardite è difficile da diagnosticare. I sintomi possono variare in gravità, a seconda del tipo di batteri o funghi che causano l’infezione. I pazienti con problemi cardiaci sottostanti tendono ad avere sintomi più gravi.

I sintomi possono includere:

[l'endocardite può causare dolore toracico]

  • una temperatura elevata, o febbre
  • un nuovo o diverso soffio al cuore
  • dolore muscolare
  • sanguinamento sotto le unghie o le unghie dei piedi
  • vasi sanguigni rotti negli occhi o nella pelle
  • dolore al petto
  • tosse
  • mal di testa
  • mancanza di respiro o ansimare
  • piccoli grumi dolorosi, rossi o viola o noduli, sulle dita delle mani o dei piedi o su entrambi
  • piccole, indolori, macchie piatte sulla pianta dei piedi o sui palmi delle mani
  • piccoli punti dai vasi sanguigni rotti sotto le unghie, sul bianco degli occhi, sul petto, sul tetto della bocca e dentro le guance
  • sudorazione, compresi sudorazioni notturne
  • gonfiore degli arti o dell’addome
  • sangue nelle urine
  • debolezza, stanchezza e stanchezza
  • perdita di peso inaspettata

Questi sintomi potrebbero non essere specifici per l’endocardite.

Diagnosi

Il medico chiederà informazioni sull’anamnesi del paziente e identificherà eventuali problemi cardiaci e recenti procedure o test medici, come operazioni, biopsie o endoscopie.

Controlleranno anche febbre, noduli e altri segni e sintomi, come un soffio al cuore o un soffio al cuore alterato se il paziente ne avesse già uno.

Una serie di test può essere utilizzata per confermare l’endocardite. I sintomi dell’endocardite possono sovrapporsi a quelli di altre condizioni, quindi potrebbe essere necessario escluderli prima. Questo potrebbe richiedere del tempo.

I seguenti test possono essere fatti:

  • Test della coltura ematica: per verificare la presenza di batteri o funghi nel sangue del paziente. Se ne vengono trovati, vengono solitamente testati con alcuni antibiotici per scoprire quale sia il trattamento migliore.
  • Tasso di sedimentazione degli eritrociti (ESR): misura la velocità con cui i globuli rossi cadono sul fondo di una provetta piena di liquido. Più velocemente cadono, più è probabile che vi sia una condizione infiammatoria, come l’endocardite. La maggior parte dei pazienti con endocardite ha un’ESR elevata. Il sangue raggiunge il fondo del liquido più rapidamente del normale.
  • Ecocardiogramma: le onde sonore producono immagini delle parti del cuore, inclusi muscoli, valvole e camere. Questo mostra la struttura e il funzionamento del cuore in modo più dettagliato. Un ecocardiogramma può rivelare gruppi di batteri e cellule, noti come vegetazioni e tessuto cardiaco infetto o danneggiato.

Una scansione CT può aiutare a individuare eventuali ascessi nel cuore.

complicazioni

Le complicanze sono più probabili se l’endocardite non viene curata o se il trattamento viene ritardato.

  • Le valvole cardiache danneggiate aumentano il rischio di insufficienza cardiaca.
  • Se i ritmi cardiaci sono influenzati, possono verificarsi aritmia o battito cardiaco irregolare.
  • L’infezione può diffondersi nel cuore e in altri organi, come i reni, i polmoni e il cervello.
  • Se le vegetazioni si interrompono, possono attraversare il flusso sanguigno verso altre parti del corpo e causare infezioni e ascessi altrove.

La vegetazione che raggiunge il cervello e rimane bloccata può causare ictus o cecità. Un grande frammento di vegetazione può rimanere bloccato in un’arteria e bloccare il flusso sanguigno.

Fattori di rischio

Una persona può essere ad alto rischio di sviluppare endocardite se:

  • avere una condizione o malattia cardiaca esistente
  • ha avuto un intervento chirurgico di sostituzione del cuore o ha ricevuto una valvola cardiaca artificiale
  • ha avuto una malattia, come la febbre reumatica, che ha danneggiato a una valvola cardiaca
  • hanno ricevuto un pacemaker
  • hanno regolarmente ricevuto droghe per via endovenosa
  • sono in convalescenza dopo una grave malattia batterica, come la meningite o la polmonite
  • avere un sistema immunitario che è cronicamente soppresso, per esempio a causa del diabete o dell’HIV, o se ha un cancro o sta ricevendo la chemioterapia

Mentre le persone invecchiano, le loro valvole cardiache degenerano, aumentando il rischio di endocardite.

Prospettive e prevenzione

L’endocardite non trattata è sempre fatale, ma con un trattamento precoce, che comporta un uso aggressivo di antibiotici, la maggior parte dei pazienti sopravvive.

Tuttavia, può ancora essere fatale nelle persone anziane, nei pazienti con una condizione di base e in quelli la cui infezione coinvolge un tipo di batterio resistente.

Il National Heart, Lung and Blood Institute (NHLBI) incoraggia coloro che sono a rischio di endocardite a sottoporsi regolarmente a controlli dentali ea spazzolare e passare il filo interdentale regolarmente.

Dal 2007, l’American Heart Association (AHA) ha raccomandato che quelli con un alto rischio di endocardite dovrebbero ricevere antibiotici prima di sottoporsi a procedure dentistiche.

Like this post? Please share to your friends: